L’Alaska ha riportato 53 morti in più per COVID-19, principalmente da settembre

Lunedì l’Alaska ha riportato altri 53 decessi per COVID-19, la maggior parte dei quali si è verificata a settembre, oltre a 1.387 nuove infezioni registrate durante il fine settimana e i ricoveri continuano a diminuire.

Dati dal paese Cruscotto COVID-19 Sembra che la maggior parte dei decessi segnalati di recente si sia verificata a settembre.

I decessi per COVID-19 non compaiono sempre immediatamente nei dati sui virus di stato. A volte non compaiono fino a dopo che i funzionari sanitari hanno esaminato i certificati di morte, un processo che a volte può richiedere Molte settimane.

Le agenzie governative fanno affidamento su certificati di morte Per segnalare i decessi per COVID-19. Se un medico ritiene che un’infezione da COVID-19 abbia contribuito alla morte di una persona, sarà inclusa in Il certificato di morte finalmente promesso In un conteggio ufficiale dello stato, dicono i funzionari sanitari.

Dei nuovi decessi segnalati lunedì, 31 si sono verificati a settembre, cinque ad agosto, 16 a ottobre e uno a novembre, secondo il Dipartimento della salute e dei servizi sociali.

[Alaska coronavirus Q&A: Answering parents’ questions about vaccinating children]

Settembre era già il mese più mortale dell’Alaska con l’epidemia, ma gli ulteriori 29 decessi significano che 162 dei 764 alaskani le cui morti erano legate alla malattia si sono verificate durante il settembre 2021.

L’epidemiologo statale, la dott.ssa Luisa Castrodel, ha affermato di aspettarsi che lo stato finirà probabilmente di segnalare il maggior numero di decessi per COVID-19 a settembre, ma probabilmente ci saranno più segnalazioni a ottobre.

“Penso che avremo più morti in ottobre”, ha detto.

Inoltre, lunedì sono stati segnalati altri tre decessi non residenti, il che significa che un totale di 30 non residenti hanno avuto decessi correlati al virus in Alaska dall’inizio della pandemia. Due di questi decessi si sono verificati a settembre e uno ad agosto.

[New Alaska data traces disproportionate experiences of COVID-19 by race, gender and vaccination status]

Lo stato ha riportato 445 nuovi casi sabato, 641 domenica e 301 lunedì.

La scorsa settimana, i funzionari sanitari dell’Alaska hanno affermato che lo stato sta finalmente assistendo a un calo del numero di casi giornalieri dopo settimane di stabilizzazione. Mentre i numeri segnalati di COVID-19 durante i fine settimana tendono ad essere più bassi, Castrodale ha affermato che ogni giorno con un numero inferiore di casi rende i funzionari sanitari più a loro agio nel dire che l’Alaska è in una tendenza al ribasso.

La porzione di test COVID-19 che ha restituito risultati positivi è stata del 7,6% lunedì sulla base di una media mobile di sette giorni, in calo rispetto a un picco del 10,9% a metà ottobre.

Da luglio, un aumento di COVID-19 guidato da una variante delta altamente contagiosa ha causato un forte aumento dei ricoveri e dei decessi in Alaska e ha portato il sistema sanitario dello stato al punto di rottura.

I dati del dashboard del governo hanno mostrato che c’erano 128 persone in ospedale con COVID-19 entro lunedì, con circa il 13,6% dei pazienti ricoverati nello stato considerati casi attivi del virus. È in calo rispetto alle ultime settimane, quando un paziente su cinque ha contratto il virus più spesso.

Questa è una storia urgente. Controlla di nuovo per gli aggiornamenti.

Correzione: una versione precedente di questa storia includeva una ripartizione errata dei nuovi decessi per mese.

READ  Le piaghe da carne rossa sono comuni nel Regno Unito
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Tutti i grandi neri vogliono bandire le vite degli “stupidi” invasori di campo
Next Post Ken Jennings è “terrorizzato” di ospitare “Jeopardy”! Nel primo anniversario della morte di Alex Trebek