La sonda Insight della NASA rivela il primo sguardo dettagliato all’interno di Marte

Lander InSight della NASA Arrivato su Marte nel 2018 a Conosci l’interno Osservando le “paludi”, e ora il progetto comincia davvero a dare i suoi frutti. La NASA ha annunciare I ricercatori hanno mappato l’interno del Pianeta Rosso e scoperto alcune grandi sorprese e grandi differenze con la Terra.

La mappa è la prima mappa interna di un altro pianeta. Rispetto alla Terra, Marte ha una crosta più spessa, un mantello più sottile, più grande, meno denso e un nucleo più liquido del previsto. Questo, a sua volta, suggerisce che Marte potrebbe essersi formato milioni di anni prima del nostro pianeta, quando il Sole stesso non si era ancora completamente formato.

“Ci fornisce il primo campione dall’interno di un altro pianeta roccioso come la Terra, costruito con gli stessi materiali ma completamente diverso”, ha detto Saint Cottar, sismologo dell’Università di Cambridge (che non era coinvolto nel progetto). Il giornale di Wall Street. “È impressionante.”

Creare una mappa dai dati limitati forniti da InSight non è stata un’impresa facile. La sonda ha registrato solo terremoti da una posizione e ha un solo sismometro per una cosa. E Marte – durante la sua attività sismica – tu non hai Eventuali terremoti superiori a circa 4 della scala Richter.

scienze

Tuttavia, prendendo questi dati, insieme al magnetismo del pianeta e all’oscillazione orbitale, gli scienziati sono stati in grado di creare una mappa dettagliata. Il nucleo più interno del pianeta è stato trovato con un diametro di circa 2.275 miglia, che è più grande di quanto si pensasse in precedenza. Data la massa del pianeta nel suo insieme, ciò significa che il nucleo di ferro/nichel probabilmente contiene elementi più leggeri come zolfo, ossigeno e carbonio.

Nel frattempo, scoprì che la crosta era molto vecchia. Era anche più spesso negli altopiani meridionali di Marte e più sottile nelle pianure settentrionali, che potrebbero aver ospitato a lungo gli oceani. In media, ha uno spessore compreso tra 15 e 45 miglia ed è diviso in diversi strati di roccia ignea.

Il mantello si estende tra la crosta e il nucleo per circa 970 miglia sotto la superficie. È più sottile del pianeta Terra e ha una composizione diversa che indica che i due pianeti hanno avuto origine da materiali diversi quando si sono formati. Amir Khan, geofisico a Zurigo e coautore dello studio, ha detto Il New York Times.

I risultati hanno fornito agli scienziati nuove informazioni non solo sull’interno di Marte, ma anche sulla forma generale dei pianeti rocciosi. Ciò li aiuterà a sviluppare nuove teorie sulla formazione dei pianeti che potrebbero diventare particolarmente preziose nel prossimo futuro, quando nuovi strumenti come il James Webb Space Telescope consentiranno agli astronomi di osservare gli esopianeti intorno alla galassia. La NASA rivelerà di più sui suoi risultati in un evento dal vivo più tardi oggi.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati personalmente dalla nostra redazione, indipendentemente dalla casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione.

READ  Gli astronomi stanno scoprendo quella che potrebbe essere una delle stelle più antiche dell'universo conosciuto
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Sheffield Wednesday lancia i nuovi kit per la casa e per l’outdoor con ospiti speciali!
Next Post Paura di un’epidemia come la peste trovata in tutto il Colorado dopo che una ragazza di 10 anni è morta per una terribile malattia