La Terra è buia – a causa del cambiamento climatico

Questa immagine della Terra è stata compilata utilizzando decine di migliaia di immagini della missione Copernicus Sentinel-2. Grazie all’era dei satelliti, siamo in una posizione migliore per comprendere le complessità del nostro pianeta, in particolare in relazione al cambiamento globale. Credito: contiene dati Copernicus Sentinel modificati (2019-20), elaborati dall’ESA e dal livello cloud della NASA.

Il riscaldamento degli oceani fa sì che meno nuvole luminose riflettano la luce solare nello spazio, consentendo a più energia di entrare nel sistema climatico terrestre.

Un nuovo studio ha rivelato che l’aumento della temperatura dell’acqua dell’oceano ha causato una diminuzione della luminosità della Terra.

I ricercatori hanno utilizzato decenni di misurazioni della luminosità della Terra – la luce riflessa dalla Terra che illumina la superficie della luna – così come misurazioni satellitari per vedere che c’è stata una diminuzione significativa della riflettanza della Terra, o albedo, negli ultimi due decenni.

La Terra ora riflette circa mezzo watt di luce per metro quadrato rispetto a 20 anni fa, con la maggior parte del declino dei dati luminosi sulla Terra avvenuta negli ultimi tre anni, secondo il nuovo studio sulla rivista AGU. Lettere di ricerca geofisica, che pubblica rapporti brevi e ad alto impatto con implicazioni immediate in tutte le scienze della Terra e dello spazio.

Ciò equivale a una riduzione dello 0,5% nella riflessione della Terra. La Terra riflette circa il 30% della luce solare che la colpisce.

Earthshine

Albedo medio annuo della Terra 1998-2017 espresso in watt per metro quadrato (W/m2). Albedo CERES annuale 2001-2019 è mostrato in blu. La linea più adatta per i dati CERES (2001-2019) è indicata da una linea blu tratteggiata. Le barre di errore medie per le misurazioni CERES sono 0,2 W/m2. Credito: Goode et al. (2021), Lettere di ricerca geofisica

Philip Goode, ricercatore presso Istituto di tecnologia del New Jersey e autore principale del nuovo studio, riferendosi ai dati della Terra dal 1998 al 2017 che ha raccolto Osservatorio Solare Big Bear nel sud della California. Quando i dati più recenti sono stati aggiunti agli anni precedenti, la tendenza all’opacità è diventata evidente.

READ  Lo studio di modifica genetica CRISPR ripristina la vista in parte per i pazienti legalmente ciechi: istantanee

Due cose influenzano la chiara luce solare che raggiunge la Terra: la luminosità del sole e il riflesso del pianeta. I cambiamenti nell’albedo terrestre che i ricercatori hanno osservato non erano associati a cambiamenti periodici nella luminosità del sole, il che significa che i cambiamenti nella riflettanza della Terra sono causati da qualcosa sulla Terra.

In particolare, negli ultimi anni c’è stata una diminuzione delle nubi basse, luminose e riflettenti sull’Oceano Pacifico orientale, secondo le misurazioni satellitari effettuate nell’ambito del NASAIl progetto Clouds and Earth’s Radiant Energy System (CERES).

Questa è la stessa regione, al largo delle coste occidentali del Nord e del Sud America, dove sono stati registrati aumenti delle temperature della superficie del mare a causa dell’inversione di una condizione climatica chiamata Pacific Decadal Oscillation, con il suo possibile collegamento al cambiamento climatico globale.

L’oscuramento della Terra può essere visto anche in termini di quanta energia solare viene catturata dal sistema climatico terrestre. Una volta che questa significativa energia solare aggiuntiva si trova nell’atmosfera terrestre e negli oceani, può contribuire al riscaldamento globale, poiché la luce solare aggiuntiva ha circa le stesse dimensioni dell’impatto totale del clima antropogenico negli ultimi due decenni.

“È davvero preoccupante”, ha detto Edward Schwitterman, uno scienziato planetario dell’Università della California, Riverside, che non è stato coinvolto nel nuovo studio. Per qualche tempo, ha detto, molti scienziati avevano sperato che una Terra più calda avrebbe portato a più nuvole e a una maggiore albedo, che avrebbe poi aiutato a mitigare il riscaldamento globale ea bilanciare il sistema climatico. “Ma mostra che è vero il contrario.”

READ  Segnali radio imprevisti da stelle lontane indicano pianeti nascosti

Riferimento: “Albedo della Terra 1998-2017 misurato dalla luminosità della Terra” di P.R. Goode, E. Pallé, A. Shoumko, S. Shoumko, P. Montañes-Rodriguez e S.E. Koonin, 29 agosto 2021, Lettere di ricerca geofisica.
doi: 10.1029/2021GL094888

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Kevin De Bruyne torna con il Belgio per le partite della Nations League
Next Post Mick Jagger passa inosservato al bar NC la sera prima del concerto dei Rolling Stones