La tragedia di Alberto Ascari, unico pilota italiano di Formula 1 ad aver vinto una Ferrari

L’articolo è apparso per la prima volta su The Sportsman il 13/7/20

Alberto Ascari aveva solo sette anni quando suo padre, Antonio, morì.

Quasi tre decenni dopo, quando Alberto aveva la stessa età del padre al momento della sua morte; Lo stesso giorno del mese, quasi nello stesso modo, fu ucciso anche Alberto.

Nonostante non vinca il Campionato del Mondo in 13 anni, dall’ultima vittoria di Kimi Raikkonen nel 2007, la Scuderia Ferrari è per definizione la squadra di maggior successo nella storia della Formula 1. La casa italiana ha 15 titoli al suo illustre nome, più di qualsiasi altro costruttore nel Anni 70. Un anno di competizione.

E Alberto Ascari è stato il primo a metterlo sulla mappa. Dei nove vincitori del Campionato del Mondo Ferrari, è stato il primo ed è tuttora l’unico italiano.

Alberto e Antonio Ascari

Descritto da Murray Walker come “la più grande Italia di sempre”, “paffuto, elegante e carismatico, dominò il Gran Premio nei primi anni ’50.

Descrizione di Murray: “L’unico vero campione italiano nell’era della Formula 1”, “Con il suo casco azzurro pallido e la maglia senza maniche celeste, era un grande designer, sempre più a suo agio in testa alla gara, preferiva il controllo e una volta lui era davanti, ha fatto il suo stile Tranquillo e ininterrotto, tutto sembra così facile.

Il leggendario Enzo Ferrari ha sostenuto l’affermazione di Murray sull’abilità in pista di Asgari: “Quando guida, non è stato facile superarlo, anzi era quasi impossibile superarlo”.

Alberto nasce a Milano il 13 luglio 1918, affettuosamente soprannominato dai suoi fedeli tifosi “Cecio”, che significa “grasso”.

Sette decenni fa, alla nascita della Formula 1, furono i piloti italiani ad aprire la strada. Il torinese Giuseppe Farina vinse l’anno inaugurale del Campionato del Mondo a favore dell’Alfa Romeo, e sebbene quell’impresa fu raggiunta l’anno successivo dal grande argentino Juan Manuel Fangio, Ferrari e Ascari avrebbero poi affermato il loro successivo dominio nel campionato. . A differenza di Farina e Fangio, anche Ascari ha conquistato i suoi titoli prima dell’ultima gara della stagione. È stato il primo pilota in assoluto a vincere più campionati e per più di un anno nessun altro pilota aveva vinto un Gran Premio ad eccezione di Ascari.

READ  La “passione per il marchio CEO” dell'Alfa Romeo potrebbe essere la chiave per rilanciare le sue fortune

Il successo è stato contaminato dallo sfondo dell’eredità di suo padre. Antonio Ascari morì tragicamente il 26 luglio 1925, come campione europeo, a seguito di un incidente durante il Gran Premio di Francia all’Autodromo di Montellieri, a sud di Parigi. La corsa per l’Alfa Romeo, con Alberto che frequenta abitualmente gli eventi, Antonio ha calcolato male un angolo lungo, la ruota si è bloccata sulla recinzione e il pilota è uscito dall’abitacolo. Antonio aveva 36 anni.

Alberto Ascari (a destra) e il mitico Enzo Ferrari

Alberto Ascari (a destra) e il mitico Enzo Ferrari

Voleva emulare il suo amato defunto padre, Alberto, che era così determinato a perseguire una carriera nel motorsport che sarebbe scappato di nuovo dalla scuola. Nella sua adolescenza, ha iniziato a correre in moto, prima di essere aiutato dal suo amico e mentore Luigi “Gigi” Villoresi, un rapporto lucrativo forgiato tra i coniugi che ha portato ai rispettivi incarichi Ferrari.

Tragicamente, Alberto stava emulando Antonio in più modi che avere successo sul ring.

Oltre a “Ciccio”, era anche conosciuto come “Piccolo Ascari” o “Ascarino”, per essere il famoso figlio del famoso Antonio. Quando è entrato nel mondo delle corse automobilistiche, Alberto ha fatto due promesse: una delle quali non avrebbe mai corso senza il fortunato casco blu. In secondo luogo, non avrebbe mai corso il 26, il giorno dell’incidente di suo padre.

All’età di ventuno anni, Ascari fu coinvolto nella Mille Miglia del 1940, alla guida della Tipo 815, la prima vettura Ferrari in assoluto tranne il nome, costruita da Auto Avia Costruzione, la società che Enzo Ferrari aveva fondato dopo la scissione con l’Alfa Romeo. Nello stesso anno Ascari si sposò e successivamente ebbe due figli.

Il figlio si chiamava Antonio.

Enzo Ferrari – che era un buon amico del compianto Antonio – firmò Asari e Villoresi nella sua squadra nel 1949, con Ascari che premiava Faith con cinque vittorie nella sua prima stagione, poi nove l’anno successivo. Poi è arrivata la gloria della prima Ferrari.

READ  Emilia-Romagna GB: Max Verstappen ha preso il comando nel terzo esercizio, mentre Lewis Hamilton è arrivato terzo

La prima gara del 1952, il Gran Premio di Svizzera, entrò in collisione con la 500 Miglia di Indianapolis, un evento che era anche una parte confusa del calendario del campionato del mondo. Ascari ha viaggiato fino all’Indiana Speedway attraverso l’Atlantico, dove è salito con una Ferrari speciale da 4,5 litri e 375 turbo. Primo europeo a partecipare all’evento nell’era del campionato del mondo, Ascari ha fatto 40 dei 200 giri della sua vettura personalizzata prima di essere costretto al ritiro a causa di uno slittamento con una ruota guasta. Nel frattempo, il rivale di Formula Uno Piero Tarovi ha vinto al Brimgarten per la prima gara della campagna. Successivamente, Ascari è tornato in Europa per vincere i restanti sei Gran Premi della stagione, vincendo facilmente il suo primo campionato del mondo dal compagno di squadra Ferrari Farina.

Ascari ruota nella Indy 500

Ascari ruota nella Indy 500

Tuttavia, dopo aver vinto il suo secondo campionato consecutivo l’anno successivo, si unì alla rivale squadra italiana Lancia alla fine del 1953 dopo un disaccordo con Enzo Ferrari, e il successo fu ancora più difficile, anche se non per mancanza di tenacia da parte di Ascari .

Il 22 maggio 1955, Alberto gareggiava su Monte Carlo per il Gran Premio di Monaco con la sua Lancia D50. Ascari si è accorto, col senno di poi, di avvicinarsi troppo velocemente alla curva, a causa di una distrazione degli spettatori che hanno cercato di informarlo che il suo più vicino concorrente, Stirling Moss, era stato eliminato dalla gara. Una decisione letterale tra la vita e la morte, ha spedito la sua auto attraverso le barriere nel Mediterraneo. Ascari e Lancia sono scomparsi sotto la superficie.

Dopo pochi secondi è apparso il suo elmetto blu pallido e ha rapidamente salvato la barca del conducente scioccata che era stata portata in ospedale. Alberto misericordia ha subito il naso rotto.

READ  ASM Global espande la sua portata internazionale attraverso la prima partnership italiana

È scampato alla morte solo una volta.

Quattro giorni dopo, all’Autodromo Nazionale di Monza, in Italia, incontra di nuovo il fantasma e non sarà molto fortunato.

Ascari era già dimesso dall’ospedale, e ora si prepara per il Supercortemaggiore, gara di resistenza di 1.000 km.

Era pronto per tornare a casa a pranzo con sua moglie Maria. Il due volte iridato ha deciso spontaneamente di fare qualche giro con una vettura sportiva Ferrari e un casco preso in prestito dall’amico e connazionale Eugenio Castelotti. Ascari rompe due delle promesse fatte nel corso della sua carriera.

Per dimostrare il vero pericolo reale che esisteva in questo periodo, Castelotti fu ucciso due anni dopo mentre provava una nuova vettura Ferrari per la stagione 1957 all’Autodromo di Modena. Viaggiando a una velocità media di 85 mph, Castlelotti si schianta in una curva, il suo corpo sfreccia per 100 iarde attraverso la pista.

Mentre usciva da una curva veloce al terzo giro, la sua Ferrari ha sbandato inaspettatamente. Aprì il naso e fece due capriole. Alberto, come suo padre, è disgustosamente scaricato in pista. Le sue ferite erano molto gravi.

L'incidente che ha ucciso Alberto Ascari

L’incidente che ha ucciso Alberto Ascari

Morì il 26 maggio 1955 all’età di 36 anni. È morto come se fosse vissuto – un’imitazione di Antonio.

Bill Pace è rattristato e sembra che l’intero paese sia in perdita.

“Tutta l’Italia ha pianto Alberto Ascari”, ha descritto Walker, “Più di ogni altro pilota, ha creato una leggenda Ferrari che persiste ancora oggi”.

Folle di persone si sono radunate per il suo funerale in Piazza del Duomo, in una calma spaventosa e triste. Commovente, un’iscrizione monumentale sulla chiesa di San Carlo al Corso recita all’unico italiano ad aver mai vinto un mondiale con la Ferrari: “Al termine del traguardo, ha incontrato l’anima di Alberto Ascari”.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Almeno 82 morti nell’incendio dell’ospedale Covid a Baghdad: Ministero dell’Interno
Next Post Un uomo spagnolo è stato accusato di aver infettato 22 persone con COVID-19