L’allargamento della disputa politica tra Hezbollah e gli oppositori politici in Libano

L’appello all’unità nazionale del primo ministro Mustafa Al-Kadhimi tocca il centenario dello stato-nazione iracheno

L’Iraq è stata la culla della civiltà molto prima che fosse stabilito come un moderno stato-nazione esattamente 100 anni fa, ha detto il primo ministro iracheno Mustafa Al-Kadhimi durante un discorso di sabato in occasione del centenario del paese.

Rivolgendosi al pubblico iracheno con un messaggio televisivo, ha affermato che l’occasione speciale è stata un’occasione perfetta per guardare al Paese in modo obiettivo, essere orgoglioso dei suoi successi e riconoscere dove sono stati commessi gli errori.

Al-Kadhimi ha detto, sebbene lo stato iracheno come lo conosciamo oggi sia stato ufficialmente istituito dagli inglesi alla Conferenza del Cairo nel 1921, “questo non significa che l’Iraq non fosse uno stato cento anni fa”.

Un tram trainato da cavalli si fa strada per le strade di Baghdad in questa foto del 1925 (AFP)

“Il terreno su cui stanno saldamente gli iracheni è il primo stato conosciuto dall’umanità, la prima legge che regola la vita umana, il primo poliziotto la cui missione è proteggere le persone, e il primo militare a difendere i confini e sacrificarsi.

Qui, sulla terra custodita dalle anime dei vostri padri e nonni, fu la prima organizzazione economica a preservare i diritti, la proprietà, la compravendita e le prime punizioni per i violatori dei diritti umani.

“Fu il primo in poesia, arte e cultura, la prima regola della matematica e il primo momento di rivelazione e profezia”.

Il giovane re iracheno Faisal II presta giuramento all’età di diciotto anni davanti alla Camera dei Rappresentanti il ​​5 maggio 1953 a Baghdad. (Intercontinentale/AFP)

In effetti, l’umanità deve molte delle sue prime conquiste in numerosi campi, tra cui l’agricoltura e l’astronomia, alle civiltà fiorite nell’antica Mesopotamia, la terra tra due fiumi, più di cinquemila anni fa.

Dagli accadi e gli assiri alla prima civiltà islamica, i popoli che abitavano questa regione crearono molte delle prime istituzioni di governo conosciute al mondo, sistemi di scrittura, aritmetica e opere letterarie epiche.

Al-Kazemi ha affermato nel suo discorso del centenario che la responsabilità di tutti gli iracheni, indipendentemente dai loro pregiudizi politici, è riconoscere questo patrimonio, trasmetterlo alle generazioni future e proteggerlo da coloro che cercano di manipolarlo per i propri interessi.

“E’ tempo di guardare al nostro Paese con obiettività, essere orgogliosi dei suoi successi e ammettere i suoi errori”, ha aggiunto. “Mentre avanziamo armati della nostra eredità e delle capacità del nostro popolo di stare fianco a fianco con tutti i paesi di successo”.

I leader arabi hanno inviato messaggi di congratulazioni al popolo iracheno per l’anniversario, incluso il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, che domenica ha parlato al telefono con Al-Kazemi, secondo l’ufficio stampa del primo ministro iracheno.

Nel suo messaggio di sostegno, il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi ha descritto il centenario come un momento importante nella storia condivisa del mondo arabo.

Una fotografia datata 1957 che mostra il re Faisal II (al centro) con il presidente libanese Camille Chamoun (a destra) e lo zio di re Faisal Abdul Ilah durante la visita del re in Libano. Abd al-Ilah divenne reggente dopo la morte del padre di re Faisal, re Ghazi, il 6 aprile 1938. (AFP)

Ha detto: “Sono trascorsi cento anni dalla Conferenza del Cairo nel 1921, che ha lanciato l’istituzione dello stato iracheno come estensione di un’antica civiltà radicata nelle profondità della storia”.

“Cento anni sono stati testimoni di molte pietre miliari sul cammino dell’Iraq, della nazione araba e persino del mondo intero. A nome mio e del popolo egiziano, ci congratuliamo con l’Iraq fraterno per questa preziosa occasione, augurando al suo grande e onorevole popolo pace, sicurezza e stabilità, e speriamo che l’Iraq rimanga sempre una risorsa per la nazione araba”.

Dopo aver ottenuto l’indipendenza dal Mandato britannico stabilito dopo la prima guerra mondiale, il Regno dell’Iraq fu fondato nel 1932 durante il regno di Faisal I, un membro della famiglia hashemita nato in Arabia Saudita.

Ha governato per 12 anni, sotto una monarchia costituzionale imposta dai britannici, fino alla sua morte per infarto all’età di 48 anni. Re Ghazi, figlio di Faisal, salì al trono ma morì sei anni dopo in un incidente d’auto a Baghdad. Il titolo di re cadde su Faisal II, che aveva solo 3 anni, e così iniziò il suo regno sotto la tutela di suo zio, il principe ereditario Abdullah.

Altamente intelligente e alla guida di un paese benedetto da una ricchezza di risorse naturali, Faisal sembrava destinato a costruire sulle fondamenta gettate da suo padre e suo nonno quando salì al trono, all’età di 18 anni, nel 1953. L’Iraq all’epoca era prospero; I proventi del petrolio stavano aumentando e il paese stava attraversando una rapida industrializzazione.

Ma presto la marea cominciò a girare contro il regno. Lo stretto rapporto dell’Iraq con gli inglesi – una politica che Faisal II continuò – divenne una fonte di crescente ostilità, che fu esacerbata dalla crisi di Suez nel 1956.

Il presidente iracheno Saddam Hussein (2 L), il ministro della Difesa francese Yvonne Bourge (3 L), Bernadette Chirac (4 L) moglie del Primo Ministro e il sindaco di Les Beau-de-Provence Toile (1 L) applaudono durante un incontro organizzato dal comune in onore del leader iracheno il 7 settembre 1975 a Les Bock-de-Provence, nel sud della Francia. (AFP)

Il 13 luglio 1958, quando a due brigate dell’esercito fu ordinato di dirigersi in Giordania per aiutare a sedare una crisi in Libano, Abd al-Karim Qassem, l’ufficiale scontento che comandava una delle unità, vide la sua opportunità e inviò truppe a Qasr al-Rehab . a Bagdad. La mattina presto del mattino successivo, circondarono la residenza reale con carri armati e aprirono il fuoco.

Poco dopo le otto del mattino, il re Faisal II, suo zio, il principe ereditario e altri membri della famiglia reale e il loro staff ricevettero l’ordine di uscire dall’ingresso posteriore e furono uccisi.

Molti iracheni credono ancora che questo sia stato l’inizio del disastroso declino della nazione. Sebbene sia durata meno di quattro decenni, la monarchia costituzionale è vista da molti come un periodo d’oro nella storia dell’Iraq. L’esecuzione del re lasciò il posto a una repubblica travagliata e, infine, alla brutale dittatura di Saddam Hussein.

Una foto non datata del presidente iracheno Abdul Karim Qasim, che rovesciò il re Faisal II con un colpo di stato il 14 luglio 1958. Qasim stesso fu rovesciato in un colpo di stato l’8 febbraio 1963 e fu giustiziato il giorno successivo. (AFP)

Dopo più di 60 anni, l’Iraq si sta ridefinendo ancora una volta e riaffermando la sua sovranità. I funzionari iracheni hanno annunciato giovedì 9 dicembre che gli Stati Uniti hanno ufficialmente terminato la loro missione di combattimento in Iraq e hanno riassegnato tutte le forze rimanenti a un ruolo di addestramento e consulenza. Le forze statunitensi sono tornate in Iraq su invito del governo di Baghdad per aiutare a combattere l’organizzazione estremista ISIS, che ha preso il controllo delle aree nel nord-ovest del paese e nella vicina Siria durante l’estate del 2014.

La continua presenza di forze straniere in Iraq è stata a lungo fonte di contesa politica a Baghdad, con molte fazioni nazionaliste e filo-iraniane che chiedono un ritiro completo.

“Dopo pochi giorni assisteremo al ritiro di tutte le forze combattenti della coalizione internazionale dall’Iraq nell’ambito dell’accordo strategico con la parte americana, e il loro ruolo sarà nelle aree di consulenza, a testimonianza della capacità delle forze irachene di tutte le categorie per mantenere la sicurezza dell’Iraq, la stabilità del suo popolo e la continuazione del suo sviluppo”, ha detto Al-Kazemi.

Tuttavia, il tema principale del discorso del centenario di Al-Kazemi è stato quello di invitare tutti gli iracheni a riconoscere ciò che li unisce piuttosto che ciò che li divide, per il bene del Paese.

Una foto datata 1976 mostra l’ex presidente iracheno Ahmed Hassan al-Bakr (a destra) seduto con l’allora vicepresidente Saddam Hussein a Baghdad. Al-Bakr assunse il potere nel luglio 1968 dopo il rovesciamento del maggiore generale Abd al-Rahman Aref e si dimise nel luglio 1979 per motivi di salute. (AFP)

“Tra le sfide e gli sforzi politici che hanno organizzato le recenti elezioni, tutti devono essere rassicurati: non permetteremo loro di danneggiare la vostra sicurezza e stabilità”, ha affermato.

Nonostante tutte le differenze, le forze politiche, le nuove correnti, gli indipendenti e le élite sono i figli di questo Paese e ne tengono alla sua sicurezza.

Ha aggiunto che “la differenza di vedute e orientamenti svanisce prima che tutti credano che l’Iraq sia il nostro ombrello e la nostra casa, e che manometterlo e il suo futuro sia una linea rossa”.

Questo è l’Iraq, il vostro Iraq e l’Iraq di tutta l’umanità. È nostro dovere preservarlo ed ereditarlo”.

READ  La politica anti-Covid scuote l'economia e lo "spirito" di Hong Kong
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Critics’ Choice Awards: Belfast e West Side Story hanno vinto 11 nomination ciascuno
Next Post Stanotte il picco della pioggia di meteoriti dei Gemelli: l’evento celeste annuale che abbaglia il cielo notturno