La sparatoria interrompe la protesta anti-talebana a Jalalabad

I rapporti hanno affermato che le persone a Jalalabad avevano abbassato la bandiera dei talebani e alzato la bandiera nazionale.

Nuova Delhi:

La prima reazione contro l’acquisizione dell’Afghanistan da parte dei talebani sembrava portare a una reazione violenta da parte dei nuovi governanti del paese. I rapporti dei media locali hanno indicato feriti, e forse anche morti, quando i talebani hanno aperto il fuoco su una manifestazione durante la quale è stata issata la bandiera nazionale. La sparatoria arriva mentre a Kabul sono iniziati colloqui senza precedenti tra i talebani, l’ex presidente Hamid Karzai e altri leader tra le speculazioni su un “governo di unità”.

Alla protesta di oggi a Jalalabad – l’ultima città caduta in mano ai talebani prima di Kabul – la gente ha alzato la bandiera dei talebani e ha alzato la bandiera nazionale rossa, verde e nera, è stato riferito.

I video pubblicati su Twitter dall’agenzia di stampa locale afghana Pajhwok hanno mostrato persone che portavano la bandiera nazionale che attraversavano la strada. All’improvviso si sono sentiti degli spari, seguiti da spari intermittenti di una mitragliatrice. Il corteo si ferma e la gente inizia a lanciare slogan.

“I talebani sparano ai manifestanti nella città di Jalalabad e picchiano alcuni videogiornalisti”, si legge in uno dei video.

È stata la prima risposta ai talebani dalla loro avanzata a Kabul di domenica, che ha portato a un tentativo di esodo di massa di migliaia di persone, in particolare donne, bambini e persone che hanno aiutato le forze occidentali durante i 20 anni di occupazione degli Stati Uniti.

Sebbene questa volta i talebani abbiano cercato di proiettare un’immagine più morbida, dichiarando un’amnistia generale e invitando le donne a unirsi al loro lavoro nel governo, i ricordi di fustigazioni, esecuzioni e lapidazioni per adulterio durante il loro regno tra il 1996 e il 2001 rimangono forti.

Molti temono per la propria vita e il proprio sostentamento. Le immagini crude della disperazione di lasciare il Paese sono arrivate dall’aeroporto di Kabul, dove molti uomini, non riuscendo a trovare un posto sui voli, sono saliti sulle ali degli aerei e sono caduti verso la morte.

Nel frattempo, il leader supremo dei talebani Anas Haqqani ha incontrato a Kabul l’ex presidente afghano Hamid Karzai e l’ex ministro degli Esteri Abdullah Abdullah.

La rete Haqqani, guidata da Anas Haqqani, è un’importante fazione dei talebani. La rete, con sede al confine con il Pakistan, è stata accusata negli ultimi anni di alcuni degli attacchi terroristici più mortali in Afghanistan.

READ  I talebani controllano diverse aree dell'Afghanistan
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Castellanos dovrebbe partire per l’Arizona contro Philadelphia
Next Post Serie A: i giocatori americani da guardare mentre la Serie A prende il via questo fine settimana su Paramount +