L’allenatore del Tottenham Antonio Conte ha criticato il programma della Premier League dopo un ritardo “molto strano” per l’Arsenal

L’allenatore del Tottenham Antonio Conte ha criticato la Premier League per aver consentito il rinvio del derby di Londra del nord di domenica scorsa con l’Arsenal a causa di infortuni.

Conte era di buon umore davanti alla stampa martedì ed era chiaro che aveva un’ape nel cappuccio per la convocazione arrivata con i Gunners che avevano alcuni casi di Covid-19, ma anche con giocatori infortunati o all’Africa Coppa delle Nazioni. .

Non è la prima volta in questa stagione che Conte attacca la Premier League, e l’italiano ha anche colto l’occasione per ottenere un programma di calcio inglese saturo.

Coppa di Lega

Conte ha detto che il Tottenham “meritava di meglio” dopo essere uscito dalla Coppa Carabao

13/01/2022 alle 11:06

Il club [Tottenham] Ha rilasciato una dichiarazione e penso che il club abbia espresso la nostra delusione [Arsenal] decisione”, ha detto Conte.

Sicuramente è stata una decisione strana, ma penso che il club abbia fatto una dichiarazione importante per dirci la nostra delusione per la decisione.

Se la Premier League decide di posticipare la partita per infortuni, significa che deve cercare di determinare il miglior programma e magari ridurre le partite se non vogliono infortuni o rischiano di ritardarli a causa di infortuni.

“Questa è la prima volta nella mia vita che un campionato rimanda la partita a causa di infortuni.

“Questo è molto strano e ne sono molto sorpreso.

“Se qualcuno deve pensare al benessere dei giocatori, dovresti giocare meno partite e soprattutto non dovresti giocare [every] Due e tre giorni. Altrimenti parli del benessere dei giocatori? È solo una scusa o dire qualcosa di stupido secondo me perché tu proteggi i giocatori dando loro riposo, gioco e riposo.

READ  L'attaccante argentino Dybala saluta la Juventus

“Ma se vuoi solo giocare, non puoi parlare del benessere dei giocatori. È molto strano qui.

Quando c’è una situazione da giocare, bisogna giocare e non rimandare la partita per infortuni, per dovere internazionale.

“Penso che abbiamo un grosso problema da risolvere che è il Covid ma solo in questa situazione si può decidere di rimandare.

Antonio Conte

Credito immagine: Getty Images

“Per quanto riguarda le altre situazioni, onestamente, questa è la prima volta nella mia vita e penso di avere pochissima esperienza calcistica. Vedere questo tipo di decisione è stato molto strano perché è così che tutto può succedere”.

Conte crede anche che siano stati applicati doppi standard, con la sua squadra espulsa dalle competizioni europee per la stagione a causa del rifiuto della Premier League di posticipare la partita di Premier League con il Leicester City, il che significa che il Tottenham non è stato in grado di riorganizzare l’Europa League. Conferenza a squadre con il Rennes.

“È stato un danno enorme per il Tottenham dalla Premier League”, ha detto Conte.

“Bisogna proteggere la propria squadra e ci hanno puniti male. Siamo stati puniti e dalla Premier League non dalla UEFA.

“È molto strano e in questo tipo di situazione c’è una grande delusione per noi.

“Ma possiamo parlare per un’ora qui. Possiamo parlare un giorno. Capisco che la situazione è questa e dobbiamo accettare, ma c’è sicuramente una grande delusione per la decisione che stanno prendendo”.

Trasferimenti

Rashford deve affrontare una decisione fondamentale tra i colloqui sul contratto di Man Utd – round di carta

01/11/2022 alle 23:42

Coppa di calcio degli Emirati

Winks: Conte mi ha dato occasioni agli Spurs che altri allenatori non hanno

01/10/2022 alle 13:30

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post La NASA indaga sull’impronta di carbonio “insolita” su Marte
Next Post L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che non ci sono prove che bambini e adolescenti sani abbiano bisogno di booster COVID