La sinistra italiana plaude al voto sul Nature Restoration Act dell’UE – in inglese

La sinistra italiana plaude al voto sul Nature Restoration Act dell’UE – in inglese

(ANSA) – ROMA, 12 LUG – Mercoledì i partiti di sinistra italiani hanno espresso gioia dopo il fallimento del tentativo del Partito popolare europeo (Ppe) e di altri gruppi di destra di affondare la legge sul ripristino della natura nel Parlamento europeo.


La proposta di risanare almeno il 20% degli ecosistemi degradati d’Europa entro il 2030, parte importante del Green Deal, è sopravvissuta al voto di Strasburgo con 336 voti favorevoli, 300 contrari e 13 astenuti.


“E’ per me un grande piacere poter celebrare a Strasburgo il voto sulla Nature Restoration Act”, ha detto Annalisa Corrado, presidente del partito di opposizione per la transizione ambientale, il Partito Democratico (Pd) di centrosinistra.


“I partiti della destra hanno identificato il Green Deal europeo come il nemico, niente di più sbagliato.


L’ecosistema è la nostra casa.


“Continuare a dire che è troppo costoso mantenerli dal punto di vista economico, come fa il nostro presidente del Consiglio (Giorgia Meloni), è disonesto e rivela una forma miope di conservatorismo”.


I parlamentari a 5 stelle delle commissioni parlamentari politiche e ambientali dell’UE hanno accusato i partiti della coalizione di Meloni di unirsi solo quando si tratta di bestemmia contro le mosse per combattere la crisi ambientale.


“Oggi la coalizione di governo, divisa su tutto in Italia, ha ristabilito l’unità nel peggiore dei modi, cercando di soffocare il Nature Restoration Act che obbliga gli Stati membri a proteggere la biodiversità e l’ambiente con azioni concrete e misurabili”. . .


Oggi tutti sanno che i partiti di destra italiana di Meloni, (Matteo) Salvini e (Antonio) Tajani stanno dalla parte della lobby dell’agricoltura industriale in nome del profitto.


La deputata francese Manon Aubry, co-presidente del Partito della Sinistra al Parlamento europeo, ha affermato che il voto di mercoledì ha segnato una sconfitta per aver tentato di spostare la coalizione di centrodestra/centrodestra che sostiene il governo Meloni a livello europeo.


“Ci sentiamo sollevati”, ha detto Aubrey all’ANSA.


“E’ una grande sconfitta per l’alleanza tra Pd e destra, alleanza che in Italia conoscete bene con il governo Meloni.


“Ci hanno provato in Italia e ora vogliono provarci all’Europarlamento, ma li abbiamo battuti.


“È la prova che i partiti di sinistra, insieme, possono salvare l’agenda ambientale e sconfiggere la destra”.


I gruppi di destra hanno affermato che la legge minaccerebbe i mezzi di sussistenza di agricoltori e pescatori europei, interromperebbe le catene di approvvigionamento alimentare e aumenterebbe i prezzi.


Il deputato italiano Carlo Fidanza, presidente del partito di destra Fratellanza d’Italia (FdI) di Meloni al Parlamento europeo, ha affermato che il fallimento nell’affondare il Nature Restoration Act non segna la fine della prospettiva di una “nuova coalizione” nell’UE. livello.


“Al contrario, è emersa la presa di coscienza che alcune delle decisioni prese dall’attuale autorità esecutiva erano sbagliate”, ha proseguito.


“E’ un buon segnale per il futuro e per la prossima sessione parlamentare”.


Nicola Procaccini, altro eurodeputato di FdI, ha detto che l’ANR è “negativa per tutti coloro che lavorano nel mondo dell’agricoltura, della pesca e dei settori correlati”. (dimenticare).

READ  Si chiamano "certificati vaccini" che servono per tenere aperta l'economia

Tutti i diritti riservati © Copyright ANSA