La vita nera è importante nello stile italiano?

Per la prima volta nella storia della moda italiana, cinque fashion designer bipartisan hanno aperto la Milano Fashion Week con il tema “The Fab Five – We Made in Italy”. Non è tutto: per la prima volta la Camera Nazionale della Moda Italiana ha deciso di istituire un gruppo di lavoro di esperti afro-italiani, che risponde alla domanda “Wami – siamo made in Italy”: “La materia nera vive all’italiana importa?” “.

Domanda posta a luglio 2020 dalla stilista Stella Jean, unico membro nero della Camera della Moda, Giorgio Armani è stato invitato a sfilare sul palco qualche tempo fa, descrivendo l’Africa in chiave moderna con le sue opere e mettendo in mostra tessuti sofisticati nei colori.

Dopo un lungo mese di conversazione, cinque talenti con radici in Africa oggi e presenti in Italia – Kisel Claudia Endzoma (Camerun-Como), Frida Giza (Burundi-Fabriano), Mogodu Fall (Senegal-Roma), Karim Toudi (Marocco-Chan ) Roe Pascoli) e Joy Meribe (Nigeria-Birmania) – hanno presentato le loro collezioni al Virtual Fashion Show, che ha aperto lo schermo sulla moda milanese. Fondato da Edward Buchanan e Michael Fran ois Nonmo, il team “Wami” di Stella Jean è composto da sette professionisti provenienti da tutto il mondo, compresa l ‘”élite nera” di vari settori, guidata dal presidente di CNMI Carlo Cabasa. Tutti sono uniti da un unico scopo: lavorare per abbattere tutte le forme di discriminazione e creare un sistema multiculturale competitivo.

READ  Israele condanna le osservazioni di Hitler di Lavrov, convoca l'ambasciatore russo
Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Game bar da aprire nel ristorante italiano, Hannover
Next Post Come è avanzata Stella Jean – WWD