L’assurda fonte del caos degli inverter australiani che ha minacciato di spegnere l’energia solare prima di Natale – PV Australia Magazine

Quando alla fine dell’anno sono scoppiati gli avvertimenti di un arresto dell’industria solare a causa di stringhe di lettere e numeri alquanto incomprensibili, misurare come i pezzi si incastrano non è stato facile. Con una decisione ufficialmente confermata, la minaccia di Armageddon del 18 dicembre sembra essere stata scongiurata, ma l’intera saga, ha affermato John Grimes, amministratore delegato dello Smart Energy Council, è “un’introduzione a come l’eccezionalismo australiano può ritorcersi contro”.

Gli standard di certificazione degli inverter difficilmente suscitano intrighi anche nelle menti più curiose, ma sono al centro del panico da spegnimento solare. Fortunatamente, quella crisi sembra essere stata scongiurata. Sebbene i dettagli debbano ancora essere annunciati ufficialmente, domani i regolatori dovrebbero emettere un ritardo di sei mesi per le modifiche che renderebbero praticamente inutilizzabile la maggior parte dei trasformatori venduti in Australia.

“È semplicemente pazzesco che siamo finiti in questo posto”, ha affermato John Grimes, CEO dello Smart Energy Council. PV Australia. Sembra che stiamo vivendo nell’incarnazione del film di Terry Gilliam del 1985 Brasile.

Allora, cos’è successo?

Bene, a novembre, l’Australia ha abbandonato AS/NZS 5033, uno standard molto criticato che richiedeva che le installazioni solari sul tetto includessero un isolante CC.

Un nuovo standard, AS/NZS 4777.2:2020, sarà introdotto il 18 dicembre 2021, a cui l’industria è stata avvisata a maggio. Il nuovo standard AS/NZS 4777.2:2020 è sostanzialmente conforme ai protocolli di test internazionali, ma con un’eccezione importante: invece di testare le temperature di esercizio del trasformatore CC a 40 °C, l’Australia ha richiesto il test a 60 °C.

I produttori di inverter lo notarono e iniziarono a testare i loro inverter alla temperatura aumentata e tutto sembrava andare bene. Inverter testati, certificati e apparecchiature spedite.

Come tutto è stato rivelato quando è stata condotta una verifica di questi nuovi certificati australiani. Dopo averli ricondotti al laboratorio esterno responsabile dei test internazionali, si è scoperto che mentre il laboratorio era accreditato per emettere certificati secondo gli standard internazionali, non era accreditato per emetterli secondo il nuovo standard australiano rivisto. “Come conseguenza di, [regulators] Era come “questo è il frutto di un albero velenoso”, quindi l’intera corda viene tagliata qui”, ha detto Grimes, il che significa che ogni riflettore che ha emesso questi certificati (fondamentalmente tutti) non era improvvisamente all’altezza degli standard australiani e qualsiasi casa dove sono stati installati non avrebbe diritto a sconti governativi – quindi, ovviamente, non possono essere installati.

“Quindi tutti i certificati emessi sulla base del fatto che il test era stato sostenuto, superato e accettato, sono stati rimossi dall’elenco”, ha affermato Grimes. Secondo lui, questo ha reso inutilizzabile circa l’80% degli inverter nel mercato australiano, lasciando solo i microtrasformatori (che non necessitano di isolatori CC), così come alcuni inverter di Fronius (Grimes non è sicuro di come riescano a ottenere il loro certificati validi, ma lo ha fatto), più un modello di GoodWe e Solis.

I microinverter non hanno bisogno di isolatori CC, il che significa che sono senza problemi.

Foto: Gem Solar – Account Twitter

“Questa è una questione di carta. È una questione di fantasia, non di fatto”, ha aggiunto Grimes, osservando che altre marche di trasformatori sono perfettamente a posto e rispettano gli standard internazionali (e forse anche australiani), che sono solo le certificazioni che dimostrare che sono divenuti nulli.

Chi certifica l’autenticatore?

Ora, decidere chi certifica un autenticatore è una questione complessa, ma sembrano esserci diversi organismi coinvolti che compongono una complessa rete burocratica.

Il problema è che quando i produttori sono stati avvisati del fatto che le loro certificazioni dei trasformatori erano state tecnicamente squalificate, hanno effettivamente scoperto che nessun laboratorio a loro piacimento poteva rilasciare certificazioni per il nuovo standard australiano. “Questo ciclo non è mai stato chiuso”, ha detto Grimes, che ha lasciato i produttori a bocca aperta, in particolare con il nuovo standard che entrerà in vigore nel giro di poche settimane il 18 dicembre 2021.

Il motivo per cui questo punto in sospeso non è stato individuato e modificato in precedenza è, come ha detto Grimes, un “fallimento nel processo”.

In qualche modo questo errore burocratico sembrava unirsi a una tempesta perfetta. Poiché il tasso di sconto solare australiano scende, come sempre, nel nuovo anno, la corsa alle installazioni di fine anno tende. In combinazione con le continue interruzioni della catena di approvvigionamento che portano a prezzi unitari elevati e carenze, insieme al caos delle spedizioni globali, non sarebbe potuto accadere in un momento peggiore.

la soluzione

Dopo che i produttori si sono trovati nei guai con i regolatori, lo Smart Energy Council e il Clean Energy Council si sono diretti verso una nuova tattica. A dicembre, sono andati direttamente dai ministri dell’energia dello stato e li hanno avvertiti che questo noioso errore tecnico potrebbe fermare un’industria molto reale.

Ha funzionato.

Il Consiglio delle autorità di regolamentazione elettrica (ERAC) dovrebbe annunciare domani che il nuovo standard AS/NZS 4777.2:2020 non entrerà in vigore fino al 30 giugno 2022, dando ai produttori e agli esportatori sei mesi per risolvere il problema della certificazione.

Solo Victoria, Queensland, Western Australia e Tasmania sono regolamentate dall’ERAC. Il New South Wales, ad esempio, non è membro. Ma Grimes è fiducioso che i regolatori di altri paesi, sebbene organismi formalmente separati, seguiranno le stesse linee guida.

Ian Burgoyne, presidente di ERAC, dovrebbe fornire i dettagli completi dei nuovi standard inverter domani, mercoledì 15 dicembre, alle Webinar del Consiglio per l’energia intelligente L’appuntamento è per le 15.30.

Il nuovo regolamento è stato rilasciato oggi

In una dichiarazione rilasciata martedì, l’Irak e il Comitato permanente dei funzionari (SCO), responsabile della gestione e del coordinamento del sistema di sicurezza delle apparecchiature elettriche (EESS), hanno dichiarato:

  • In base alle leggi sulla sicurezza elettrica di ciascuna giurisdizione, gli inverter solari fotovoltaici che comprendono isolatori CC non richiedono la certificazione AS/NZS 4777.2:2020 per essere venduti o installati.
  • I regolatori di sicurezza elettrica non richiederanno la verifica della conformità alla certificazione degli isolatori CC installati all’interno degli inverter solari fotovoltaici, poiché il fornitore ha dichiarato l’inverter conforme a AS/NZS 4777.2: 2020, fino al 30 giugno 2022.
  • I regolatori della sicurezza elettrica continueranno a collaborare con l’industria, le strutture di prova e gli esportatori certificati per garantire che siano disponibili strutture di prova certificate appropriate per consentire ai fornitori di ottenere la certificazione degli inverter CC installati entro il 30 giugno 2022.
  • Ciascuna giurisdizione fornirà le informazioni pertinenti ai propri fornitori e installatori, ove applicabile.

La dichiarazione ha aggiunto che il Clean Energy Council “ha accettato questa posizione e non avrà bisogno di ulteriori prove da quanto sopra per consentire agli inverter solari fotovoltaici che incorporano isolatori CC di essere inclusi nell’elenco CEC di inverter compatibili e apparecchiature di conversione di potenza (PCE ) idoneo per l’installazione nell’ambito del regime “Energie rinnovabili su piccola scala (SRES)”.

Questo contenuto è protetto da copyright e non può essere riutilizzato. Se desideri collaborare con noi e desideri riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@pv-magazine.com.

READ  Crafton ha bandito quasi 60.000 giocatori di Battlegrounds Mobile India per aver barato la scorsa settimana
Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il Regno Unito lotta per ottenere colpi di richiamo e test tra i timori di “onda di marea” Omicron
Next Post Via Lattea: gli astronomi catturano le immagini più profonde e accurate del buco nero della nostra galassia