La settimana lavorativa più corta è stata un successo travolgente in questo paese

La ricerca in Islanda è stata uno dei pochi grandi studi formali sull’argomento.

Anche se la pandemia di Covid-19 ha costretto le aziende di tutto il mondo a reinventare il posto di lavoro, i ricercatori in Islanda avevano già condotto due prove su una settimana lavorativa più breve che coinvolgevano circa 2.500 lavoratori, oltre l’1% della popolazione attiva del paese.

Hanno scoperto che l’esperimento è stato un “successo travolgente”: i lavoratori sono stati in grado di lavorare di meno e di essere pagati allo stesso modo, mantenendo la produttività e migliorando il benessere personale.

La ricerca in Islanda è stata uno dei pochi grandi studi formali sull’argomento. Quindi, come hanno superato i partecipanti e quali lezioni hanno ricevuto per il resto del mondo? Bloomberg News ha intervistato quattro islandesi, che hanno descritto alcuni dei problemi iniziali che hanno accompagnato i turni di lavoro, ma sono stati aiutati dalle loro organizzazioni che hanno adottato misure coordinate come offrire programmi di formazione formale sulla gestione del tempo per insegnare loro come ridurre le ore di lavoro mantenendo la produttività .

Gli esperimenti hanno funzionato anche perché sia ​​i dipendenti che i datori di lavoro erano flessibili e disposti a sperimentare e apportare modifiche quando qualcosa non funzionava. In alcuni casi, i datori di lavoro hanno dovuto aggiungere qualche ora indietro dopo aver tagliato troppo. L’Islanda ha condotto gli esperimenti in parte perché le persone riportavano orari di lavoro relativamente lunghi, con una media di 44,4 ore settimanali, il terzo tasso più alto nei paesi Eurostat nel 2018.

I partecipanti allo studio islandese hanno ridotto le loro ore da tre a cinque ore a settimana senza perdere il loro stipendio. Sebbene l’orario di lavoro più breve sia stato finora ampiamente adottato nel settore pubblico islandese, lavoratori e dirigenti hanno utilizzato tecniche semplici per mantenere la produttività riducendo al contempo il tempo in ufficio. Mentre i dipendenti dalla Silicon Valley a Wall Street cercano modi migliori per raggiungere l’equilibrio tra lavoro e vita privata, ecco i suggerimenti di quattro islandesi.

Hjalti Gudmundsson, direttore dell’Office of Land and Road Operations, un’agenzia governativa che amministra la terra

In qualità di direttore dell’Agenzia per il territorio e le operazioni nella capitale, Reykjavik, Hjalti Gudmundsson gestisce un team di circa 140 persone. La maggior parte di loro lavora all’aperto, in attività come la manutenzione delle strade, la pulizia delle strade e il giardinaggio. Prima che il processo iniziasse nel 2016, i dipendenti lavoravano per lunghe ore, in genere dalle 7:00 alle 17:30 o più tardi, sebbene il lavoro dalle 15:30 in poi fosse considerato lavoro straordinario.

READ  Papa Francesco resterà ancora qualche giorno in ospedale

Poiché l’organizzazione aveva diversi siti di lavoro, è stato in grado di provare due diversi modelli contemporaneamente. In alcune località, quattro dei cinque giorni lavorativi sono stati ridotti di un’ora, consentendo ai dipendenti di terminare alle 16:00. Gli stipendi rimangono invariati, con accordi scritti tra datori di lavoro e dipendenti. Alla fine dell’esperimento, i dipendenti hanno votato il loro modello preferito come ordine permanente. Il risultato è stato chiaro: oltre il 90% dei lavoratori desiderava ridurre la propria giornata lavorativa di un’ora quattro giorni alla settimana.

“Non mi ha sorpreso che volessero farlo, perché se lavori dalle 7:30 alle 17:00, l’ultima ora tra le 16:00 e le 17:00 non è molto produttiva”, spiega Gudmundson. “Al contrario, penso che abbiamo guadagnato produttività, non solo a quest’ora. Ma le persone sono più disposte a svolgere il proprio lavoro durante l’orario di lavoro attivo”.

Coloro che lavoravano in un ufficio avevano riunioni più brevi. Coloro che hanno lavorato sul sito hanno trascorso meno tempo agli appuntamenti del medico e alla terapia fisica, poiché sono stati segnalati meno giorni di malattia. I lavoratori hanno riferito di avere più tempo con le loro famiglie e i loro hobby. Molti hanno apprezzato un’ora in più di luce del giorno, soprattutto durante l’inverno.

Lo stesso Gudmundsson è stato in grado di godersi parzialmente la settimana lavorativa ridotta e afferma che mira a impegnarsi per il nuovo modello entro la fine dell’anno. Come manager, vuole essere un modello. “La maggior parte dei progetti può aspettare fino a domani mattina”, ha detto Gudmundsson. “È una mentalità, immagino. Devi solo farti strada attraverso questo, lo sai?”

Arna Aaron Aradottir, Project Manager, Reykjavik Service Centre, uno dei cinque centri di servizio gestiti dalla città di Reykjavik che forniscono servizi sociali a bambini e famiglie

Arna Hron Aradottir, project manager per la sanità pubblica alla periferia di Reykjavik, è stata una delle prime a provare orari di lavoro più brevi poiché il suo posto di lavoro è stato scelto per il processo nel 2015. Come madre di cinque figli, Ardóttir ha faticato a bilanciare un 8- ore giornaliere di lavoro con assistenza all’infanzia e faccende domestiche. . All’inizio del processo, ha scelto di abbreviare la sua giornata lavorativa di un’ora ogni giorno. Il suo posto di lavoro l’ha iscritta a un corso di gestione del tempo, dove ha imparato ad abbreviare le riunioni, ridurre il tempo che trascorre in viaggio per andare alle riunioni e programmare il suo lavoro in modo più efficiente.

READ  Un raro conflitto diplomatico tra Cina e Sri Lanka per la spedizione di fertilizzanti | notizie dal mondo

“Mi sento più concentrato ora”, ha detto Ardottir. “Prima della pandemia, passavo molto tempo ad andare a una riunione in macchina, ma ora posso sedermi nel mio ufficio e fare riunioni tramite il mio computer. Così ho guadagnato quattro ore nella mia giornata lavorativa”.

Prima lavorava 40 ore a settimana, ma ora lavora solo 36 ore con la stessa paga per 8 ore nei giorni normali dal lunedì al giovedì e 4 ore il venerdì. Questo a sua volta le ha permesso di studiare per un master, che ha consolidato la sua posizione nel mercato del lavoro. Quando non c’è scuola, dice che va in bicicletta oa piedi e ha più tempo per se stessa.

“I vantaggi per noi sono una migliore qualità della vita”, ha detto Ardottir. “Mi ha aiutato a passare più tempo con i miei figli e ad alleviare lo stress”.

Solveig Reynisdottir, Direttore del Centro servizi di Reykjavik

Solveig Reynisdottir, presidente di Aradoottir, ha affermato che il coinvolgimento del centro servizi di Reykjavik è avvenuto in risposta a un sondaggio annuale tra i dipendenti che ha rivelato che i suoi dipendenti avevano sperimentato uno stress significativo nel loro lavoro. Il centro ha sperimentato quante ore avrebbero tagliato durante la settimana lavorativa e a un certo punto ha dovuto aggiungere alcune ore dopo aver tagliato molto.

“L’abbiamo ridotto di cinque ore, poi di tre ore e ora di quattro ore alla settimana”, ha detto Renesdottir. Alcune parti della transizione non sono andate così bene come previsto. I dipendenti erano riluttanti a passare dalla settimana lavorativa di 35 ore alla settimana lavorativa di 37 ore, anche se erano ancora meno ore rispetto a prima del processo.

Ma nel complesso, Renesdottir considera il processo più positivo che negativo. La produttività è stata mantenuta mentre i dipendenti hanno riportato una maggiore soddisfazione sul lavoro e un minor numero di giorni di malattia che includevano malattie di breve durata come il comune raffreddore.

Come Aradottir, Renesdottir ha affermato di essere in grado di mantenere la produttività abbreviando le riunioni e sostituendo le sessioni di persona con sessioni online, risparmiando tempo di viaggio. “Il Covid ci ha spinto in quella direzione”, spiega Renesdottir. “Le liste d’attesa non ci sono più. Il numero dei colloqui è lo stesso di prima”.

READ  Tre donne su quattro spiedini uccise nella struttura FedEx; Il tiratore ha acquistato altri due fucili nonostante ne sintonizzasse uno

In effetti, l’accorciamento della settimana lavorativa motiva i dipendenti a lavorare di più, osserva. Ma come manager, Renesdottir ha avuto difficoltà a tenere il passo con la breve settimana lavorativa da sola. “A volte ci sono molti progetti e poi sappiamo che il carico di lavoro e la pressione aumentano, ma svaniscono quando si guarda indietro di un anno intero”, ha detto.

“Mi ha reso più facile avere una settimana lavorativa più corta”, ha detto Renesdottir. “I dipendenti si sentono più soddisfatti, il che è molto importante per me come manager”.

Saga Stevenson, Project Manager per l’educazione prescolare multiculturale a Reykjavik

Saga Stephensen ha appena iniziato la sua settimana lavorativa più corta a gennaio di quest’anno. Insieme, lei e i suoi colleghi hanno votato per avere un giorno libero ogni due venerdì e per lavorare regolarmente il resto del tempo.

Come Aradottir, il suo posto di lavoro l’ha iscritta a corsi di gestione del tempo che le hanno permesso di abbreviare e ridurre le riunioni, sostituire gli appuntamenti di persona con appuntamenti online, riducendo così anche i tempi di viaggio. Il suo posto di lavoro ha anche deciso di non tenere riunioni il venerdì in cui lavorano, consentendo loro di finire le commissioni alla fine della settimana.

“Ci ha davvero aiutato perché abbiamo molti incontri e ci stai ripensando”, ha detto Stephenson. “Stai valutando se hai davvero bisogno di questo incontro e se è necessario”.

Lei e i suoi colleghi hanno impiegato del tempo per adattarsi al nuovo programma. Ha notato che nelle sue settimane di venerdì, a volte finisce per lavorare più ore in altri giorni. Ma in generale, tutti sono soddisfatti del nuovo accordo.

“Penso che la gente pensi che sia una cosa molto positiva, tutti stanno cercando davvero di continuare così”, ha detto Stephenson. “I nostri superiori ci hanno anche esortato a sfruttare al meglio la nostra giornata e a prenderci del tempo libero”.

Nel suo venerdì libero, ora trascorre il tempo facendo le faccende domestiche, incontrandosi con la famiglia e gli amici e talvolta facendo un breve viaggio durante il lungo weekend. Stephenson ha detto che trova anche più facile tornare al lavoro dopo le ultime vacanze. “Non ero triste che la vacanza fosse finita perché sapevo che c’erano alcune pause da aspettarsi”.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Recensione: Vancouver White Caps 2, Sporting Kansas City 1
Next Post La nuova modalità Batmobile da provare nell’ultima promo