Le autopsie mostrano il virus COVID-19 nel cervello e in altre parti del corpo

sommario: I campioni di tessuto dell’autopsia di 44 persone morte di COVID-19 hanno mostrato che SAR-CoV-2, il virus responsabile del coronavirus, si è diffuso in tutto il corpo e nel cervello, con tracce del virus rimaste per 8 mesi.

Fonte: Università del Minnesota

L’analisi dei campioni di tessuto dalle autopsie di 44 persone morte con COVID-19 mostra che il virus SARS-CoV-2 si è diffuso in tutto il corpo, compreso il cervello, e ha persistito per circa otto mesi.

Lo studio è stato pubblicato in natura.

Scienziati del National Institutes of Health (NIH) hanno testato campioni di autopsie condotte da aprile 2020 a marzo 2021. Hanno condotto ampi campioni del sistema nervoso, compreso il cervello, in 11 dei pazienti.

RNA e virus vitali in vari organi

Tutti i pazienti sono morti di COVID-19 e nessuno è stato vaccinato. Il plasma sanguigno di 38 pazienti è risultato positivo per SARS-CoV-2, tre sono risultati negativi e il plasma non era disponibile per altri tre.

Il 30% dei pazienti era di sesso femminile e l’età media era di 62,5 anni. Ventisette pazienti (61,4%) presentavano tre o più comorbilità. Il periodo medio dall’insorgenza dei sintomi alla morte è stato di 18,5 giorni.

L’analisi ha mostrato che SARS-CoV-2, come previsto, infetta e danneggia principalmente le vie aeree e il tessuto polmonare. Ma i ricercatori hanno anche trovato l’RNA virale in 84 siti distinti di fluidi corporei e in un caso hanno isolato l’RNA virale 230 giorni dopo l’inizio dei sintomi di un paziente.

I ricercatori hanno rilevato l’RNA e la proteina SARS-CoV-2 nell’ipotalamo e nel cervelletto di un paziente e nel midollo spinale e nei gangli della base di altri due pazienti. Ma hanno trovato pochi danni al tessuto cerebrale, “nonostante la significativa carica virale”.

READ  I ricercatori hanno esplorato i fattori associati all'invecchiamento ottimale

I ricercatori hanno anche isolato il virus SARS-CoV-2 vitale da una varietà di tessuti all’interno e all’esterno del tratto respiratorio, inclusi cervello, cuore, linfonodi, tratto gastrointestinale, ghiandole surrenali e occhi. Hanno isolato il virus da 25 dei 55 campioni testati (45%).

Gli autori scrivono: “Abbiamo dimostrato la replicazione del virus in diversi siti non respiratori durante le prime due settimane dopo l’insorgenza dei sintomi”.

RNA in situ (RNAscope) per la rilevazione di SARS-CoV-2 nei tessuti extrapolmonari. Credito: i ricercatori

Aggiungono: “La nostra attenzione su brevi periodi post mortem, un approccio standard completo alla raccolta dei tessuti, la dissezione cerebrale pre-fissazione, la successiva conservazione del tessuto nell’RNA e il congelamento rapido del tessuto fresco ci hanno permesso di rilevare e quantificare l’RNA SARS-CoV-2 livelli ad alta sensibilità da [polymerase chain reaction] E il [in situ hybridization]così come l’isolamento del virus nella coltura cellulare da più tessuti non respiratori compreso il cervello, che sono notevoli differenze rispetto ad altri studi.

Le potenziali ripercussioni del virus Corona per lungo tempo

“Il pensiero sul campo era che SARS-CoV-2 fosse principalmente un virus respiratorio”, ha detto l’autore senior dello studio Daniel Cherto, MD, MPH, in un comunicato stampa del NIH, prima del lavoro.

La scoperta della presenza del virus in tutto il corpo – e la condivisione di tali risultati con i colleghi un anno fa – ha aiutato gli scienziati a esplorare la relazione tra tessuti corporei ampiamente infetti e “COVID lungo”, o sintomi che persistono per settimane e mesi dopo l’infezione.

Parte dello studio Paxlovid RECOVER che dovrebbe iniziare nel 2023 include un’estensione del lavoro di autopsia descritto in natura Lo studio, secondo il coautore Stephen Hewitt, MD, PhD, che fa parte del comitato direttivo del progetto RECOVER. Le autopsie nello studio RECOVER includono persone vaccinate e infettate con varianti preoccupanti, dati che non erano disponibili nello studio di ieri.

READ  Buco nero che vaga per la Via Lattea spiato da Hubble

“Speriamo di replicare i dati sulla persistenza del virus e studiare la relazione con il COVID a lungo termine”, ha affermato Hewitt. “Meno di un anno dopo, abbiamo circa 85 casi e stiamo lavorando per espandere questi sforzi”.

Guarda anche

Questo mostra l'inalatore per l'asma e il diagramma della testa

A proposito di questa notizia sulla ricerca sul COVID-19 e sulle neuroscienze

autore: Jim Wabbs
Fonte: Università del Minnesota
comunicazione: Jim Wabbs – Università del Minnesota
immagine: Crediti immagine ai ricercatori

Ricerca originale: Accesso chiuso.
Infezione da SARS-CoV-2 e persistenza nel corpo umano e nel cervello all’autopsiaDi Sydney R. Stein et al. natura


un sommario

Infezione da SARS-CoV-2 e persistenza nel corpo umano e nel cervello all’autopsia

È noto che la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) causa disfunzione multiorgano durante l’infezione acuta da sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2 (SARS-CoV-2), con alcuni pazienti che manifestano sintomi a lungo termine, chiamati sequele. di SARS-CoV-2.

Tuttavia, il peso dell’infezione al di fuori delle vie respiratorie e il tempo alla clearance virale non sono ben descritti, in particolare nel cervello.

Qui abbiamo eseguito autopsie complete su 44 pazienti deceduti per COVID-19, prelevando un ampio campionamento del sistema nervoso centrale in 11 di questi pazienti, per mappare e quantificare la distribuzione, la ricorrenza e la specificità del tipo cellulare di SARS-CoV-2 in tutto il corpo umano, tra cui il cervello Dall’infezione acuta a più di sette mesi dopo l’insorgenza dei sintomi.

Abbiamo dimostrato che SARS-CoV-2 circola ampiamente, prevalentemente tra i pazienti deceduti a causa di COVID-19 grave, e che la replicazione virale è presente in molti tessuti respiratori e non, compreso il cervello, all’inizio dell’infezione. Inoltre, in un caso abbiamo rilevato la persistenza dell’RNA SARS-CoV-2 in più siti anatomici, incluso tutto il cervello, fino a 230 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi.

READ  Gli scienziati israeliani avvertono del ritorno del Delta in estate

Nonostante l’ampia distribuzione dell’RNA SARS-CoV-2 in tutto il corpo, abbiamo osservato poche prove di infiammazione o malattia cellulare virale diretta al di fuori delle vie respiratorie. I nostri dati indicano che in alcuni pazienti SARS-CoV-2 può causare un’infezione sistemica e persistere nell’organismo per diversi mesi.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Quali sono i principali eventi sportivi nel 2023? Programma di eventi di grandi dimensioni, date e elenco del calendario sportivo
Next Post L’economia indiana è destinata a ricevere una spinta dal G20