La Russia produce il primo lotto del vaccino Covid per animali

L’organizzatore ha detto che il primo lotto sarà fornito a diverse regioni della Russia.

Mosca:

Il regolatore agricolo russo ha dichiarato venerdì che la Russia ha prodotto il primo lotto al mondo – 17.000 dosi – di vaccini COVID-19 per animali.

La Russia ha registrato Carnivac-Cov a marzo dopo che i test hanno dimostrato che stava generando anticorpi contro COVID-19 in cani, gatti, volpi e visoni.

L’organizzatore, Russell Khaznadzor, ha dichiarato in una dichiarazione che il primo lotto sarebbe stato fornito a diverse regioni della Russia.

Ha detto che aziende provenienti da Germania, Grecia, Polonia, Austria, Kazakistan, Tagikistan, Malesia, Tailandia, Corea del Sud, Libano, Iran e Argentina hanno espresso interesse per l’acquisto del vaccino.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha espresso preoccupazione per i rischi di trasmissione del virus tra esseri umani e animali. Il regolatore russo ha affermato che il vaccino sarà in grado di proteggere le specie vulnerabili e contrastare le mutazioni virali.

L’autorità di controllo russa ha affermato che “circa 20 organizzazioni sono pronte a negoziare la registrazione e la fornitura del vaccino ai loro paesi. Il file di registrazione all’estero, soprattutto nell’Unione europea, è in preparazione e verrà utilizzato immediatamente nel processo di registrazione”.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata da una troupe di NDTV ed è stata pubblicata da un feed comune.)

READ  Spiegazione: il "complotto" dell'Iran per rapire un giornalista dissidente dagli Stati Uniti
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’Eurozona si prepara a una forte ripresa con l’aumento del sentimento economico
Next Post Cooperazione italiana per l’abbigliamento sportivo performante sostenibile