L’attacco di un drone prende di mira una base militare statunitense in Iraq

L’attacco alla base aerea di Al-Assad è stato il quarto in Iraq in meno di una settimana. (rappresentante)

Baghdad:

L’esercito iracheno e la coalizione guidata dagli Stati Uniti hanno detto che un drone pieno di esplosivi ha colpito una base irachena che ospitava soldati statunitensi sabato mattina presto, provocando danni ma senza feriti.

L’attacco alla base aerea di Ain Al-Asad è il quarto che prende di mira le forze Usa in Iraq in meno di una settimana, con l’intensificazione di una campagna armata attribuita a gruppi filo-iraniani.

“Ogni attacco … mina l’autorità delle istituzioni irachene, lo stato di diritto e la sovranità nazionale irachena”, ha detto il portavoce della coalizione, il colonnello Wayne Maruto.

“Non ci sono state segnalazioni di feriti. Un hangar per aerei è stato danneggiato”, ha twittato.

Era solo la seconda volta che le autorità avevano confermato pubblicamente l’uso di un drone in un attacco contro un obiettivo all’interno dell’Iraq.

Ad aprile, un drone pieno di esplosivo ha colpito il quartier generale della coalizione in Iraq nella parte militare dell’aeroporto di Erbil, la capitale della regione del Kurdistan.

L’attacco ha provocato onde d’urto in tutto l’Iraq: questa tattica è un mal di testa per la coalizione, poiché i droni possono eludere le difese aeree C-RAM installate per proteggere le loro basi.

Ma un funzionario del governo iracheno ha detto all’AFP che il raid di Erbil non è stato il primo utilizzo di un drone contro un obiettivo all’interno dell’Iraq.

“I gruppi filo-iraniani hanno usato i droni più di una volta prima dell’attacco a Erbil”, ha detto il funzionario, che ha parlato a condizione di anonimato.

READ  Confronto su Twitter: Scontri tra netizen pro-Netanyahu e anti-Netanyahu dopo essere stati estromessi dal premier israeliano

Nel frattempo, i missili e gli altri attacchi effettuati dai nemici della coalizione negli ultimi diciotto mesi non si sono placati.

Dalla scorsa domenica, hanno lanciato due missili ad Ain Al-Assad, sei alla base dell’aeronautica di Balad e due all’aeroporto di Baghdad, che ospitano tutte le forze della coalizione.

Anche l’ambasciata degli Stati Uniti a Baghdad e i convogli di rifornimenti della coalizione sono stati oggetto di ripetuti attacchi.

Molti degli attacchi sono stati effettuati in nome di gruppi oscuri che sono visti come poco più che i nomi di copertura delle principali fazioni filo-iraniane. Altri sono andati senza pretese.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata da una troupe di NDTV ed è stata pubblicata da un feed comune.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il miliardario italiano di Diesel Jeans cerca di cucire insieme la moda
Next Post Italian Open: il delizioso scontro di carte di Serena Williams e Naomi Osaka nei quarti di finale