L’Afghanistan non dovrebbe diventare una fonte di estremismo e terrorismo: il premier Modi al vertice straordinario dei leader del G-20 | Notizie dall’India

Nuova Delhi: Primo Ministro Narendra Modi Martedì ha invitato la comunità internazionale a formulare una risposta internazionale unificata per affrontare la situazione nel paese Afghanistan.
Il Primo Ministro ha sottolineato che senza tale risposta sarebbe difficile ottenere il cambiamento auspicato della situazione in Afghanistan.
Il Presidente del Consiglio, che di fatto ha partecipato al Vertice Straordinario del Gruppo dei Venti sull’Afghanistan, ha accolto con favore l’iniziativa della Presidenza italiana del G20 di tenere l’incontro per valutare l’attuale situazione in Afghanistan.
Il Primo Ministro ha sottolineato la necessità di garantire che il territorio dell’Afghanistan non diventi una fonte di estremismo e terrorismo a livello regionale o globale.
Ha sottolineato la necessità di rafforzare la lotta globale congiunta contro l’interdipendenza dell’estremismo, del terrorismo e del contrabbando di droga e armi nella regione.
Parlando in alto, PM lunatico Ha chiesto un’amministrazione inclusiva in Afghanistan per preservare le conquiste socio-economiche degli ultimi vent’anni e per frenare la diffusione dell’ideologia radicale.
Ha affermato che è necessario che la comunità internazionale garantisca un accesso umanitario immediato e senza ostacoli all’Afghanistan.
Ha anche ribadito il suo sostegno per l’importante ruolo che svolgi Nazioni Unite in Afghanistan e ha chiesto un rinnovato sostegno del G-20 al messaggio contenuto in Risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite 2593 in Afghanistan.
Parlando delle relazioni dell’India con il paese devastato dalla guerra, ha affermato che entrambi i paesi hanno condiviso per secoli la comunicazione tra le persone.
Ha anche osservato che negli ultimi due decenni l’India ha contribuito a promuovere lo sviluppo socioeconomico e lo sviluppo delle capacità dei giovani e delle donne in Afghanistan.

READ  La polizia ha sparato a un uomo di colore che è stato ucciso in una stazione del traffico vicino a Minneapolis e sono scoppiate le proteste
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La Corte Internazionale di Giustizia sostiene la Somalia in una disputa marittima con il Kenya
Next Post Destiny 2 of the Lost: date, ricompense e novità di quest’anno