L’Austria annuncia il mandato per il vaccino contro il Covid, superando la soglia per l’Europa

ROMA – L’Austria venerdì è diventata la prima democrazia occidentale ad annunciare che imporrà le vaccinazioni Covid per tutti i residenti adulti mentre si prepara per un blocco nazionale da lunedì.

Il provvedimento straordinario dell’Austria, che solo pochi giorni fa si è separata dal resto d’Europa imponendo il divieto alle persone non vaccinate, che stanno provocando un aumento dei contagi, ha portato a un’altra preoccupante constatazione sulla gravità della quarta ondata di virus in Europa. Ora l’epicentro dell’epidemia.

Ma ha anche dimostrato che i governi sempre più disperati stanno perdendo la pazienza con gli scettici sui vaccini e stanno passando da misure volontarie a misure obbligatorie per promuovere le vaccinazioni e sconfiggere un virus che non mostra segni di cedimento, preoccupando i mercati globali per la prospettiva di una temporanea continuazione della ripresa economica. retrocedere.

Alcuni paesi europei, tra cui la Germania, che una volta sembravano essere un modello per gestire il virus, stanno affrontando i peggiori livelli di infezioni in quasi due anni dall’inizio della pandemia.

Le autorità sanitarie affermano che l’aumento è guidato dalla resistenza ostinata alla vaccinazione in profonde tasche della popolazione e dal freddo che spinge le persone a chiudersi in casa e allenta le restrizioni, piuttosto che da nuove variabili.

“Per molto tempo – forse per molto tempo – io e altri abbiamo creduto che le persone in Austria dovessero essere persuase a vaccinare volontariamente”, ha detto venerdì il cancelliere austriaco Alexander Schallenberg. “Quindi abbiamo preso una decisione molto difficile per introdurre un mandato nazionale per il vaccino”.

Con la sua ultima mossa, l’Austria è molto più avanti di altre nazioni europee che hanno raggiunto una soglia che un tempo sembrava impensabile, ma non l’hanno ancora varcata. L’annuncio ha scatenato un’immediata minaccia di violente proteste questo fine settimana da parte dei leader dei movimenti anti-vaccini e del Partito della Libertà di estrema destra, che hanno paragonato i recenti mandati del governo a quelli di una dittatura.

Molti paesi europei hanno già istituito mandati in tutto tranne che nel nome, richiedendo rigorose autorizzazioni sanitarie come prova di vaccinazione, guarigione da un’infezione o un test negativo per partecipare alla maggior parte delle funzioni sociali, viaggiare o andare al lavoro. Molti stanno già chiedendo ai bambini di essere vaccinati contro il morbillo e altre malattie per andare a scuola.

L’idea di richiedere agli adulti di essere vaccinati contro il Covid era una linea che l’Europa sembrava non voler superare, tuttavia, con i leader che spesso confrontavano il loro rispetto per le libertà civili con quello degli stati di stampo autoritario.

READ  L'Arabia Saudita partecipa al vertice del G20 come membro della Troika

Ma proprio come il blocco è diventato un dato di fatto, i mandati per i vaccini stanno diventando sempre più ragionevoli. I legislatori tedeschi hanno votato in parlamento giovedì per costringere le persone non vaccinate ad andare al lavoro o utilizzare i mezzi pubblici per presentare i risultati dei test giornalieri. Il tasso di vaccinazione del paese tra gli adulti è di circa il 79%, secondo i dati del Robert Koch Institute in Germania. Il tasso è tra i più bassi dell’Europa occidentale.

Venerdì, a Jens Spahn, ministro della salute in carica della Germania, è stato chiesto se fosse possibile un blocco generale nel paese. “Siamo in una posizione in cui nulla dovrebbe essere escluso”, ha detto.

Lo spettro di un blocco in Germania, la più grande economia europea, ha messo a dura prova i mercati europei affamati di ripresa economica e vendite durante la stagione dello shopping natalizio.

Il ministro della salute austriaco, Wolfgang Mochstein, ha affermato che il nuovo mandato vaccinale dell’Austria entrerà in vigore a febbraio, sperando che ci sia un incentivo per quante più persone possibile a iscriversi alle vaccinazioni iniziali, ma anche a ricevere dosi di richiamo.

Ciò ha anche dato ai leader il tempo di formalizzare le linee guida legali per l’autorizzazione, ha affermato, aggiungendo che ci sarebbero state eccezioni per le persone che non potevano vaccinare.

Il Dipartimento della Sanità ha affermato che l’annuncio di venerdì è stato solo il primo passo per elaborare una legge che stabilisca il mandato, un processo che coinvolga la società civile e lo esamini da vicino. Ha detto che i dettagli su come la legge sarebbe stata implementata e applicata non sarebbero stati disponibili fino al completamento del processo.

Il ministro della salute ha affermato che il governo era fiducioso che una legge potesse essere redatta entro i limiti della costituzione, citando il precedente mandato nazionale per combattere il vaiolo approvato nel 1948.

Le misure sembravano volte a salvare un’altra stagione sciistica e il Natale a rischio.

Il cancelliere austriaco ha affermato che la chiusura, la prima dalla primavera, sarà valutata dopo 10 giorni e non prorogata oltre il 13 dicembre, per garantire che le persone possano festeggiare il Natale e che i negozi non perdano le vendite delle festività. Ma il ministro dell’Economia del paese stava già lavorando a un pacchetto di compensazione per alcune aziende.

READ  La piccola impresa è vitale. Il piano economico di Biden li terrà a galla

L’Austria ha registrato 15.809 casi di nuovo coronavirus nelle ultime 24 ore, secondo i dati diffusi venerdì, mettendo a dura prova il sistema sanitario del Paese, che ha raggiunto i suoi limiti.

Roberto Burioni, un importante virologo italiano dell’Università San Raffaele di Milano, ha affermato che la spiegazione dell’epidemia in Austria è stata “abbastanza semplice: tassi di vaccinazione più bassi, meno procedure, un periodo dell’anno in cui i virus respiratori sono comuni”. Ha descritto il rifiuto di molte persone in Austria di essere vaccinate come “veramente deludente”.

Non c’è stata ancora alcuna indicazione di una nuova specie alla guida dell’infezione.

Gli epidemiologi hanno affermato che la variante delta altamente contagiosa era già cresciuta fino a dominare la maggior parte dell’Europa durante l’estate. Hanno detto che versioni delta con nuove mutazioni sono apparse qualche mese fa, ma nessuna di queste è aumentata in modo tale da spiegare l’attuale aumento.

Né la diminuzione dell’immunità dai vaccini potrebbe svolgere un ruolo importante perché la maggior parte dell’Europa è rimasta indietro rispetto agli Stati Uniti nel vaccinare la sua popolazione.

Invece, il virus ha trovato spazio per diffondersi tra i non vaccinati, affermano gli epidemiologi, fornendo al virus apparentemente fugace un punto d’appoggio da cui si è diffuso in tutto il continente.

Tassi di vaccinazione drammaticamente bassi in Europa orientale, come in Romania e Bulgaria, hanno avuto conseguenze disastrose, con tassi di ospedalizzazione lì alti come in qualsiasi momento da quando il virus è emerso per la prima volta.

L’Italia, che confina con l’Austria, ha attribuito l’alto numero di casi nelle sue regioni settentrionali alle infezioni provenienti dal nord del confine. Quelle regioni del nord Italia hanno chiesto nei giorni scorsi al governo nazionale di inasprire le restrizioni contro i non vaccinatori, compresa una tessera sanitaria più severa.

L’attuale tessera sanitaria italiana, nota come Passaggio Verde, era fino a poco tempo fa la misura più severa in Europa ed era un prerequisito per le imprese. Richiede o una vaccinazione, un tampone ogni giorno, o l’ultima guarigione dal Covid.

Nelle ultime settimane, i capi regionali Suggerimenti in tavola Applicare qualsiasi altra restrizione esclusivamente ai non vaccinatori. Per ora, quelle proposte non sono state prese seriamente in considerazione, hanno detto i funzionari del governo italiano.

Il governo ha sostenuto che le prime misure coraggiose del paese, dopo un acceso dibattito, hanno contribuito a produrre alti tassi di vaccinazione che per il momento gli hanno permesso di evitare misure come quelle in Austria.

READ  UniCredit si conferma leader di mercato nei microbond: 100 piccole e medie imprese italiane sono ora garantite da 690 milioni di euro (+51% in un anno)

Ma Alberto Sirio, presidente della Regione Piemonte nord, ha affermato che per tutelare i cittadini che sono stati vaccinati, ascoltato la scienza e svolto il loro dovere pubblico, le azioni devono concentrarsi sulla punizione dei non vaccinati.

Ha detto che i blocchi si sono dimostrati strumenti efficaci, ma venerdì ha detto alla televisione italiana che la domanda era “Chi dovremmo fermare?” La risposta, disse, era che chiaramente non era stata vaccinata.

In Grecia, dove le infezioni sono aumentate, giovedì il primo ministro Kyriakos Mitsotakis ha annunciato ulteriori restrizioni sulla popolazione non vaccinata del paese. Ha detto durante un discorso televisivo che da lunedì prossimo l’accesso a più spazi interni sarà limitato ai vaccinatori.

La Francia ha richiesto alle persone di produrre un certificato di vaccinazione per entrare in luoghi pubblici come teatri o musei e ha ampliato la regola ad agosto per includere ristoranti e treni a lunga percorrenza. La Repubblica Ceca, che ha registrato il maggior numero di casi dall’inizio della pandemia, lunedì bandirà dai suoi ristoranti, bar e parrucchieri le persone che non hanno un permesso di vaccinazione o prove di una precedente infezione da virus Covid.

Il governatore della Sassonia, lo stato tedesco più colpito dall’ultimo focolaio del virus, ha annunciato restrizioni a partire da lunedì, compresi il divieto di determinati eventi e grandi raduni indipendentemente dallo stato di vaccinazione dei presenti.

Il livello di politicizzazione intorno ai vaccini Covid, fortemente osteggiato da alcuni gruppi di estrema destra e populisti, e la cautela sulla novità dei vaccini hanno alimentato lo scetticismo contro i vaccini.

Schallenberg, il cancelliere austriaco, ha specificamente chiamato le parti che hanno dato soccorso a tali sospetti, apparentemente in riferimento al Partito della Libertà di estrema destra, che aveva già convocato una manifestazione per protestare contro il nuovo provvedimento sabato.

“Abbiamo molte forze politiche in questo paese che stanno combattendo molto duramente e intensamente contro questo”, ha detto. “Questo è irresponsabile. È un attacco al nostro sistema sanitario. Motivati ​​da queste persone anti-vaccinazione e da notizie false, molti di noi non sono stati vaccinati. Il risultato sono centri di terapia intensiva pieni e enormi sofferenze umane. Nessuno può volere Quello.”

“Per molto tempo il consenso politico è stato che non vogliamo imporre un vaccino, ma dobbiamo essere realistici”, ha aggiunto.

Jason Horowitz segnalato da Roma, e Melissa Eddy da Berlino. Christopher F Schwitz Reportage contribuito da Berlino, Eliane Peltier da Bruxelles e Karl Zimmer dal Connecticut.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post “Cowboy Bebop” è un adattamento stonato che cattura il colore jazz ma non lo spirito dell’originale
Next Post Lavorare con i miei figli alla AEW mi fa sentire giovane