L’agenda sociale conservatrice di Georgia Meloni solleva preoccupazioni sui diritti in Italia

Il personaggio dei cartoni animati Peppa Pig ha fatto una breve apparizione durante le recenti elezioni italiane, quando un leader di spicco dei Fratelli d’Italia di Giorgia Melonii ha chiesto che fosse vietato un episodio che mostra un maialino con due nazioni.

Federico Mollicon, che sovrintende agli affari culturali per il partito di estrema destra, ha definito la vignetta “inaccettabile” e ha affermato che l’Italia, che ha unioni civili ma non riconosce il matrimonio tra persone dello stesso sesso, non dovrebbe consentire tale “indottrinamento di genere” dei bambini.

Per molti in Italia, l’apparentemente assurdo incidente è stato un chiaro segno di ciò che potrebbe accadere poiché la Meloni, che dovrebbe guidare il primo governo di estrema destra italiano dalla seconda guerra mondiale, cerca di mettere la “difesa della famiglia naturale” al centro della sua nuovo governo.

I liberali temono che il suo governo conservatore possa tornare indietro nel tempo, limitare i diritti individuali e le libertà sociali e alimentare l’ostilità verso coloro che non si adattano perfettamente ai modelli familiari italiani tradizionali.

Gli attivisti LGBT, i cui diritti sono già rimasti indietro rispetto ad altre democrazie occidentali, temono che le loro fragili conquiste sociali vengano erose.

“Certo, il clima potrebbe peggiorare molto”, ha affermato Gabriele Piazoni, direttore generale di Arcigay, la più grande associazione italiana per i diritti LGBT. “Un governo di estrema destra con la sua retorica illiberale può incoraggiare l’omofobia che è stata finora contenuta”.

L’Italia rimane una società profondamente tradizionale che ha visto solo progressi sporadici verso la parità di diritti per i gruppi emarginati e i diritti riproduttivi. © Filippo Monteforte / AFP / Getty Images

L’Italia rimane una società profondamente tradizionale che ha visto solo progressi sporadici verso la parità di diritti per i gruppi emarginati, i diritti riproduttivi e l’inclusione di italiani di diversa estrazione etnica nel mainstream.

READ  Come Putin ha già indebolito l'economia ucraina

Ora, molti si aspettano che gli sforzi per creare una società più inclusiva si interrompano, mentre Meloni e il suo alleato populista di destra Matteo Salvini, il leader della Lega, prendono il potere.

“Siamo pienamente coinvolti nelle politiche di reazione culturale dei partiti politici di destra”, ha affermato Pietro Castelli, professore all’Université Libre de Bruxelles. “La sua idea è che l’Italia è una società cristiana, e deve rimanere cristiana – cattolica – e questa contaminazione di culture straniere va combattuta”.

Con l’estrema destra al potere, non ci sarebbero discussioni sul “miglioramento dei diritti umani qui in Italia”, ha affermato Emiliana de Blasio, sociologa dell’Università Luis di Roma.

Nella sua vita privata, Meloni ha intrapreso un percorso non convenzionale, essendo stata cresciuta da una madre single e mai sposata con il padre della sua giovane figlia. Ma è una fervente sostenitrice di un’agenda sociale conservatrice, inclusa la difesa della “famiglia naturale”, l’aumento del tasso di natalità interna in Italia, il divieto della maternità surrogata – soprattutto per le coppie dello stesso sesso – e l’arginamento del flusso di immigrati in Italia.

In una conferenza organizzata tre anni fa da un’organizzazione anti-aborto negli Stati Uniti, ha descritto il basso tasso di natalità dell’Europa come il “problema più grande” del continente e ha esortato il Paese a “stimolare” il parto nel matrimonio.

Alicia Crochini, presidente delle Rainbow Families, un’associazione per genitori dello stesso sesso in Italia, ha affermato che i suoi membri hanno paura per il futuro dei loro figli. “Non è rassicurante sapere che la forza politica al potere ti è sempre stata ostile e ti considera non degna degli stessi diritti delle altre famiglie”.

READ  L'epidemia ha causato un baby bust, non un boom

Dopo il voto, attiviste per i diritti delle donne italiane hanno marciato a Roma, Milano e in altre città per proteggere il diritto all’aborto sicuro che temono venga attaccato.

“Ci sarà una battaglia psicologica contro le donne”, ha affermato Silvana Agatton, fondatrice di Laiga 194, un’associazione di medici impegnati a difendere il diritto all’aborto. “Sono molto preoccupato per il futuro”.

Meloni ha insistito sul fatto che non avrebbe toccato la legge del 1978 che legalizzava l’aborto. Ma Agtton ha avvertito che il governo potrebbe utilizzare altri strumenti per impedire l’accesso all’aborto in un paese in cui l’interruzione della gravidanza richiede lunghi periodi di attesa e un complesso labirinto burocratico.

Circa due terzi degli ostetrici e dei ginecologi in Italia si rifiutano attualmente di abortire, mentre solo il 63 per cento degli ospedali pubblici consente tali procedure nelle proprie strutture.

I fornitori di aborti spesso affrontano l’ostilità dei loro coetanei, mentre alcuni ospedali pubblici consentono già agli attivisti pro-vita di interagire con le donne in cerca di licenziamento per spingerle a cambiare idea. “Quando senti nell’aria che l’aborto è pericoloso, non so come lo farebbero i nostri medici”, ha detto Agtton. “La legge sarà sulla carta, nient’altro”, ha detto.

Per chi lavora per aiutare i migranti in Italia, l’intensa retorica sulla necessità di fermare l’ingresso illegale di piccole imbarcazioni dall’Africa incoraggerà l’ostilità nei confronti di tutte le minoranze etniche e religiose in Italia, indipendentemente dal loro status giuridico.

Lo ha osservato Andrea Costa, presidente di Baobab Experience, un gruppo umanitario che aiuta i migranti in Italia.

Non solo il governo; È l’intera comunità che sta diventando razzista. Sarà difficile anche per le persone che già vivono qui, che sono già più o meno integrate nel Paese”.

READ  E l'Italia, che ospita il G20, chiederà regole più severe per l'"economia del lavoro temporaneo"

La fragilità dell’economia italiana e la sua dipendenza dal sostegno finanziario europeo nei prossimi anni potrebbero limitare lo spazio per il nuovo governo per respingere direttamente la politica, ha affermato de Blasio della Lewis University.

“Non credo che lo siano [Meloni and other far-right leaders] Saranno come erano quando erano all’opposizione”. “La crisi economica che dovremo affrontare sarà difficile, ma possiamo sopravvivere se veniamo accolti nella comunità internazionale”. Ha affermato che non violare i diritti umani aiuterebbe a mantenere Bruxelles in il suo lato.

Ma Castelli dell’Université Libres de Bruxelles ha affermato che non c’è dubbio che gli attivisti di estrema destra che sposano una serie di questioni avrebbero colto l’occasione del governo Meloni per cercare di esercitare pressioni sulle proprie narrazioni su una serie di questioni pubbliche italiane. “Per il movimento pro-vita, gli estremisti e i gruppi radicali anti-immigrati, sarà un’occasione importante”.

Ulteriore segnalazione di Giuliana Ricucci a Roma

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post NASA e SpaceX puntano al 5 ottobre per lanciare gli astronauti dell’equipaggio 5 dopo aver ritardato Ian
Next Post L’Ucraina penetra nelle linee russe con i maggiori progressi dall’inizio della guerra