L’Alfa Romeo sembra destinata a trascurare l’astro nascente Oscar Piastre per un posto in Formula 1 la prossima stagione.

“Se i soldi vanno prima, tutte le strade restano aperte”.

Questa è stata una delle battute più memorabili del personaggio di Francis Ford nella commedia di William Shakespeare del 1602, Le allegre comari di Windsor.

Il significato di questa frase è semplice: il denaro può offrirti opportunità e una vita migliore.

Con i soldi, il mondo è la tua ostrica.

È anche una buona citazione per descrivere il motivo per cui l’Alfa Romeo sta prendendo in considerazione un pilota cinese non corrispondente per competere in Formula 1 la prossima stagione, piuttosto che un pilota australiano che ha battuto tutti prima di lui nella sua giovane carriera.

L’Alfa Romeo ha fatto notizia in vista del Gran Premio d’Italia quando ha annunciato che il nove volte vincitore della gara Valtteri Bottas, dopo essere stato eliminato dalla Mercedes, si sarebbe unito alla squadra.

Il rumor sulla F1 è stato in uno stato di esagerazione su chi si unirà a Bottas nel 2022.

Il sedile è attualmente occupato dall’italiano Antonio Giovinazzi, che ha lottato per affermarsi nella prima classe del motorsport.

Il posto è l’unico ancora indeciso per la stagione 2022 e il team sta esaminando la Formula 2 per un potenziale nuovo pilota.

Quindi se passano da Giovinazzi, chi è il miglior pilota di Formula 2 pronto a fare il passo?

L’australiano Oscar Piastre guida la classifica della Formula 2, un favorito stellare che è stato vicino alla perfezione negli ultimi tre anni.

Nel 2019 ha vinto la Formula Renault Eurocup solo alla sua seconda stagione.

Questo gli è valso una promozione in Formula 3 nel 2020 – il terzo livello delle corse a ruote scoperte – dove ha vinto il campionato nella sua prima stagione con il team Prema.

Prima ha premiato il giovane australiano con la sua scelta di guidare questa stagione per il team di Formula 2.

Piastre guida il campionato di 15 punti dopo aver vinto la prestigiosa gara di Monza domenica scorsa – che ha alzato il sipario sul ritorno di Daniel Ricciardo ai vertici della Formula 1.

È membro del Young Alpine Drivers Program (Renault) e la sua velocità e stabilità non sono seconde a nessuno tra i giovani piloti.

In sostanza, se l’Alfa Romeo fosse alla ricerca di un nuovo pilota che desse loro le migliori possibilità di segnare punti più spesso, avrebbe un comunicato stampa che ora accoglierebbe l’australiano nella squadra.

Ma “Se i soldi vanno prima, tutte le strade rimangono aperte”.

Il pilota alza le braccia in segno di vittoria.
Piastre è stata la campionessa delle ultime due classi in cui ha gareggiato.(

Formula 1 tramite Getty Images: Joe Portlock

)

La Formula 1 è uno sport costoso e l’onere finanziario è più gravoso per le squadre all’estremità inferiore della griglia.

Alfa Romeo è lo sponsor principale del team, di proprietà del Gruppo Sauber Motorsport.

La Sauber ha un’eredità molto orgogliosa in Formula 1, ma è una delle squadre più piccole di questo sport.

Ciò significa che i finanziamenti e le sponsorizzazioni sono molto più importanti per loro rispetto a squadre come Ferrari, Mercedes o Red Bull.

A metà dell’ultimo decennio si ipotizzava che la Sauber avrebbe dovuto chiudere a causa dei costi e con le nuove normative nel 2022, il che significa che i team costruiscono nuove auto, il team vorrebbe idealmente un pilota che potesse portare loro denaro.

Entra, l’autista cinese Guanyu Zhou.

È secondo, dietro Piastri, nel campionato di Formula 2 e si vocifera che sia l’uomo che occuperà l’ultimo posto in Formula 1 il prossimo anno.

Zhou è un pilota di talento che è stato iscritto al programma junior della Ferrari da bambino, prima che Albin lo lasciasse.

Pilota da corsa che sorride alla telecamera.
Guanyu Zhou sta gareggiando nella sua terza stagione di Formula 2.(

Formula 1 tramite Getty Images: Joe Portlock

)

Ha trascorso gli ultimi tre anni in Formula 2 ed è stato bravo senza essere eccezionale.

È stato il primo classificato della stagione 2019, tuttavia guidava un forte team di Formula 2, UNI-Virtuosi, che ha superato tutti gli altri partenti.

Nonostante la sua tendenza ad essere uno dei contendenti al titolo nel 2020, è arrivato sesto in campionato.

Ora, nel 2021, è secondo in classifica con una prestazione incoerente che lo ha ferito nella sua ricerca di vincere il titolo.

Insomma, Zhou è bravo ma il suo curriculum non è impressionante come Piastri.

Tuttavia, il fascino di Zhou deriva dal sostegno finanziario che ha – e ha dei soldi seri che guidano le sue aspirazioni in F1.

Il pilota cinese è sostenuto da SECA, una società cinese di marketing e gestione sportiva.

SECA ha un punto d’appoggio negli sport motoristici, grazie alla potenza della Formula E DS Techeetah, che ha visto i piloti vincere tre degli ultimi quattro campionati.

Hanno anche alcuni importanti investitori, tra cui China Media Capital Holdings (CMC).

CMC è un enorme conglomerato di affari con molti soldi.

Hanno anche un vivo interesse per lo sport possedendo circa il 12% del City Football Group, proprietari del Manchester City.

Hanno soldi da investire e investiranno in qualsiasi squadra che firmi il primo pilota cinese di Formula 1.

Il quotidiano spagnolo Marca ha riferito all’inizio di questo mese che il team che ha scelto Cho come pilota potrebbe aspettarsi fino a 30 milioni di euro (48 milioni di dollari) dai suoi sponsor.

Questo è il tipo di denaro a cui i team di Formula 1 più piccoli si inchinerebbero.

La Formula 1 non è giusta. È uno sport duro dove il denaro è il re.

Ci sono altre opzioni per l’Alfa Romeo, incluso il mantenimento di Giovinazzi, ma il consenso in pista è che stiano cercando un pilota per fare la mossa.

L’Alfa Romeo può certamente generare guadagni inaspettati in contanti e enormi quantità di denaro a sostegno di Zhou che lascia Piastri fuori al freddo.

Piastre ha il talento e le qualifiche per essere un pilota di Formula 1.

E in base alle sue corse di quest’anno, nessun altro giovane pilota merita una possibilità in Formula 1 più dell’australiano.

Ma Piastri porta le monete in una lotta per soldi, e il mondo ingiusto della Formula 1 significa che l’Alfa Romeo sembra perdonare una stella nascente.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La luna del raccolto di settembre è piena per brillare mentre si avvicina il primo giorno d’autunno
Next Post Come guardare lo splashdown di Inspiration4 online