La Terra è sospesa da corde cosmiche all’interno di un tunnel magnetico? Alcuni studiosi pensano di sì

Sembra un preludio a un primo romanzo di fantascienza: e se la Terra esistesse davvero all’interno di un gigantesco tunnel magnetico?

secondo Studio pre-stampa Pubblicato sulla rivista scientifica The Astrophysical Journal, questo concetto fantasioso potrebbe essere meno assurdo di quanto sembri. In effetti, l’idea dei ricercatori è quella che potrebbe letteralmente ridisegnare la mappa del nostro universo.

Gli scienziati sanno dagli anni ’60 che esistono due strutture radio apparentemente separate – definite in astronomia come qualsiasi oggetto che emette forti onde radio – che possono essere rilevate in modo definitivo dalla tecnologia terrestre. Conosciuto come North Polar Spur e Fan Zone, il nuovo studio postula che queste strutture radio sono simili a lunghe corde e hanno un diametro di circa 1.000 anni luce, più circa 350 anni luce dal nostro pianeta.

La ricerca degli scienziati della Penn State University indica inoltre che oltre ad essere (relativamente) vicine alla Terra, le due strutture sono in relazione tra loro e, di conseguenza, essenzialmente ci circondano.


Vuoi più storie di salute e scienza nella tua casella di posta? Iscriviti alla newsletter settimanale del salone mondo volgare.


Immagina un tubo gigante fatto di enormi viticci magnetici che potrebbero sembrare un po’ corde lunghe e sottili. Questi viticci includono un campo magnetico e particelle cariche che possono collegare le due strutture radio, creando efficacemente una struttura simile a un tunnel che include la Terra e una piccola porzione della Via Lattea, almeno questa è l’idea.

I risultati degli scienziati potrebbero aiutare i ricercatori in futuro mentre cercano di creare un modello completo dei campi magnetici in altre galassie e di comprendere strutture simili rilevate attraverso osservazioni astronomiche. Si aspettano anche che quando gli scienziati saranno in grado di osservare queste strutture radio a una risoluzione più elevata, scopriranno caratteristiche aggiuntive, tra cui una “struttura filamentosa più complessa”, tra le altre cose. Come ha detto uno scienziato a Salon, queste strutture sarebbero assolutamente fantastiche se potessimo individuarle con i nostri occhi. (Lo sperone polare nord, ad esempio, appare su una mappa a raggi X come una specie di enorme bolla gialla.)

READ  Aggiornamento Hubble: fotocamera posteriore, altro in arrivo

“Se potessimo vedere la luce radio, vedremmo (nell’emisfero settentrionale) molti punti luminosi che si estendono per una distanza molto ampia nel cielo”, ha affermato il dott. Jennifer L. L’Istituto di Astronomia e Astrofisica dell’Università di Toronto, ha detto a Salon via e-mail. “Questi punti sono fissi nel cielo e cambieranno la loro posizione e direzione durante la notte e durante le stagioni, proprio come le stelle e le costellazioni”. West ha aggiunto che le persone che si avventurano fuori subito dopo il tramonto in autunno, così come nelle città delle latitudini medio-settentrionali, vedranno l’area di Van visibile in una parte del cielo.

“La fan zone si estenderà dall’orizzonte settentrionale al punto superiore”, ha spiegato West. “Passerà attraverso le costellazioni di Cameloparladis, Cassiopea e Cefeo. Lo sperone polare nord si estenderà dall’orizzonte occidentale e raggiungerà anche quasi il cielo. Passerà attraverso le costellazioni di Boote, Corona Boreale ed Ercole. Un altro, un po’ fioco patch si estenderà da sud-est”.

Imparentato: Gli astronomi osservano un sistema solare distante proprio come la nostra volontà dopo che il sole è esploso

West ha spiegato che questa nuova ricerca scientifica sulle straordinarie strutture “ha cercato di prendere in considerazione tutti i tipi di osservazioni diverse” degli astronomi nel corso degli anni. Offre anche più di una semplice gratificazione estetica. Come ha detto West a Salon, è affascinata dal magnetismo sia dell’universo che della nostra galassia. Gli scienziati stanno appena iniziando a saperne di più su questi campi magnetici e West è determinato a capire il più possibile sul motivo per cui esistono e su come influenzano la formazione di stelle e pianeti.

READ  Strane tracce in Texas indicano che i sauropodi giganti camminano solo sulle zampe anteriori

“Una teoria del magnetismo nelle galassie è chiamata teoria della dinamo: è la teoria che spiega il campo magnetico nella Terra e nel nostro sole e che è generato da particelle cariche rotanti”, ha detto West. “Pensiamo che sia anche responsabile della generazione di campi magnetici nelle galassie, ma abbiamo bisogno di ulteriori prove per supportare questa ipotesi”.

Ha aggiunto: “In questo studio stiamo cercando di mappare l’ambiente locale in modo che quando costruiamo modelli del campo magnetico dell’intera galassia, possiamo prendere in considerazione il contributo locale. Il detto che non possiamo vedere la foresta per gli alberi si applica davvero qui. Dobbiamo capire cosa stiamo guardando da vicino. Per avere un’idea del quadro più ampio. Spero che questo sia un passo verso la comprensione del campo magnetico della nostra intera galassia e dell’universo. “

West ha notato che questo potrebbe un giorno includere il nostro sistema solare.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Report ATP: Denis Shapovalov si riunisce a San Pietroburgo
Next Post ROH Talent reagisce alla notizia che la società continuerà a essere interrotta nel 2022