La storia di Dorando Petri e della maratona olimpica del 1908

In un estratto dal suo nuovo libro, Ruggero Robinson Guarda il dramma olimpico che si è svolto a Londra 114 anni fa e ha trasformato la maratona in un fenomeno globale

La maratona più drammatica, terrificante e importante della storia si svolse a Londra il 24 luglio 1908. In quella calda giornata, un coraggioso pasticcere italiano e un meraviglioso costruttore irlandese americano cambiarono per sempre l’evento.

Olimpiadi di Londra 1908

Una folla di 100.000 persone ha guardato un uomo. chi è lui? Le loro uniche informazioni provenivano dai nomi stampati con il gesso su un grande tabellone esposto dall’altra parte del campo. Un colpo di pistola improvviso li colpì con un annuncio squillante su un lungo megafono: “Runners in Sight!” Non vengono dati nomi. La folla ha guardato la parte superiore della rampa mentre il primo corridore sarebbe apparso sul campo a White City. Il sudafricano Charles Hefferon era in vantaggio di quattro minuti nel rapporto finale della classifica.

Quando aspetti il ​​tuo leader della maratona, niente è certo, soprattutto in una giornata calda e umida. C’era una vivace attività sul pendio in discesa. Funzionari e polizia gridavano o gesticolavano. Tra loro, la folla ha intravisto un ometto dalla pelle scura con un fazzoletto bianco annodato in testa, che indossava una maglietta bianca bagnata e pantaloncini rossi larghi. Sembrava incerto su dove andare. Inciampò lungo il sentiero di brace, barcollando in modo irregolare, come una marionetta.

Dorando Petri era italiano. Quello che gli è successo nei minuti successivi è diventato inseparabile dalla storia della maratona e dei Giochi Olimpici.

La folla sperava in Hefferon. I corridori britannici che erano in testa (troppo veloci) nelle prime 10 miglia si sono visti spazzare via tutto. Tom Longboat, il nativo canadese preferito prima della gara, si è fermato dopo un’escursione di 16 miglia. Hefferon, nato a Newbury, nel Berkshire, e rappresentante del Sudafrica, la nuova aggiunta all’impero britannico, era bravo quanto un britannico. La maggior parte del pubblico lo riteneva di gran lunga migliore di qualsiasi dei Dodici Americani, la cui squadra aveva vinto molti eventi e aveva pochissimi amici in quei Giochi pieni di conflitti. Questo contesto partigiano influenzerà il modo in cui alcune persone chiave agiranno nei prossimi minuti.

READ  Il laureato di Warren de la Salle si reca in Italia per giocare a football americano

La folla che guardava Petrie era commossa da qualcosa di più profondo della partigianeria. Arthur Conan Doyle (creatore di Sherlock Holmes) lo ha detto meglio, coprendo la gara per mail giornaliera: “Ha raggiunto il limite della sopportazione umana… È terribile, eppure meravigliosa, questa lotta tra un obiettivo definito e un quadro del tutto estenuante.”

Petrie, stordito e stordito, barcollò in avanti. Si girò e inciampò, coprì 20 iarde, poi si ruppe entrambe le gambe e cadde. Era proprio di fronte a un enorme palco affollato e la gente ansimava. Alcuni credono che sia morto.

Dorando Petri (Getty)

Ormai siamo tutti abituati a scaldare l’esaurimento – Jim Peters nel 1954, Gabriela Andersen Shes nel 1984, Callum Hawkins, Jessica Judd – ed è ancora terribilmente doloroso. Nel 1908, queste persone lo vedevano per la prima volta. La potenziale tragedia è stata rappresentata proprio di fronte a loro.

Con l’aiuto dei suoi piedi, Petrie barcollò lungo il resto del lungo rettilineo, “piccole gambe rosse che camminavano in modo incoerente, spinte da una volontà superiore all’interno”, scrive Doyle. Quando raggiunse la curva, le sue gambe cedettero, la folla gemette di pietà e orrore mentre cadeva di nuovo. Ancora una volta, pensavano che stesse morendo. Ma ancora una volta, dopo molta attenzione, si è svegliato. Ha percorso solo pochi metri prima di rannicchiarsi di nuovo in cima alla curva.

crollato altre due volte. La foto lo mostra sdraiato sulla schiena, inattivo, sostenuto tra le braccia dell’ufficiale medico Dr. Bolger. Petri sembra essere svenuto.

E ora le cose sono diventate davvero eccitanti. Apparve il corridore successivo, con lo scudo degli Stati Uniti a strisce sulla maglia bianca. Johnny Hayes, un newyorkese di genitori irlandesi, stava caricando con passo sicuro. È una parte importante della storia di quel giorno straordinario in cui Hayes ha corso una gara che è stata giudicata giusta quando tutti gli altri stavano impazzendo.

Hayes ha corso in discesa “coraggiosamente” (secondo le parole di Doyle) e ha iniziato l’inseguimento finale.

READ  Bandiere del festival italiano rimosse dai pali dell'elettricità di Southington secondo una nuova legge

Come è arrivato Petri alla fine? Con molto aiuto, certo, anche per stare in piedi. È arrivato mentre Hayes era all’ultima curva, a soli 150 metri di distanza. La famosa foto del traguardo mostra Petri con gambe fluide e un’espressione vitrea. Il direttore di gara Jack Andrew lo aiuta a superare la traversa, tenendola bene con il braccio destro di Petrie, tenendo nell’altro un enorme megafono.

Il posto deve essere rumoroso. La folla urlava. Hayes stava correndo per un miglio di sei minuti. L’unico collegamento era il mantice di un gigantesco megafono. Ora sappiamo tutti che se fornisci assistenza, l’ostilità deve essere esclusa. Ma lo sappiamo per quello che è successo quel giorno a Londra.

Attraverso il suo megafono, Andrew annuncia immediatamente Petrie come vincitore. Il coraggioso piccolo italiano è stato il campione più corto nella storia della maratona olimpica. La squadra americana presentò immediatamente una protesta, che fu inevitabilmente accolta. Johnny Hayes, l’unico tra i potenziali vincitori a capire che una maratona è più lunga di 18 miglia, è stato il degno vincitore.

Dorando Petri in barella

Prendi la storia veramente

La maratona olimpica del 1908 è responsabile di una serie di errori e confusioni entrati nel folklore nel corso degli anni. Ruggero Robinson Mette le cose in chiaro su una selezione di loro qui:

la stagione: È iniziato all’interno dei terreni del Castello di Windsor, con uno speciale permesso reale. Dopo 700 iarde si unì al percorso che era stato utilizzato tre mesi prima per il processo britannico, che era iniziato fuori dal parco del castello, nel Long Walk.

la partenza: I bambini reali non sono stati visti con il naso premuto contro le finestre della nursery, come di solito si sostiene. Una foto mostra loro quattro, sul prato in pendenza, mentre guardano da vicino mentre i corridori marciano verso la partenza. Una ricerca dettagliata di Mike Sandford della Southern AAA ha stabilito che l’antipasto era sul portico est, non sotto la finestra della scuola materna.

READ  Watford Fire Claudio Ranieri dopo meno di quattro mesi

distanza: Le regole delle Olimpiadi dicevano “circa 40 chilometri”, ma il Polytechnic Club, che ha organizzato la corsa londinese, ha aggiunto due chilometri, riconoscendo quel cambiamento solo due giorni prima. Il rapporto sulla misurazione della pista diceva che la distanza da East Terrace “sarebbe stata di circa 26 miglia dal bordo della pista dello stadio”. Non menzionare la parola “about” di Eliud Kipchoge.

il percorso: Sfidando l’impegno olimpico (dominato dai francesi) per le distanze metriche, gli inglesi aggiunsero eventi come una gara a squadre di tre miglia e costruirono la Città Bianca come una vasta arena da tre giri al miglio. Quindi mancava mezzo giro al traguardo di 385 yard.

Direzione: Le istruzioni per i corridori dicevano che tutte le gare su pista erano al chiuso. Petrie aveva corso la gara collegiale di tre miglia. Senza menzione nelle istruzioni, l’ultimo mezzo giro della maratona è andato nella direzione opposta. Nessuna meraviglia che sembrasse confuso.

fine: Era lo stesso per tutte le gare su pista. Di conseguenza i seggi reali erano lì. Non era colpa della regina Alexandra (come spesso si sostiene) se dovevi fare quei 385 metri alla fine della maratona successiva.

Arthur Conan Doyle: La maggior parte dei resoconti afferma erroneamente che fosse uno dei funzionari che hanno assistito Petrie. In effetti, era sugli spalti, lavorando a un eccezionale reportage sportivo per Mail giornaliera. Una nuova scoperta letteraria è che Doyle stava anche lavorando a una storia di Sherlock Holmes e ha reso omaggio a Dorando Petri come figura eroica.

cosa è successo dopo? Petrie e Hayes hanno ricevuto un’offerta che non potevano rifiutare in maratone con premi in denaro, indoor (262 giri) a New York. Longboat e l’inglese Alf Shrubb si unirono presto a loro. E così iniziò un’altra grande storia, uno degli anni dimenticati in cui la mania della maratona era il mondo degli stunt show americani.

Correre tutto il tempo: le più grandi storie di corsa mai realizzate (Mayer e Mayer) Di Roger Robinson è ora disponibile

» Questo articolo è apparso per la prima volta nel numero di ottobre di AW Magazine. Sottoscrizione qui

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post più di 1 milione di casi giornalieri nella provincia cinese di Zhejiang; Sii vigile, il primo ministro Modi sta dicendo alla gente
Next Post Il neuroscienziato concorda sul fatto che SuperAger non segue una routine quotidiana