Lasciati ispirare dalla prima organizzazione australiana per la giustizia economica ed etnica “Colorful Democracy”

In Urban List, pensiamo che sia importante conoscere i pionieri che allineano i loro valori ai verbi, motivo per cui collaboriamo con Australia Bank Per condividere le storie stimolanti degli australiani che si sono uniti al movimento del denaro pulito e allineare la loro banca ai loro valori.

L’implementazione di azioni positive per contribuire a rendere il mondo un posto migliore richiede coraggio, forza e perseveranza. Ma per incoraggiare e aiutare gli altri a fare lo stesso, beh … vale la pena festeggiare.

Qui stiamo parlando con un assistente sociale e Australia Bank Cliente, Tim Lo Surdo, esprime la sua passione per il potenziamento del lavoro di squadra contro la disuguaglianza attraverso la sua fondazione Democrazia colorata.

Puoi parlarci un po ‘di te?

Mi chiamo Tim, ho recentemente compiuto 27 anni e sono fondatore e direttore nazionale di Democrazia colorata. Sono nato e cresciuto a Brisbane, mamma è cinese, papà è italiano … quindi la tua perfetta storia di multiculturalismo australiano.

Ho studiato legge ed ero sempre molto interessato alla difesa politica e al cambiamento sociale. Sono sempre stato interessato ad allineare il mio lavoro ai miei valori e ad aiutare a costruire il tipo di comunità che penso che la maggior parte delle persone ovunque voglia. Uno che è giusto, equo e sostenibile.

Cosa ti ha ispirato a creare una democrazia colorata?

Sono cresciuto ascoltando le storie che i miei genitori raccontavano sul razzismo che hanno vissuto crescendo. Quando mio padre cresceva, era prassi comune fare il prepotente agli italiani. Era vittima di bullismo a causa del tipo di cibo che portava a scuola e perché i suoi genitori non parlavano inglese. Ho visto mia madre subire regolarmente abusi razzisti in pubblico quando ero piccola, e poi quando sono arrivata al liceo ho iniziato a sperimentarla da sola. Il mio nome “Chink” e “Go Back Where I Come” sono diventati il ​​motto settimanale dello stadio. La mia casa era agitata e la frutta mi veniva lanciata dalle macchine del traffico – c’era tutta una serie di esperimenti che mi hanno mostrato presto che le persone erano pronte a trattarmi in modo diverso a causa del colore della mia pelle. Ho solo pensato che noi come società potessimo fare molto meglio di così.

Invecchiando, ho iniziato ad ascoltare altre storie di amici e altri membri della famiglia e ho anche iniziato a impegnarmi più profondamente nella storia di questo paese con i popoli delle Prime Nazioni. Vedere le atrocità, sia storiche che attuali, praticate da questo paese e ancora in corso contro gli indigeni e gli abitanti delle Isole dello Stretto di Torres mi ha fatto pensare … Abbiamo un resoconto reale e una vera sfida con il razzismo strutturale in questo paese . Volevo fare qualcosa al riguardo, e quella è stata la forza trainante dietro l’inizio della Coloured Democracy.

L’altra parte dell’avvio di Democracy In Color è che abbiamo visto grandi lacune nello spazio contro il razzismo. Il cambiamento sociale è un ecosistema e il ruolo principale che è mancato in questo spazio è il lavoro di difesa politica. Volevamo creare un’organizzazione che competesse per il potere su questioni di interesse per le società di cui facciamo parte e con cui lavoriamo. La seconda lacuna era che volevamo essere un’organizzazione effettivamente guidata da persone che hanno subito ingiustizie razziali. Democracy in Color è un’organizzazione per la giustizia etnica ed economica guidata da persone di colore che lottano contro l’ingiustizia razziale. La terza lacuna era che volevamo affrontare strutturalmente il razzismo, motivo per cui siamo anche l’Organizzazione per la giustizia economica che lavora su questioni di giustizia economica. Il razzismo strutturale si manifesta in un sistema di disuguaglianza rotto che causa così tanto dolore a molte persone.

Parlaci dell’organizzazione; Come funziona?

La democrazia colorata è un’organizzazione etnica ed economica guidata da persone di colore. Facciamo tre tipi principali di lavoro. In primo luogo, conduciamo campagne sull’equità economica e sulla lotta al razzismo che cercano di apportare cambiamenti materiali alla società con cui lavoriamo, in base a ciò che è importante per loro, le loro vite e le loro famiglie.

Il secondo è aiutare le comunità interessate dalle questioni su cui stiamo lavorando a cercare di costruire la loro autorità politica e collegarla più fortemente con i responsabili delle decisioni nel settore politico e sociale. Questo aiuta a garantire che la loro voce e la loro leadership siano ascoltate da queste persone e riflesse nell’agenda politica di questo paese.

Infine, facciamo molti esercizi progettati per rafforzare la voce politica e la leadership delle comunità di colore. Gestiamo molti programmi di formazione che ruotano attorno a come puoi diventare un efficace creatore e attivista del cambiamento in questo paese. Come funziona il nostro processo politico? Come ti impegni in questo? Tutti questi tipi di domande.

Che tipo di cambiamento speri di vedere nella comunità con l’aiuto di questa piattaforma?

Penso che la nostra passione trainante sia costruire una società che rispetti la dignità intrinseca e l’umanità di tutte le persone, ed è davvero da questo che viene fuori tutto. Costruire una società che veda persone con dignità e umanità non dipendenti da nient’altro.

READ  Inviato italiano desideroso di rafforzare i rapporti commerciali con il Pakistan

Cosa rende così importante la “democrazia colorata”?

L’urgenza del problema su cui stiamo lavorando. Questo paese imprigiona la maggior parte degli indigeni del pianeta. Questo paese è alle prese con una crisi dei vivai che si sta avvicinando. Sono passati trent’anni da quando avevamo in custodia una Commissione reale per i popoli indigeni, e sono passati trent’anni di inattività senza che nessuna delle raccomandazioni fondamentali fosse implementata. Trent’anni dopo, ci sono stati più di 407 morti indigeni in custodia senza condanne, quindi nessuno ha contribuito a spiegare le oltre 407 morti nel nostro sistema giudiziario. Questo è un grosso problema.

I nativi hanno un’aspettativa di vita di dieci anni in meno rispetto ai non indigeni. Abbiamo una seconda generazione rubata in questo momento: i bambini indigeni hanno 10 volte più probabilità di abbandonare l’assistenza domiciliare rispetto ai bambini non aborigeni. Poi, naturalmente, vediamo siti sacri che sono stati sacri alle comunità delle Prime Nazioni per decine di migliaia di anni, distrutti dalle compagnie minerarie. L’Australia è l’unico paese del Commonwealth che non ha un trattato con il suo primo popolo.

Quindi, COVID è un ottimo esempio di parte del razzismo quotidiano che le persone di colore affrontano con un aumento degli abusi razziali contro gli asiatici a causa della natura razzista del coronavirus. Abbiamo visto molte delle comunità con cui lavoriamo essere sputate, aggressioni razziali e fisiche in luoghi pubblici, una chiara correlazione con la narrativa intorno a COVID-19. Ci sono un sacco di esempi che posso darvi di ingiustizia razziale in questo paese. Questo è il motivo per cui organizzazioni come Democracy in Color si concentrano sulla costruzione di una società che offra pari opportunità a tutti: penso che sia ciò che le rende così importanti.

Quali sono i tuoi obiettivi per il futuro dell’organizzazione?

Per continuare a crescere. Vogliamo che operi su una scala commisurata alla portata delle sfide che dobbiamo affrontare e ne siamo lontani perché la scala che dobbiamo affrontare è enorme. Dobbiamo sviluppare risorse per affrontare questa sfida. Al momento viviamo in molte crisi interconnesse: stiamo affrontando la peggiore crisi umanitaria dalla seconda guerra mondiale, la peggiore crisi dei rifugiati dalla seconda guerra mondiale, e stiamo abbattendo il nostro pianeta e ci stiamo dirigendo verso una catastrofe climatica, e ovviamente lo siamo nel mezzo di questa crisi di salute pubblica globale irripetibile, generazione che minaccia decenni di progresso umano.

Questo è il momento per idee audaci e iniziative audaci perché non abbiamo il tempo di giocare in piccolo o di scherzare ai margini. Stiamo cercando di portare questo pensiero a Democracy In Color e di espandere davvero l’organizzazione fino a raggiungere le dimensioni che soddisfano le sfide che dobbiamo affrontare. Abbiamo solo tre anni, quindi cerchiamo anche di costruire operazioni sostenibili e mature.

Come può qualcun altro aiutare a svolgere il proprio ruolo nel lavoro dei Consigli di giustizia e uguaglianza per tutti gli australiani?

Beh, non credo che nulla preceda l’obiettivo. Quindi la prima domanda che dobbiamo affrontare è “Qual è il nostro obiettivo nel partecipare alla diversità, alla giustizia e all’uguaglianza?” Se il nostro obiettivo nel fare il lavoro è che ci sentiamo socialmente obbligati a farlo o perché è quello che ci aspettiamo di dire o fare, porterà solo a procedure cosmetiche. Ciò si tradurrà in lui che dice le cose giuste al momento giusto, ma in realtà non fa nulla.

Se il tuo obiettivo nel fare ciò è che credi veramente che solo un aspetto della tua identità beneficia degli impedimenti strutturali in questo paese – che hai alcuni privilegi relativi in ​​questo paese e vuoi approfittare di quel privilegio e approfittarne abbattere i sistemi di disuguaglianza strutturale – allora ti porterà a fare il lavoro.

È avere conversazioni difficili con gli amici alle cene e alle riunioni di famiglia quando non c’è nessuno in giro che ti dia una pacca sulle spalle. Usa la tua statura e il tuo privilegio commerciale per affrontare il razzismo strutturale che può verificarsi. Si presenta alle riunioni quando non c’è un grande momento – quando non è incollato alla TV o ai giornali – ma si presenta a prescindere. Fa questo duro lavoro e talvolta questo lavoro invisibile che penso inizi con una profonda introspezione sul motivo per cui volevi farlo in primo luogo e assicurandoti che fosse basato sullo scopo che riguardava l’effetto. Influenzare il mondo e costruire una società che onori l’umanità intrinseca di tutte le persone. Non si tratta di provare a verificare un’identità che potresti avere su te stesso.

Questo articolo è sponsorizzato Australia Bank È orgogliosamente approvato da Urban List. Grazie per aver sostenuto gli sponsor che hanno reso possibile Urban List. Clic Qui Per ulteriori informazioni sulla nostra politica editoriale.

READ  Crisi dei prezzi: l'economia globale è caduta in una forte tempesta

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’ambiguo discorso promozionale di Matthew Perry che riunisce gli amici sul “ lavoro dentale di emergenza ”
Next Post GameStop, azioni AMC sostenute da curve di negoziazione monopolistiche