La Via Lattea potrebbe aver appena perso un sacco di galassie satellitari

Lo spazio intorno alla Via Lattea non è vacante. È pieno di galassie nane, piccole, deboli e di massa ridotta, con un minimo di 1.000 stelle ciascuna.

Questo non è strano. Sappiamo dalle nostre osservazioni di altre grandi galassie che le galassie nane spesso si raggruppano nelle vicinanze e possono essere catturate nel campo gravitazionale di un oggetto più grande.

Seleziona gli astronomi fino ad oggi Circa 60 galassie più piccole Tuttavia, entro 1,4 milioni di anni luce dalla Via Lattea, ce ne sono probabilmente molti di più nascosti nell’oscurità. La maggior parte di loro sembra che stiano uscendo, come i moscerini della frutta intorno a una banana.

Secondo una nuova analisi dei dati del satellite Gaia, la maggior parte di queste galassie sono in realtà relativamente nuove nella regione, troppo nuove per orbitare intorno alla Via Lattea, almeno non ancora, ritengono i ricercatori.

“Concludiamo che, a causa delle loro alte energie e del momento angolare senza precedenti, la maggior parte delle nane non può essere un satellite di lunga durata, e se possono essere collegate alla Via Lattea, sono nel primo transito, meno di due miliardi di anni fa”, i ricercatori scrivono in un nuovo file. carta È stato condotto dall’astrofisico Francois Hammer dell’Osservatorio di Parigi in Francia.

Galassie nane nello spazio intorno alla Via Lattea. (ESA/Gaia/DPAC, CC BY-SA 3.0)

La missione Gaia è un progetto in corso per mappare la Via Lattea con la massima precisione, comprese le posizioni 3D, i movimenti e le velocità delle stelle e degli oggetti al loro interno (e una piccola via d’uscita).

READ  Lo studio rileva che le femmine di colibrì sembrano maschi per evitare gli attacchi degli uccelli

Utilizzando le misurazioni di queste proprietà, Hammer e colleghi hanno utilizzato i dati della prima terza edizione dei dati di Gaia per calcolare i movimenti di 40 galassie nane al di fuori della Via Lattea. Quindi hanno usato parametri come la velocità 3D di ciascuna galassia per calcolare la sua energia orbitale e momento angolare.

I risultati sono stati davvero interessanti, perché hanno mostrato che la maggior parte delle galassie nane che dovrebbero essere satelliti della Via Lattea si muovono molto più velocemente degli oggetti noti per orbitare attorno alla Via Lattea, come le stelle di Gaia-Enceladus e la galassia globulare nana del Sagittario.

La Via Lattea ha smontato più volte altre galassie nel corso della sua lunga storia. Gaia-Encelado, noto anche come Salsiccia di Gaia, è stato classificato circa 9 miliardi di anni fa. Le sue tracce rimangono in un gruppo di stelle che orbitano intorno a energie relativamente basse.

La galassia nana globulare è attualmente perturbata dalle forze di marea (gravità) e si fonde nella Via Lattea, un processo iniziato circa 4-5 miliardi di anni fa. Queste stelle oscillano leggermente più velocemente delle stelle di Gaia-Enceladus.

Le galassie nane si stanno ancora muovendo in modo più aggressivo. Il team ha concluso che ciò significa che queste galassie nane non possono essere vicine alla Via Lattea abbastanza a lungo da rallentare il campo gravitazionale della galassia massiccia.

I ricercatori affermano che questa scoperta potrebbe cambiare la nostra comprensione delle interazioni tra galassie regolari e nane e le proprietà delle galassie nane.

È possibile che alcune galassie nane siano state catturate nell’orbita della Via Lattea (anche se è impossibile dire quale), ma la questione rimane aperta.

READ  Una stella che crolla produce una delle esplosioni più spettacolari di sempre

“La Via Lattea è una grande galassia, quindi la sua forza di marea è semplicemente gigantesca ed è molto facile distruggere una galassia nana dopo forse uno o due passaggi”, Hummer spiega.

Se una galassia nana può sopravvivere molto più a lungo di così – come si pensava per le galassie nane della Via Lattea – allora qualcosa deve legarle insieme, come concentrazioni più elevate di materia oscuraLa colla invisibile che tiene insieme l’universo.

La possibilità che le galassie nane contengano una quantità sorprendente di materia oscura è stata fortemente accennata in precedenza La loro stella si muovenon si può spiegare Per la sola presenza di materia naturale.

Le nuove scoperte suggeriscono che la materia oscura non deve necessariamente essere inclusa nei nostri modelli di queste galassie; La ricerca futura potrebbe esaminare la possibilità che siano attualmente sottoposti a turbolenze di marea con una serie più ampia di parametri con cui giocare.

Vale anche la pena notare che i risultati dei ricercatori non differiscono da A carta 2006 che ha trovato il Piccole e Grandi Nubi di Magellano Erano molto più alti di quanto si pensasse, sulla base dei dati di Hubble, che indicano che non sono satelliti della Via Lattea. Sembra che questo concetto Da quando è stato abbandonato Almeno da alcuni ricercatori.

Tuttavia, ci sono molte cose che non sappiamo sugli oggetti dentro e intorno alla Via Lattea, e non c’è assolutamente alcun dubbio che Gaia stia cambiando la nostra comprensione del nostro piccolo angolo di universo.

“Grazie in gran parte a Gaia, ora è chiaro che la storia della Via Lattea è molto più di quanto gli astronomi capissero in precedenza”, L’astrofisico Timo Prosti dice: Agenzia spaziale europea.

READ  Effetti collaterali delle statine: tre segni che non dovresti ignorare: potrebbero essere `` pericolosi per la vita ''

“Indagando su questi indizi allettanti, speriamo di estrarre ulteriori capitoli affascinanti nel passato della nostra galassia”.

La ricerca è stata pubblicata in Giornale Astrofisico.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post KTM è il nuovo Team Principal della MotoGP
Next Post 25 novembre: il tuo oroscopo del giorno