L’attività influenzale è ancora alta, ma è in calo per la seconda settimana consecutiva, secondo i dati del CDC



Cnn

L’attività influenzale stagionale rimane alta negli Stati Uniti, ma continua a rallentare nella maggior parte del paese, secondo dati Pubblicato venerdì dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

La scorsa settimana i ricoveri ospedalieri per influenza sono diminuiti per la seconda settimana consecutiva. Ci sono stati circa 21.000 nuovi ricoveri per la settimana terminata il 17 dicembre. È in calo rispetto a un massimo stagionale di oltre 26.000 nuovi ingressi due settimane fa, che è la settimana dopo il Ringraziamento.

Nonostante questi miglioramenti, non è chiaro se il virus abbia raggiunto il picco. L’attività del virus respiratorio rimane “alta” o “molto alta” in quasi tutti gli stati e gli esperti avvertono che le cose potrebbero riprendere mentre i viaggi e le riunioni durante le vacanze continuano.

Il CDC stima che finora in questa stagione ci siano stati almeno 18 milioni di malati, 190.000 ricoveri e 12.000 morti per influenza.

Il tasso di ospedalizzazione cumulativo è sei volte superiore a quello che è stato a questo punto della stagione in oltre un decennio.

E l’influenza non è l’unico virus in circolazione. Una zuppa di altri virus respiratori circola da settimane, portando a un numero insolitamente alto di ricoveri ospedalieri.

A partire da venerdì, la capacità ospedaliera rimane vicina ai livelli record con circa il 77% dei posti letto utilizzati a livello nazionale.

L’RSV ha raggiunto il picco negli Stati Uniti poiché i tassi di positività ai test e i nuovi tassi di ospedalizzazione sono rallentati nell’ultimo mese e i ricoveri settimanali per RSV sono diminuiti significativamente nell’ultimo mese. Ma i ricoveri ospedalieri sono ancora leggermente superiori al normale.

I livelli di Covid-19 sono ancora ben al di sotto degli aumenti precedenti, ma le tendenze stanno decisamente riprendendo negli Stati Uniti: i nuovi ricoveri ospedalieri sono aumentati di quasi il 50% nell’ultimo mese.

Il dottor Sean O’Leary, presidente del Comitato per le malattie infettive dell’American Academy of Pediatrics e professore di malattie infettive pediatriche presso l’Università del Colorado College of Medicine e Children’s Hospital Colorado, ha dichiarato alla Galileus Web che è difficile prevedere cosa accadrà da quando RSV e la stagione influenzale è iniziata presto e potrebbe aver già raggiunto il picco.

Le vacanze possono ancora portare a un aumento delle malattie.

“A volte le vacanze portano a un leggero, a volte moderato picco di infezioni, mentre le persone si stringono insieme in casa”, ha detto O’Leary.

I funzionari sanitari statunitensi stanno esortando le persone a vaccinarsi contro l’influenza e il Covid-19, a indossare mascherine nelle situazioni più gravi e a concentrarsi sul lavaggio delle mani.

Il coordinatore della risposta al Covid-19 della Casa Bianca, il dottor Ashish Jha, ha esortato le persone ad attenersi a una regola generale, in particolare: “Se ti senti male, dovresti restare a casa”.

READ  Gli scienziati affermano che i lupi grigi infettati da questo parassita hanno maggiori probabilità di diventare capibranco
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Bill Gates su ciò che conta mentre ci dirigiamo verso il 2023
Next Post American Airlines aumenta i voli tra Dallas e l’Europa