La secessione della Premier League è a brandelli dopo il ritiro dei club inglesi

Il progetto calcistico della Premier League è andato a pezzi martedì dopo che sei club della Premier League coinvolti nel progetto si sono ritirati 48 ore dopo aver accettato di unirsi alle squadre italiane e spagnole in una controversa competizione d’élite.

Dopo una tempesta di proteste da parte di tifosi, giocatori, manager e governi, insieme a minacce di divieti e sanzioni da parte degli organi di governo europei e mondiali per UEFA e FIFA, i club inglesi si sono arresi sotto pressione e hanno gettato la spugna.

Leggi anche:

“Feeling Finalmente”: reazione alle sei squadre inglesi che lasciano la Premier League

Giocatori e fan festeggiano “Beautiful Football Day”

Il Manchester City è stato il primo a ritirarsi dal progetto, poi Arsenal, Manchester United, Liverpool, Tottenham Hotspur e Chelsea hanno annunciato che stavano seguendo l’esempio.

La Premier League ha rilasciato una dichiarazione in cui indicava che potrebbero sospendere il loro progetto, ma non è arrivata al punto di abbandonarlo del tutto.

“Date le circostanze attuali, esamineremo i passaggi più appropriati per riconfigurare il progetto, tenendo sempre presenti i nostri obiettivi di fornire la migliore esperienza possibile per i tifosi, aumentando al contempo i pagamenti di solidarietà all’intera comunità calcistica”, si legge nel comunicato.

L’organizzazione con sede a Madrid ha detto che la partenza delle squadre inglesi è stata dovuta alla “pressione” su di loro e si è detta “convinta che lo status quo del calcio europeo debba cambiare”.

Il campionato, annunciato domenica con la partecipazione di 12 soci fondatori, è stato vinto dal presidente del Real Madrid Florentino Perez, nuovo presidente del torneo. Ora rimane con tre squadre italiane – Milan, Juventus (JUVE.MI) e Inter – più il Real Madrid guidato da Perez, insieme a Barcellona e Atletico Madrid dalla Spagna.

READ  La doppia medaglia mondiale Ariana Brady soffre di "lieve miocardite" e salterà l'Euro

Perez ha annullato un’intervista radiofonica prevista per martedì.

L’Inter rischia di essere il prossimo a lasciare l’agenzia di stampa italiana ANSA, citando una fonte del club che ha detto: “Il progetto della Premier League, nelle sue condizioni attuali, non è più oggetto di interesse da parte dell’Inter”.

La UEFA, le cui competizioni di Champions League erano minacciate dal nuovo campionato proposto, ha minacciato di bandire club e giocatori che si sono uniti alla Premier League, ma il suo presidente Alexander Ceferin ha esortato i club inglesi a ricredersi.

“Ho detto ieri che è impressionante ammettere un errore, e questi club hanno commesso un grosso errore”, ha detto dopo che i club inglesi hanno annunciato la loro decisione di lasciare.

“Ma ora sono tornati negli ovili e so che hanno molto da offrire non solo per le nostre competizioni ma per l’intera partita europea.

“La cosa importante ora è che andiamo avanti, ricostruiamo l’unità di cui godeva il gioco prima e andiamo avanti insieme”, ha detto.

In aggiunta al dramma, il vicepresidente esecutivo del Manchester United Ed Woodward ha firmato la sua spada, annunciando le sue dimissioni poco prima che il suo club abbandonasse un progetto che aveva influenzato la sua realizzazione.

Più soldi

La Premier League ha affermato che aumenterebbe le entrate per i migliori club e consentirebbe loro di distribuire più soldi al resto del gioco.

La banca d’investimento statunitense JP Morgan (JPM.N) è stata utilizzata per finanziare la nuova lega, fornendo una sovvenzione di 3,5 miliardi di euro (4,21 miliardi di dollari) ai club fondatori da spendere in infrastrutture e riprendersi dall’impatto della pandemia COVID-19.

READ  Lo riporta un quotidiano scozzese Euro 2020. Ha sostenuto l'Italia contro l'Inghilterra

Tuttavia, gli organi di governo dello sport, altre squadre e organizzazioni di tifosi hanno affermato che la Premier League aumenterà la forza e la ricchezza dei club d’élite e che la struttura parzialmente chiusa del campionato si scontra con il vecchio paradigma del calcio europeo.

A differenza dell’attuale competizione di massimo livello della Champions League, dove le squadre devono qualificarsi attraverso il campionato nazionale, le squadre stabilite in Premier League si sono assicurate un posto nella nuova competizione ogni anno.

La maggior parte dei club inglesi ha rilasciato solo brevi dichiarazioni, ma l’Arsenal ha chiesto scusa ai propri fan per il loro coinvolgimento.

“Non è mai stata nostra intenzione provocare un simile calvario, ma quando è arrivata la chiamata per entrare in Premier League, sapendo che non ci sono garanzie, non volevamo essere lasciati indietro per garantire che l’Arsenal e il loro futuro fossero protetti.

“A seguito dell’ascolto di te e della comunità calcistica in generale nei giorni scorsi, ci siamo ritirati dalla proposta di Premier League. Abbiamo commesso un errore e ce ne scusiamo”, ha detto in un comunicato il club londinese. Lettera aperta Per le masse.

L’entità della divisione nel gioco e la forza del sentimento generato dai leader politici in tutta Europa li ha portati a parlare e, in alcuni casi, a minacciare di intervenire.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha detto che il suo governo prenderà in considerazione l’approvazione di una legislazione per fermare la secessione, paragonando i piani per creare un cartello.

La Premier League ha detto di aver respinto “all’unanimità e con forza” i piani. Dopo un incontro con 14 club non partecipanti, ha detto che stava valutando “tutte le misure disponibili” per fermare la nuova competizione.

READ  I nuotatori italiani hanno impressionato con le acque della casa ai Mondiali di Lignano

Il Manchester United ha dichiarato in un comunicato: “Abbiamo ascoltato con interesse la reazione dei nostri tifosi, del governo britannico e di altri stakeholder chiave”.

“Rimaniamo impegnati a lavorare con gli altri in tutta la comunità calcistica per trovare soluzioni sostenibili alle sfide a lungo termine che il gioco deve affrontare”.

($ 1 = € 0,8312)

I nostri criteri: Thomson Reuters Trust Principles.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Rapporto: la controversia interrompe i colloqui di Microsoft
Next Post Un nuovo studio ha scoperto che T. Rex camminava sorprendentemente lentamente