L’attrice “Doctor Strange” e suo marito sono stati giudicati colpevoli di aver aggredito sessualmente due adolescenti

Dott. Garib L’attore Zara Vithian e suo marito, Victor Mark, sono stati giudicati colpevoli mercoledì presso il Nottingham Crown Court di violenza sessuale su un bambino, secondo BBC News.

Phythian – descritto come “Brunette Zealot” nel film Marvel del 2016 – e Mark è stato condannato per 14 conteggi di attività sessuale con un bambino, di cui ha abusato tra il 2005 e il 2008 quando la vittima aveva 13, 14 e 15 anni. Mark è stato anche condannato per quattro capi di imputazione per aver aggredito indecentemente un’altra bambina, che aveva 15 anni quando ha abusato di lei tra il 2002 e il 2003.

Secondo la BBC, Phythian ha negato l’abuso sessuale di un bambino, mentre Marke ha ammesso di aver intrapreso un’attività sessuale con una delle vittime, ma ha affermato che all’epoca aveva 18 anni. L’agenzia di stampa britannica ha riferito che Mark ha confermato che il comportamento sessuale è avvenuto solo una volta e che Phythian non era coinvolto.

Tuttavia, secondo la BBC, i pubblici ministeri hanno accusato Vithian, 37 anni, e Mark, 59, di aver intrapreso più “sesso a tre” con un minore a partire da quando il bambino aveva 13 anni.

BBC News ha riferito che Mark era un istruttore di arti marziali con Vithian quando si sono incontrati. Vithian, che è diventata un’artista marziale di successo, modella acrobatica e attrice, ha sposato Mark nel 2015. Secondo la BBC, un giudice deciderà sulla condanna della coppia il 16 maggio. – Servizio di notizie del Los Angeles Times/Tribune

READ  Michel Moroni condivide un misterioso post "Sono un bugiardo"; I fan chiedono "È gay?" | English Film News
Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Guarda online la scoperta della Via Lattea all’Event Horizon Telescope
Next Post La crescita economica del Regno Unito rallenta, aumentando i timori di recessione