La rielezione dell’India al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a stragrande maggioranza

L’India ha ottenuto 184 voti nel parlamento di 193 membri, mentre la maggioranza richiesta era di 97 voti.

Nazioni Unite:

L’India è stata rieletta al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite per il mandato 2022-24 giovedì a stragrande maggioranza nell’Assemblea generale, con l’inviato di Nuova Delhi che ha descritto le elezioni come un “forte sostegno” alle forti radici democratiche del paese. , pluralismo e diritti fondamentali sanciti dalla costituzione.

La 76a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha tenuto giovedì le elezioni per i 18 nuovi membri del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite che resteranno in carica per tre anni, a partire dal gennaio 2022.

L’India ha ottenuto 184 voti nel parlamento di 193 membri, mentre la maggioranza richiesta era di 97 voti.

“Sono davvero felice di questo enorme sostegno all’India nelle elezioni del Consiglio per i diritti umani. È una forte approvazione delle nostre forti radici nella democrazia, nel pluralismo e nei diritti fondamentali sanciti dalla nostra costituzione. Ringraziamo tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite per aver dato noi un forte mandato Tirumurti, rappresentante permanente dell’India presso le Nazioni Unite, al PTI.

La Missione permanente dell’India presso le Nazioni Unite ha twittato: “L’India è stata rieletta a UN_HRC (2022-24) per un sesto mandato a stragrande maggioranza. Sincera gratitudine ai membri delle Nazioni Unite per aver ripristinato la loro fede in India”.

“Continueremo a lavorare per la promozione e la protezione dei diritti umani attraverso #Samman #Samvad #Sahyog #Samman #Samvad #Sahyog”, ha scritto su Twitter la Missione Permanente dell’India presso le Nazioni Unite.

READ  Qual è la Costituzione Reale dell'Afghanistan del 1964 che i talebani intendono adottare? | notizie dal mondo

L’attuale mandato dell’India sarebbe scaduto il 31 dicembre 2021. Per le elezioni per il periodo 2022-2024, c’erano cinque seggi vacanti nella categoria Asia-Pacifico: India, Kazakistan, Malesia, Qatar ed Emirati Arabi Uniti.

L’Assemblea Generale di 193 membri è stata eletta a scrutinio segreto, vale a dire Argentina, Benin, Camerun, Eritrea, Finlandia, Gambia, Honduras, India, Kazakistan, Lituania, Lussemburgo, Malesia, Montenegro, Paraguay, Qatar, Somalia, Emirati Arabi Uniti e USA per la sessione del Consiglio 2022-2024.

La Missione dell’India si è congratulata con gli altri Stati membri delle Nazioni Unite per la loro elezione al Consiglio per i diritti umani, composto da 47 Stati membri eletti direttamente e individualmente a scrutinio segreto dalla maggioranza dei membri dell’Assemblea generale.

I membri del Consiglio durano in carica tre anni e non sono rieleggibili immediatamente dopo due mandati consecutivi.

L’appartenenza si basa su un’equa distribuzione geografica e i seggi sono distribuiti tra i gruppi regionali, il Gruppo africano (13), il Gruppo Asia-Pacifico (13), il Gruppo dell’Europa orientale (6) e il Gruppo latinoamericano e caraibico. (8) e il gruppo dell’Europa occidentale e altri (7).

A partire da gennaio 2021, 119 dei 193 Stati membri delle Nazioni Unite saranno membri del Consiglio per i diritti umani. “Questa ampia adesione non solo riflette la diversità delle Nazioni Unite, ma conferisce legittimità al Consiglio quando parla di violazioni dei diritti umani in tutti i paesi”, ha affermato l’ONU.

Nel 2018, gli Stati Uniti sotto l’amministrazione di Donald Trump si sono ritirati dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite. L’ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Linda Thomas Greenfield, ha affermato che l’elezione di Washington al consiglio “ha rispettato l’impegno della campagna del presidente Biden di tornare al Consiglio per i diritti umani” e che gli Stati Uniti “lavoreranno per garantire che questo organismo aderisca a questi principi”.

READ  Afghanistan vulnerabile alla fame e alle malattie dopo l'acquisizione dei talebani: l'OMS lancia l'allarme | notizie dal mondo

“I nostri sforzi iniziali come membri a pieno titolo del Consiglio si concentreranno su ciò che possiamo realizzare in situazioni di estremo bisogno, come in Afghanistan, Birmania, Cina, Etiopia, Siria e Yemen. Più in generale, lavoreremo per promuovere il rispetto delle libertà fondamentali e i diritti delle donne, opponendosi all’intolleranza religiosa e all’ingiustizia razziale ed etnica e alla violenza e alla discriminazione contro i membri delle minoranze, comprese le persone LGBT e le persone con disabilità”.

“Ci opporremo all’interesse sproporzionato del consiglio in Israele, che include l’unico punto permanente dell’agenda del consiglio a uno stato”, ha detto.

Ha detto che gli Stati Uniti, in qualità di membro del Consiglio per i diritti umani, faranno pressioni contro l’elezione di paesi con precedenti in materia di diritti umani e incoraggeranno coloro che sono impegnati a promuovere e proteggere i diritti umani nei loro paesi e all’estero a chiedere l’adesione.

“Noi teniamo gli altri ai nostri standard: anche se a volte possiamo non essere all’altezza dei nostri ideali, dobbiamo continuamente sforzarci di essere il più inclusivi, rispettosi dei diritti e il più liberi possibile”.

Ha aggiunto che gli Stati Uniti nel suo nuovo ruolo di membro “possono partecipare pienamente al lavoro del Consiglio per proteggere e promuovere i diritti umani, e utilizzeremo ogni strumento a nostra disposizione, dall’introduzione di risoluzioni ed emendamenti all’esercizio del voto quando necessario. Il nostro gli obiettivi sono chiari: stare al fianco dei difensori dei diritti umani e parlare.” contro le violazioni e gli abusi dei diritti umani.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Con sorpresa, i cardinali hanno sparato a Mike Shilt per “differenze filosofiche”
Next Post Nuove teorie e materiali che aiutano la transizione verso l’energia pulita