La tensione aumenta a Gerusalemme mentre i palestinesi si dirigono verso il quartiere di Al-Aqsa | Notizie della moschea di Al-Aqsa

Le tensioni sono aumentate nella Gerusalemme Est occupata, con migliaia di fedeli palestinesi diretti alla Moschea di Al-Aqsa per partecipare alla Notte Santa del Potere, un giorno dopo che le forze israeliane hanno preso d’assalto la Moschea Sacra e ferito più di 200 palestinesi.

Israele ha annunciato di aver rafforzato la sicurezza attorno al complesso della moschea in vista delle proteste previste contro il possibile sgombero dei palestinesi dalle case di Gerusalemme su terreni rivendicati dai coloni ebrei.

Le tensioni sono aumentate nella città, nella Cisgiordania occupata e Gaza durante il mese sacro del Ramadan, in mezzo alla crescente rabbia per gli ordini di sfratto.

Negli ultimi giorni, le guardie di frontiera israeliane hanno usato acqua puzzola, gas lacrimogeni, proiettili di gomma e bombe d’urto per disperdere i sit-in che si tenevano a sostegno delle famiglie che rischiano di essere sfrattate nel quartiere di Sheikh Jarrah.

Almeno 205 palestinesi e 18 ufficiali israeliani sono rimasti feriti negli scontri di venerdì, che hanno scatenato condanne internazionali e richieste di calma.

Ecco gli ultimi aggiornamenti:


Almeno 53 palestinesi sono rimasti feriti negli scontri di sabato notte

La Mezzaluna Rossa palestinese ha detto che sabato notte 53 palestinesi sono rimasti feriti negli scontri con la polizia israeliana a Gerusalemme est.

Harry Fawcett di Al Jazeera, alla Porta di Damasco a Gerusalemme Est, ha detto che c’è stato un “ciclo ripetuto di scontri e calma” nell’area tra manifestanti palestinesi che hanno lanciato bottiglie di plastica e forze di sicurezza israeliane che hanno sparso granate assordanti e acqua puzzolente.

Abbiamo anche visto alcuni combattimenti in esecuzione, con persone che corrono e colpiscono [by police] – Non per essere scoperti, ma per essere spediti sulla loro strada. “


La polizia disperde violentemente la protesta di Sheikh Jarrah

Muhammad al-Kurd, un palestinese residente a Sheikh Jarrah, ha condiviso le riprese della polizia israeliana che disperde violentemente un sit-in di manifestanti palestinesi nel quartiere.

In uno dei video, un gruppo di poliziotti viene visto demolire tende e allontanare le persone dal luogo della protesta. Un altro video mostrava un agente che trascinava violentemente una donna palestinese lungo la strada.


Analista: È improbabile che l’incontro della Lega Araba cambi molto sul campo

Marwan Bishara, il capo analista politico di Al-Jazeera, ha affermato che è improbabile che il proposto incontro di emergenza della Lega Araba determini alcun cambiamento nel comportamento di Israele a meno che i paesi arabi, in particolare quelli che hanno normalizzato le relazioni con Israele, decidano di adottare misure significative. .

READ  I prezzi del petrolio sono stabili mentre la minaccia della tempesta negli Stati Uniti svanisce

“A meno che la Lega Araba non prenda alcune iniziative serie, inclusa la notifica ad alcuni di quei paesi che normalizzano le relazioni con Israele, e a meno che alcuni di quei paesi arabi non usino la loro influenza, sia diplomatica o di altro, con Israele, penso che vedremo semplicemente più dichiarazioni, “Bishara ha detto.

“Dichiarazioni che possono essere rumorose sotto forma di denunce e condanne, ma sono troppo brevi o di scarsa influenza pratica in termini di costringere Israele, o i suoi alleati, non solo gli Stati Uniti, ad agire per fermare l’oppressione del Palestinesi a Gerusalemme “.


La polizia di occupazione ha sparato proiettili di gomma e acqua di gomma per disperdere i manifestanti nel quartiere di Al-Quds

Il corrispondente di Al-Jazeera ha detto che la polizia israeliana ha usato proiettili rivestiti di gomma e acqua che cadeva per disperdere i manifestanti nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme.

Il corrispondente ha aggiunto che centinaia di manifestanti si stanno attualmente radunando nelle vicinanze di Othman bin Affan Street, dove vivono famiglie palestinesi, minacciate di sfratto.

Le forze di sicurezza israeliane hanno arrestato un manifestante durante una manifestazione di palestinesi che protestavano contro il possibile sfratto di famiglie palestinesi nel quartiere di Sheikh Jarrah [Menahem Kahana/AFP]

Erdogan condanna l’assalto alla moschea di Al-Aqsa

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha condannato oggi, venerdì, il raid della polizia israeliana nella moschea di Al-Aqsa nella Gerusalemme est occupata.

“Condanniamo fermamente gli atroci attacchi israeliani contro la nostra prima moschea di Qibla, che purtroppo vengono effettuati ogni Ramadan”, ha scritto Erdogan su Twitter.


Senatore Sanders: Gli Stati Uniti dovrebbero esprimersi contro le evacuazioni a Gerusalemme

Il senatore americano Bernie Sanders, in un tweet sabato, ha invitato il governo degli Stati Uniti a chiarire la sua posizione contro lo sgombero delle famiglie palestinesi nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme.


Cosa può impedire l’espulsione dei palestinesi da Sheikh Jarrah?

Sebbene Sheikh Jarrah sia solo una piccola parte della Gerusalemme est occupata, l’area è una delle principali fonti di tensione tra palestinesi e israeliani.

READ  "Vai lì, guadagna": Malta paga i turisti stranieri che la visitano per almeno 3 giorni

Un ordine finale di espulsione delle famiglie palestinesi ha scatenato giorni di violente proteste.

Nonostante le richieste internazionali di moderazione, le proteste si stanno intensificando. Perché il disaccordo di Sheikh Jarrah è controverso?

Clicca qui per saperne di più.


Un’organizzazione non governativa arabo-israeliana chiede la fine dell’assalto alla benedetta moschea di Al-Aqsa

Un’organizzazione non governativa arabo-israeliana ha invitato gli alti funzionari israeliani a ordinare alle forze di sicurezza di fermare le “incursioni violente” nella moschea di Al-Aqsa e di astenersi dall’usare una forza eccessiva contro i fedeli palestinesi e gli operatori sanitari.

In una lettera al procuratore generale israeliano Avichai Mandelblit e al commissario di polizia israeliano Kobi Shabtai, l’avvocato Wissam of Honor di Adalah, il Centro legale per i diritti delle minoranze arabe in Israele, ha affermato che le incursioni hanno messo in pericolo la vita dei fedeli e hanno violato il loro diritto alla libertà di culto.

“Il [Israeli police’s] Sharaf ha affermato che la dispersione delle sessioni di preghiera utilizzando una forza eccessiva e mezzi sproporzionati e abusivi costituisce una grave violazione del diritto costituzionale della congregazione alla libertà di culto, in modo chiaramente sproporzionato.


“Not One Dollar”: un parlamentare americano sollecita la fine della complicità nelle violazioni israeliane

Negli ultimi anni, la deputata statunitense Betty McCollum ha tentato di innescare un dibattito negli Stati Uniti sui miliardi di dollari che Washington invia a Israele ogni anno.

Il democratico del Minnesota vuole sapere di più su dove vanno a finire i soldi, assicurandosi che Israele non utilizzi gli aiuti militari statunitensi per commettere violazioni dei diritti umani contro i palestinesi.

READ  Fauci: sono necessarie dosi di richiamo del vaccino Covid, ma la tempistica è incerta

Il mese scorso, McCollum ha presentato il suo ultimo disegno di legge, che mira a ottenere garanzie che gli aiuti statunitensi non saranno utilizzati per violazioni contro i bambini palestinesi, distruggendo proprietà palestinesi, deportando palestinesi dalla Cisgiordania occupata o tentativi israeliani di annettere altra terra palestinese. .

Leggi di più qui.


La polizia israeliana intercetta gli autobus dei palestinesi israeliani diretti ad Al-Aqsa

Il capo della polizia nazionale israeliana ha annunciato di aver rafforzato le sue forze a Gerusalemme in vista dei disordini previsti nei prossimi giorni dopo le proteste di venerdì.

Migliaia di palestinesi dovrebbero tornare alla moschea di Al-Aqsa dopo il tramonto nella notte di Laylat al-Qadr.

I filmati televisivi hanno mostrato la polizia che ferma gli autobus dei fedeli musulmani dalle città arabe israeliane sull’autostrada principale che porta a Gerusalemme.

La notizia del checkpoint si è diffusa sui social, attirando centinaia di giovani dai vicini villaggi arabi e da Gerusalemme.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Le battaglie dell’Italia hanno continuato ad affrontare sfide di stabilità politica
Next Post Sports Digest: Allgaier appuntato sulla vittoria di Xfinity a Darlington