Le alghe verdi possono aiutare a prevenire che il virus COVID-19 colpisca le cellule umane: Studio

Le cellule sono state esposte sia al coronavirus che a Olvan. Si scopre che il coronavirus in presenza di olvan non infetta le cellule. & nbsp | & nbsp Fonte immagine: & nbspiStock Images

i punti principali

  • Uno studio ha rivelato che una sostanza estratta da alghe marine commestibili può aiutare a fermare la diffusione del virus Corona.
  • Lo studio è ancora nelle sue fasi iniziali, ma speriamo che la scoperta venga utilizzata in futuro per sviluppare un farmaco efficace e accessibile che prevenga l’infezione con il virus Corona.
  • Quindi hanno deciso di testare l’olvan perché può essere estratto da un’alga comune.

Gerusalemme: Uno studio ha rivelato che una sostanza estratta da alghe marine commestibili può aiutare a fermare la diffusione del virus Corona.

I ricercatori dell’Università di Tel Aviv (TAU) hanno affermato che l’olfano, un importante polisaccaride solubile in acqua estratto dalla parete cellulare delle alghe verdi, può aiutare a prevenire l’infezione da parte del coronavirus delle cellule umane, riporta il Jerusalem Post.

“Non avere accesso ai vaccini uccide molte vittime e accelera persino la creazione di nuove varianti”, ha affermato il professor Alexander Golberg di TAU.

Ha aggiunto: “Lo studio è ancora nelle sue fasi iniziali, ma speriamo che la scoperta venga utilizzata in futuro per sviluppare un farmaco efficace e accessibile che prevenga l’infezione con il virus Corona. I risultati che abbiamo raggiunto in questa fase suscitano cautela. ottimismo.” Uno studio pubblicato su PeerJ, una rivista scientifica sottoposta a revisione paritaria.

Poiché altre ricerche hanno dimostrato che alcuni composti di alghe hanno proprietà antivirali, il team ha deciso di volerli valutare contro il Covid.

READ  Come il polpettone errante ha ottenuto i suoi denti duri come la roccia

Quindi hanno deciso di testare l’olvan perché può essere estratto da un’alga comune.

“Olvan viene estratto da un’alga marina chiamata olfa, chiamata anche “lattuga di mare” ed è un alimento in luoghi come il Giappone, la Nuova Zelanda e le Hawaii”, ha detto Golberg. “In precedenza era stato riferito che olvan è efficace contro i virus in agricoltura e anche contro alcuni virus umani – e quando è arrivato il coronavirus, abbiamo chiesto di testarne l’attività”.

Coltivarono l’alga olfa, ne estraerono l’olfano e lo inviarono al Southern Research Institute in Alabama. Lì, il team americano ha costruito un modello cellulare per valutare l’attività della sostanza prodotta nel laboratorio di Golberg.

Le cellule sono state esposte sia al coronavirus che a Olvan. Si scopre che il coronavirus in presenza di olvan non infetta le cellule. “In altre parole, l’olfano impedisce alle cellule di essere infettate dal coronavirus”, ha detto.

Ha sottolineato che la cosa migliore è vaccinare il mondo. Tuttavia, è diventato chiaro che è improbabile che ciò accada, almeno rapidamente.

“Finché miliardi di persone nel mondo a basso reddito non avranno accesso a un vaccino, si prevede che il virus svilupperà sempre più varianti, che potrebbero essere resistenti ai vaccini – e la guerra contro il coronavirus continuerà”, ha affermato Golberg. “Per questo motivo, è così importante, per il bene di tutta l’umanità, trovare una soluzione economica e accessibile che si adatti anche alle popolazioni economicamente vulnerabili dei paesi in via di sviluppo”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Video: recensione Ice 70 – un incrociatore medio lussuoso e veloce
Next Post The Hole in the Fence di Joaquin del Paso vince il primo premio al Cairo Film Festival