Le avventure di League of Champions nella memoria

Le avventure di League of Champions nella memoria

Il Bayern Monaco non se la caverà bene. È passato meno di un mese da quando il club ha licenziato Julian Nagelsmann, l’allenatore pagato più di 25 milioni di dollari per assumerlo, almeno in parte perché sono andato a sciare in un momento ritenuto inopportuno. Difficilmente il club alzerà le spalle per essere eliminato non solo dalla Champions League ma anche dalla Coppa di Germania in pochi giorni.

Appena insediato come sostituto di Nagelsmann, Thomas Tuchel dovrebbe essere al sicuro per il momento, ma intorno a lui ci sarà una sfumatura di cambiamento. Oliver Kahn, l’iconico portiere diventato amministratore delegato, è sotto esame. Hasan Salihamidzic, altro ex giocatore e attuale direttore sportivo del Bayern, non si fermerà. Herbert Hainer, presidente del club, ha già lasciato intendere che ci saranno anche turbolenze tra le squadre.

Se tutto ciò avrà l’effetto desiderato è una questione diversa. Mercoledì sera, guardando il Manchester City attaccare il Bayern, c’era la sensazione che due squadre si stessero muovendo in direzioni opposte. Senza dubbio sta iniziando un’era che appartiene al City e ai suoi nuovi colleghi dell’élite calcistica. Il giocatore dominato dal Bayern Monaco e dai suoi simili sta scivolando nel passato.

Tuttavia, l’intero quadro è molto più complesso e molto più semplice di così.

No, il Bayern non può competere con il City, non a lungo termine: le forze combinate della cultura aziendale bavarese non possono competere con questa particolare miscela di ricchezza della Premier League e risorse dello stato-nazione. Sono finiti i giorni in cui il Bayern poteva essenzialmente operare come una squadra all-star in Bundesliga, strappando i migliori giocatori ai rivali per perpetuare il proprio dominio nazionale e la rilevanza europea. Come la Juventus e il Barcellona prima, il Bayern a un certo punto acconsentirà o si inchinerà alla supremazia economica dell’Inghilterra.

READ  Attuazione italiana di sanzioni economiche mirate

Ma le tendenze macroeconomiche decennali non possono essere facilmente ridotte a quasi due ore di calcio. Anche in un gioco che sembrava segnare la tendenza per l’intero sport, i margini erano incredibilmente buoni. In questo caso, si riduce al fatto che il City ha un terrificante marcatore – Erling Haaland, potresti averlo sentito nominare – e il Bayern, fondamentalmente, no. La squadra di Tuchel ha creato una mezza dozzina di belle occasioni prima che Haaland segnasse a Monaco. Semplicemente non ne ha preso nessuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *