La superficie della luna di Giove Europa è influenzata da piccoli impatti: le sue condizioni potrebbero attualmente essere adatte alla vita

La navicella spaziale Galileo della NASA ha catturato questa vista colorata della luna di Giove Europa alla fine degli anni ’90. Gli scienziati studiano i processi che interessano la superficie mentre si preparano a esplorare il corpo ghiacciato. Credito: NASA/JPL-Caltech/SETI Institute

La luna di Giove Europa e i suoi dintorni globali potrebbero avere condizioni adatte alla vita in questo momento. Gli scienziati studiano i processi sulla superficie ghiacciata mentre si preparano per l’esplorazione.

È facile vedere l’impatto dei detriti spaziali sulla nostra luna, dove la vecchia superficie rotta è ricoperta di crateri e cicatrici. Europa, la gelida luna di Giove, resiste a una sconfitta simile, insieme a radiazioni estremamente intense. Quando la superficie superiore della luna ghiacciata oscilla, il materiale portato in superficie viene emesso da radiazioni elettroniche ad alta energia accelerate da Giove.

Scienziati finanziati dalla NASA stanno studiando gli effetti cumulativi di piccoli impatti sulla superficie di Europa mentre si preparano ad esplorare la lontana luna con la missione Europa Clipper ed esaminano le prospettive per una futura missione di atterraggio. Europa è di particolare interesse scientifico perché il suo oceano salato, che giace sotto uno spesso strato di ghiaccio, potrebbe attualmente avere condizioni adatte alla vita attuale. Quest’acqua può raggiungere la crosta di ghiaccio e la superficie lunare.

Nuove ricerche e modelli stimano l’entità del disturbo su questa superficie attraverso un processo chiamato “effetto orticolo”. Il lavoro, pubblicato il 12 luglio su Nature Astronomy, stima che la superficie di Europa sia stata interessata da impatti di profondità medio-piccole di circa 30 cm (12 pollici) per decine di milioni di anni. E tutte le molecole che potrebbero essere considerate potenziali biofirme, che includono segni chimici di vita, potrebbero essere influenzate a questa profondità.

Ingrandimento superficie Europa

In questa immagine ingrandita della superficie di Europa, ripresa dalla missione Galileo della NASA, lo strato sottile e luminoso, visibile su una scogliera al centro, mostra il tipo di aree interessate dall’effetto orticolo. Credito: NASA/JPL-Caltech

Questo perché gli effetti faranno sì che parte del materiale si sposti in superficie, dove la radiazione probabilmente romperà i legami di tutte le grandi molecole potenzialmente sensibili generate dalla biologia. Nel frattempo, parte del materiale sulla superficie verrà spinto verso il basso, dove può mescolarsi con ciò che è sotto la superficie.

“Se vogliamo sperare di trovare firme biochimiche pure, dovremo guardare al di sotto della regione in cui si sono verificati gli impatti orticoli”, ha affermato la ricercatrice capo Emily Costello, ricercatrice planetaria dell’Università delle Hawaii a Manoa. “Le impronte biochimiche nelle aree poco profonde di quella regione potrebbero essere state esposte a radiazioni devastanti”.

andare più a fondo

Sebbene sia stato a lungo compreso che l’impatto orticolo probabilmente si verifica sull’Europa e su altri corpi senz’aria nel Sistema Solare, il nuovo modello fornisce il quadro più completo del processo. Infatti, è il primo a prendere in considerazione gli effetti secondari causati dai detriti che cadono sulla superficie di Europa dopo che un primo impatto l’ha presa a calci. La ricerca mostra che le latitudini medio-alte dell’Europa saranno meno colpite dal doppio effetto dell’orticoltura e delle radiazioni.

“Questo lavoro amplia la nostra comprensione dei processi fondamentali sulle superfici del sistema solare”, ha affermato Cynthia Phillips, scienziata europea presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California e coautrice dello studio. “Se vogliamo capire le proprietà fisiche e come generalmente si evolvono i pianeti, dobbiamo capire il ruolo che l’orticoltura gioca nel rimodellarli”.

L’Europa Clipper, che è gestito da JPL per la NASA, aiuterà a far progredire questa comprensione. Il veicolo spaziale, il cui lancio è previsto per il 2024, effettuerà una serie di voli vicino a Europa mentre orbita attorno a Giove. Trasporterà strumenti per rilevare con precisione la luna, oltre a prelevare campioni di polvere e gas che vengono lanciati sopra la superficie.

Maggiori informazioni sulla missione

Missioni come l’Europa Clipper contribuiscono al campo dell’astrobiologia, la ricerca interdisciplinare su variabili e condizioni in mondi lontani che potrebbero ospitare la vita come la conosciamo. Sebbene l’Europa Clipper non sia una missione di rilevamento della vita, condurrà un’indagine dettagliata su Europa e verificherà se la luna ghiacciata, con il suo oceano sotto la superficie, ha il potenziale per sostenere la vita. Comprendere l’abitabilità dell’Europa aiuterà gli scienziati a comprendere meglio come si è evoluta la vita sulla Terra e la possibilità di trovare vita al di fuori del nostro pianeta.

Il Jet Propulsion Laboratory, gestito dal California Institute of Technology di Pasadena, in California, dirige lo sviluppo della missione Europa Clipper in collaborazione con APL per la direzione della missione scientifica della NASA a Washington. Il Planetary Missions Program Office presso il Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, in Alabama, gestisce il programma di missione Europa Clipper.

READ  Guarda SpaceX fare il suo primo locale notturno parcheggiato dal 1968
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Mancini ringrazia Mattarella, vittoria per tutti gli italiani – English
Next Post L’attacco di uno squalo della star di Jackass in un’acrobazia televisiva è andato storto