L’analisi di 220.000 ghiacciai ha mostrato un rapido scioglimento che preoccupava gli scienziati

Scioglimento rapido dei ghiacciai: un ruscello di acqua di disgelo collega il fiume Morteratsch e il ghiacciaio Pers (r.), Engadina, Svizzera. Alcuni anni fa, i ghiacciai erano collegati. Credito: ETH Zurigo

Un team di ricerca internazionale che include scienziati dell’ETH di Zurigo ha dimostrato che quasi tutti i ghiacciai del mondo si stanno assottigliando e perdendo massa e che questi cambiamenti stanno accelerando. L’analisi del team è la più completa e accurata nel suo genere fino ad oggi.

I ghiacciai sono un indicatore sensibile del cambiamento climatico e sono facilmente rilevabili. Indipendentemente dall’altitudine o dalla latitudine, i ghiacciai si sono sciolti ad un ritmo elevato dalla metà del XX secolo. Ad oggi, tuttavia, l’intera portata della perdita di ghiaccio è stata misurata e compresa solo parzialmente. Un gruppo di ricerca internazionale guidato dall’ETH di Zurigo e dall’Università di Tolosa ha ora autore di uno studio completo sul ritiro globale del ghiaccio, che è stato pubblicato online all’indirizzo natura Il 28 aprile 2021. Questo è il primo studio che include tutti i ghiacciai del mondo – circa 220.000 in totale – escluse le calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartide. La risoluzione spaziale e temporale di questo studio è senza precedenti e mostra quanto velocemente i ghiacciai abbiano perso il loro spessore e massa negli ultimi due decenni.

Innalzamento del livello del mare e scarsità d’acqua

La dimensione di quello che una volta era il ghiaccio permanente è diminuita quasi ovunque nel mondo. Tra il 2000 e il 2019, i ghiacciai del mondo hanno perso in media un totale di 267 gigatonnellate (miliardi di tonnellate) di ghiaccio all’anno, una quantità che avrebbe annegato l’intera area della Svizzera sotto i sei metri d’acqua ogni anno. Anche la perdita di massa di ghiaccio ha subito una forte accelerazione durante questo periodo. Tra il 2000 e il 2004, i ghiacciai hanno perso 227 gigatonnellate di ghiaccio all’anno, ma tra il 2015 e il 2019 la massa persa è stata di 298 gigatonnellate all’anno. Lo scioglimento dei ghiacci ha causato fino al 21% dell’innalzamento osservato del livello del mare durante questo periodo, circa 0,74 mm all’anno. Quasi la metà dell’innalzamento del livello del mare è attribuibile all’espansione termica dell’acqua durante il riscaldamento, con l’acqua di disgelo delle calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartide e i cambiamenti nello stoccaggio dell’acqua terrestre che rappresentano il restante terzo.

Ghiacciaio Skaftafelljökull

Anche i ghiacciai islandesi – qui Skaftafelljökull – hanno perso rapidamente la loro massa negli ultimi 20 anni. Credito: P. Rüegg / ETH Zurigo

Tra i ghiacciai che si sciolgono più velocemente ci sono quelli dell’Alaska, dell’Islanda e delle Alpi. La situazione ha anche un profondo effetto sui ghiacciai montani delle montagne del Pamir, dell’Hindu Kush e dell’Himalaya.

READ  Sono state scoperte tre nuove specie di puzzola maculata in piedi

“La situazione sull’Himalaya è particolarmente preoccupante”, spiega Roman Hugonet, autore principale dello studio e ricercatore presso l’ETH di Zurigo e l’Università di Tolosa. “Durante la stagione secca, l’acqua di disgelo glaciale è un’importante fonte che alimenta i principali corsi d’acqua come il Gange, Brahmaputra e Sundus. Attualmente, questo aumento di scioglimento funge da cuscinetto per le persone che vivono nella zona, ma se la recessione glaciale himalayana continua ad accelerare , paesi potrebbero dover affrontare una densità densamente popolata come l’India e il Bangladesh, carenza di acqua o cibo entro pochi decenni.

I risultati di questo studio possono migliorare i modelli idrologici e utilizzarli per fare previsioni più accurate a livello globale e locale, ad esempio per stimare la quantità di acqua di disgelo nell’Himalaya che ci si aspetterebbe nei prossimi decenni.

Con loro sorpresa, i ricercatori hanno anche identificato regioni in cui i tassi di scioglimento sono diminuiti tra il 2000 e il 2019, come la costa orientale della Groenlandia e in Islanda e Scandinavia. Attribuiscono questo modello disparato al clima anomalo nel Nord Atlantico che ha causato precipitazioni più elevate e temperature più basse tra il 2010 e il 2019, rallentando la perdita di ghiaccio. I ricercatori hanno anche scoperto che il fenomeno noto come anomalia del Karakorum sta scomparendo. Prima del 2010, i ghiacciai della catena montuosa del Karakorum erano stabili e in alcuni casi in crescita. Tuttavia, l’analisi dei ricercatori ha rivelato che anche i ghiacciai del Karakorum stanno perdendo massa.

Uno studio basato su immagini satellitari olografiche

Come base per lo studio, il team di ricerca ha utilizzato le immagini catturate a bordo dell’aereo NASAIl satellite Terra, che orbita attorno alla Terra una volta ogni 100 minuti dal 1999, si trova a un’altitudine di quasi 700 km. Terra ospita ASTER, un imager multispettrale con due telecamere che registrano coppie di ologrammi, consentendo ai ricercatori di creare modelli di elevazione digitale ad alta risoluzione di tutti i ghiacciai del mondo. Il team ha utilizzato l’archivio completo delle immagini ASTER per ricostruire una serie temporale delle altezze dei ghiacciai, che ha consentito loro di calcolare i cambiamenti di spessore e massa di ghiaccio nel tempo.

READ  La cometa condannata Atlas ha una lunga storia con la Terra

L’autore principale Roman Hugonet è uno studente di dottorato presso l’ETH di Zurigo e l’Università di Tolosa. Ha lavorato a questo progetto per quasi tre anni e ha trascorso 18 mesi analizzando i dati satellitari. Per elaborare i dati, i ricercatori hanno utilizzato un supercomputer presso l’Università della Columbia Britannica settentrionale. I loro risultati saranno inclusi nel prossimo rapporto di valutazione del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) delle Nazioni Unite, che dovrebbe essere pubblicato entro la fine dell’anno. “I nostri risultati sono politicamente significativi”. “Il mondo ha davvero bisogno di agire ora per prevenire lo scenario peggiore del cambiamento climatico”, afferma il coautore Daniel Farinotti, capo del gruppo di glaciologia all’ETH di Zurigo e dell’Istituto federale svizzero per le foreste , Snow and Landscape Research (WSL).

Il riferimento: “Accelerating Global Glacier Loss in the Early Twenty-first Century” di Roman Hugonet, Robert McNabe, Etienne Berthier, Brian Menounos, Christopher Noth, Luke Giraud, Daniel Farinotti, Matthias Haas, Ince DeSilant, Fanny Braun, Andreas Cap, 28 aprile 2021, natura.
DOI: 10.1038 / s41586-021-03436-z

Oltre all’Università di Tolosa, all’ETH di Zurigo e al WSL, altre istituzioni che hanno partecipato allo studio includono l’Università dell’Ulster nel Regno Unito, Università di Oslo In Norvegia e l’Università della Columbia Britannica settentrionale in Canada (fare riferimento a Studio per un elenco completo).

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Permettere ai tifosi di qualificarsi per la finale di Coppa Italia del 19 maggio | Gli sport
Next Post L’Italia aderisce al piano di ripresa economica con i fondi dell’Unione Europea per combattere il virus Covid