La soleggiata Sicilia può diventare l’hub europeo per l’energia pulita? Alcuni residenti hanno bisogno di essere convinti

La soleggiata Sicilia può diventare l’hub europeo per l’energia pulita?  Alcuni residenti hanno bisogno di essere convinti

Il governatore dell’isola ha minacciato di smettere di approvare nuove centrali solari fino a quando la Sicilia non avrà qualche vantaggio speciale.

Quando Salvatore Cerreto ha sentito il governatore della Sicilia Renato Schifani impegnarsi a smettere di installare nuovi pannelli solari, è rimasto senza parole.

“I pannelli stanno distruggendo i nostri campi agricoli, quindi ne stiamo pagando il prezzo. Questa attività porta a qualche opportunità di lavoro? No: una volta installati, sono gestiti da remoto. Producono energia?”, ha detto Shivani all’agenzia di stampa Italpress. lo scorso mese.

Cerreto è responsabile della Palermo orientale comunità energetica Sull’isola un’associazione di cittadini, aziende private ed enti pubblici produttori di energia rinnovabile.

Nel suo famoso romanzo Il GattopardoLo scrittore italiano Giuseppe Tomasi di Lampedusa descrive una società in cui il sole presente è influenzato dalle decisioni umane. “Il sole si mostrò il vero dominatore della Sicilia”, scrive Tomasi.

Per un motivo: tre su dieci delle città più soleggiate d’Europa si trovano sull’isola, con Palermo che gode di una media 340 ore di sole Al mese.

“Questa è una grande opportunità. È gratis”, ha detto Cerrito a Euronews Green. “Quando [EU Commission president] ha detto Von der Leyen Sicilia Potrebbe diventare un hub di energia pulita per l’Europa, non stavi scherzando”.

Dopo che l’Italia ha reso possibile la condivisione e la vendita di elettricità attraverso la rete nazionale nel 2021, Ceretto e il suo studio di ingegneria StarPower Health & Contract hanno deciso di creare una comunità energetica. Hanno aperto un invito a manifestare interesse per costruire a Solare Alla periferia di Palermo.

Sono tornate centinaia di manifestazioni interessanti, principalmente da piccole attività come osterie, farmacie e alberghi e da un paio di musei pubblici che sono stati afflitti da bollette elettriche straordinarie.

Con 500 membri, East Palermo è destinata a diventare la più grande comunità energetica dell’intera isola. Il primo impianto solare da 850 kWh è stato realizzato a Brancio, un’antica zona industriale alle porte di Palermo.

Cerrito non è stato l’unico sorpreso dalla dichiarazione di Schiffani. I sindacati e gli oppositori politici hanno protestato a gran voce. loro videro tecnologia solare Come un’opportunità per una regione con scarse opportunità economiche di svolgere un ruolo importante nella transizione energetica europea.

READ  La nave di migranti attracca in Francia mentre la lite con l'Italia si intensifica

Nonostante ciò, altri governanti regionali hanno seguito l’esempio e pochi giorni dopo hanno sostenuto le richieste di Shivani.

Qual è la regione più produttrice di energia solare in Italia?

Nel 2021, l’Italia ha annunciato bersaglio informale Entro il 2030, il 70% della produzione di elettricità proverrà da fonti rinnovabili. Per raggiungere questo obiettivo, l’Ember Center for Clean Thinking stima che il Paese debba fare affidamento su 65-70 gigawatt di energia rinnovabile, principalmente eolica e solare, nei prossimi anni .

Ma secondo il gruppo di pressione Solar Italy, nel 2022 la capacità fotovoltaica totale del Paese è solo 25 gigawatt, prodotta da oltre 1,2 milioni di centrali elettriche. La maggior parte di questi sistemi solari domestici sono di piccole dimensioni.

Il paese ha collegato 2,48 gigawatt l’anno scorso, con un aumento del 164% rispetto al 2021. Eppure è ancora molto indietro rispetto al suo obiettivo.

Con così tanto sole la Sicilia può essere campione d’Italia. Ma alla fine del 2022 lo è 1.742 megawatt (MW) di potenza solare installata – meno del dimmer, regioni settentrionali come Lombardia (3.149), Veneto (2.484) o Emilia-Romagna (2.512).

La corsa del sole siciliano

“Negli ultimi anni la Sicilia ha colmato il divario con le altre regioni”, afferma Vito Campanella, coordinatore locale di Solar Italia.

“A partire da ora, abbiamo ordini per collegare fino a 70 gigawatt alla rete”. Dato che l’intera rete ad alta tensione in Sicilia sarà in grado di fornire fino a 10 GW entro il 2030, gli investimenti stanno crescendo più velocemente dell’attuale capacità di distribuzione.

Sebbene la domanda sia entusiasmante, Capanella afferma che il potenziale solare della Sicilia è frenato dal lento processo di concessione delle licenze.

Ci vogliono dai tre ai cinque anni per ottenere i permessi obbligatori, e poi altri due o tre anni per costruire effettivamente la tua struttura. In questo momento, le tecnologie possono cambiare e le aziende possono fallire”, ha detto a Euronews Green.

READ  Ristorante italiano che offre 30 sterline all'ora per attirare i camerieri nel caos del coronavirus - notizie dal mondo

Dopo l’epidemia, anche le strozzature nel commercio internazionale hanno rappresentato una grande sfida per la creazione di nuove fabbriche. Ad oggi, solo 1,2 GW di questi ordini sono stati convertiti in progetti pienamente operativi.

Mentre la febbre del sole continua a salire, aumentano anche le paure dei residenti locali. Nel 2021, un migliaio di manifestanti si riuniscono nella città di Kanikatini Pani, 6.000 abitanti, per protestare contro la costruzione di un impianto solare da 67 megawatt in un vicino campo agricolo.

Perché protestare alcuni siciliani sull’energia solare?

Canicattini Bagni si trova a 23 km da Siracusa, e fa parte degli Iblei, il più grande parco nazionale della Sicilia che comprende riserve naturali e alcune zone di protezione speciale. La città ha grandi speranze di godere della ricchezza turistica che ha reso Siracusa famosa nel mondo.

“Stiamo cercando di dare un nuovo ruolo a una comunità che affronta la minaccia concreta della desertificazione, ma questo non può includere una tale estensione dell’energia fotovoltaica”, ha detto il sindaco Paulo Amenta a Euronews Green.

Aminta era convinto che il progetto fosse illegale, quindi lo portò al tribunale amministrativo locale e vinse.

Dobbiamo produrre energia rinnovabile nelle aree industriali abbandonate Miniere Nei cassonetti e poi nei campi incolti, ma solo rispettando il regolamento territoriale», dice Aminta.

Tuttavia, la Fondazione Italiana per lo Sviluppo Sostenibile ha stimato che i moduli solari in Sicilia coprono un’area pari ad appena lo 0,11% dei terreni agricoli.

“L’idea che i pannelli fotovoltaici stiano sconvolgendo i nostri paesaggi è un falso mito che frena la nostra transizione verde”, afferma Andrea Barbabella, responsabile del settore clima ed energia.

Dai qualcosa alla Sicilia

Parte del problema è che il governo locale non ha ancora approvato una legge provinciale per designare le aree adatte all’installazione di nuovi progetti solari.

Il consigliere regionale per l’energia e i servizi pubblici Roberto Di Mauro ha detto a Euronews Green che presenteranno la legge entro metà maggio. Gli investimenti nel solare saranno indirizzati principalmente verso aree abbandonate, miniere, cave e terreni improduttivi.

READ  I proprietari delle stazioni di servizio in Italia hanno spento le pompe di fila sui prezzi del carburante

Ma quando Shivani ha criticato i progetti solari, aveva in mente qualcosa di più dei semplici campi verdi. Il governatore ha voluto una bella fetta di torta energetica per la Sicilia.

“La dichiarazione di Shivani era in qualche modo politicamente forte, ma il presidente ha voluto fare luce su questo tema”, dice Di Mauro.

L’assessore ritiene che molti degli investimenti forniranno principalmente energia alle regioni più ricche del nord Italia. Quindi la sua amministrazione vuole recuperare qualcosa, come tagliare le bollette della luce che pagano gli isolani.

“Non lo chiediamo a beneficio del governo regionale, ma solo per i nostri cittadini”, afferma.

Secondo Solar Italy, l’elettricità in Sicilia è stata scambiata quasi a zero durante il giorno di marzo. Ma anche se l’energia solare è più economica di altre fonti energetiche, le bollette sono sempre stimate nella media nazionale.

Questo significa che i palermitani pagano lo stesso prezzo dei milanesi. Il governo locale ritiene che i siciliani meritino una riduzione, sulla base di una stima locale, piuttosto che nazionale.

Quindi ora la scommessa di Shivani paga. Il 21 aprile il governatore ha discusso con il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica italiano la strategia per compensare le regioni che ospitano campi fotovoltaici.

Tuttavia, non tutti sono contenti di queste tattiche. Poiché le piccole centrali solari non necessitano di un’autorizzazione diretta da parte del governo regionale, la dichiarazione di Schifani non ha influenzato l’attività delle piccole comunità energetiche come Palermo Est.

Ma dopo l’annuncio pubblico, Cerrito ha ricevuto chiamate da investitori preoccupati.

“Noi [Sicilians] Sono sempre visti come inaffidabili, come quelli che continuano a cambiare le regole – dice malinconicamente – Da Palermo a Catania ci sono chilometri di campi assolati senza alcuna attività agricola. È un insulto, potremmo fare molto di più”.

Questa storia è stata prodotta con il supporto di Free Press Unlimited e E3J.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *