La star del Thursday Show Neha Dhupia ha rivelato di essere stata licenziata dai suoi progetti dopo la gravidanza

Neha Dhupia era incinta di cinque mesi quando ha iniziato a girare per il film e ha detto a india.com che i realizzatori del film non intendevano inizialmente che interpretasse la poliziotta incinta nella trama, ma dopo che lei gliel’ha detto, solo la sua gravidanza è diventata un nuovo elemento nel suo lavoro sullo schermo. La gravidanza e interpretare parte di lei nel film è stata una gioia, secondo l’attrice, perché voleva mostrarsi lì e mostrare il suo lato vulnerabile, oltre a motivare altre donne e registi a creare più possibilità per le donne incinte nella professione. .


Ha affermato che durante il suo periodo Mehr ha prodotto e ospitato il suo podcast e reality show. Lei era la stessa. Era una lavoratrice laboriosa che finiva sempre ciò che aveva iniziato. Tuttavia, il settore si sta sviluppando. Faceva parte di alcuni progetti prima di rivelare la sua gravidanza, ma è stata licenziata.

LEGGI ANCHE: Angad Bedi rivela di aver preso in prestito “solo per convincere” Neha Dhupia a sposarsi

Ha continuato dicendo che la struttura del personaggio sta cambiando, e o non vuoi più interpretare il personaggio, o le persone che ti hanno assunto non vogliono che tu sembri così… così sia! Niente può farti arrabbiare o farti serbare rancore nei loro confronti.


Neha ha continuato dicendo che non si stava sforzando troppo di lavorare o fare qualcosa con troppe cose per sembrare stimolante. Ha spiegato che non voleva passare attraverso il processo di riposo e poi provare a tornare dopo la nascita del bambino.

READ  Ricky Martin rivela di sentirsi PTSD durante la precedente intervista di Barbara Walters in cui gli ha chiesto di uscire
Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Un’opportunità senza precedenti per indagare sul prossimo visitatore interstellare con il telescopio spaziale Webb
Next Post Il prossimo focus sulla “zona di rischio” del debito italiano per i trader obbligazionari