La pressione aumenta sul mini budget estivo tra i timori di recessione | Crescita economica (PIL)

La pressione sul governo sta aumentando per fornire un piccolo bilancio di emergenza estivo dopo che i timori di recessione sono stati intensificati dall’improvvisa recessione dell’economia a marzo.

La prova che la crisi del costo della vita era grave anche prima che arrivassero costose bollette energetiche il mese scorso e che gli aumenti delle tasse portassero a una forte svendita delle azioni e un crollo del valore della sterlina al minimo di due anni rispetto al dollaro USA .

Il lavoro, il TUC e le Camere di commercio britanniche hanno tutti esercitato pressioni per un’azione urgente da parte del Cancelliere, Rishi Sunak, a seguito del rilascio di Numeri ufficiali Mostra un calo significativo della spesa dei consumatori a marzo.

Boris Johnson ha promesso che il governo “farà delle cose” a breve termine per alleviare la pressione sul tenore di vita senza offrire alcun suggerimento su quali potrebbero essere le misure. La sua promessa è arrivata tra le crescenti speculazioni che l’economia cadrà in una recessione – due trimestri consecutivi di crescita negativa – nei prossimi mesi.

Secondo l’Office for National Statistics, l’economia britannica si è contratta dello 0,1% a marzo dopo essersi stabilizzata a febbraio. I servizi, che rappresentano circa l’80% del PIL, sono diminuiti dello 0,2%, con le vendite al dettaglio in calo dell’1,4% e la spesa automobilistica è crollata di oltre il 15%. Anche la produzione, che include la manifattura, è scesa dello 0,2%, mentre l’edilizia è rimbalzata dell’1,7% dopo l’interruzione causata dalla tempesta Eunice a febbraio.

L’economia è cresciuta dello 0,8% nei primi tre mesi del 2022, ma solo perché l’attività ha registrato un forte rimbalzo a gennaio dopo che le restrizioni sono state revocate alla fine del 2021 per prevenire la diffusione della variante Omicron del Covid-19.

READ  Il ritiro e il downgrade del FMI confermano un rating economico negativo

Ed Monk, Direttore Associato di Fidelity International, ha dichiarato: Qualsiasi slancio che l’economia britannica ha avuto quando è emersa dalla pandemia sembra essere in declino. I numeri possono essere rivisti, ma è chiaro che il Regno Unito dovrà affrontare una seria battaglia per evitare una recessione quest’anno”.

“È probabile che il PIL si contragga nel secondo trimestre. Con il pieno impatto della crisi del costo della vita ancora da avvertire, le possibilità di una recessione sono aumentate. Tuttavia, con le pressioni sui prezzi che continuano a rafforzarsi, The Bank of England potrebbe non avere altra scelta che aggiungere altri problemi alle famiglie aumentando i tassi di interesse”.

Il cancelliere ombra del Labour, Rachel Reeves, ha affermato che i dati sul PIL aumenterebbero le preoccupazioni dell’opinione pubblica e ha esortato il cancelliere a emettere un mini budget di emergenza, un appello ripreso dalle Camere di commercio britanniche.

“Qualsiasi cosa meno che tornare urgentemente con un budget di emergenza per alleviare la pressione dalla crisi del costo della vita è un fallimento del governo conservatore”, ha affermato Reeves.

Rispondendo ai numeri di crescita più deboli del previsto, Sunak ha dichiarato: “L’economia del Regno Unito si è rapidamente ripresa dal peggio della pandemia e la nostra crescita nei primi mesi dell’anno è stata solida, più veloce di Stati Uniti, Germania e Italia , ma so che questi sono ancora tempi difficili.

“La nostra ripresa è stata interrotta dalla barbara invasione dell’Ucraina da parte di Putin e da altre sfide globali, ma continuiamo ad aiutare le persone dove possiamo”.

In città, il FTSE 100 ha chiuso in ribasso di 114 punti a 7.233 – in calo di oltre l’1,5% – mentre la sterlina a un certo punto è scesa sotto 1,22 dollari contro il dollaro USA ed è stata scambiata ai livelli visti per l’ultima volta durante i primi mesi della pandemia.

READ  Powell: il declino economico "morbido" potrebbe essere fuori dal controllo della Fed | Agenzia di stampa

Iscriviti alla posta quotidiana di Business Today o segui Guardian Business su Twitter su BusinessDesk

“L’economia è rimasta a malapena sopra l’acqua durante un inizio anno volatile, ma sembra che i tempi diventeranno più difficili”, ha affermato Ryan Newton-Smith, capo economista di CBI.

La pressione sui costi e l’aumento dei prezzi hanno rafforzato la loro presa, con le imprese e le famiglie che ne hanno risentito. Il risultato finale è una prospettiva economica più debole”.

“L’economia britannica è cresciuta per il quarto trimestre consecutivo ed è ora al di sopra dei livelli pre-pandemia, sebbene la crescita negli ultimi tre mesi sia stata la più bassa in un anno”, ha affermato Darren Morgan, direttore delle statistiche economiche presso l’Office for National Statistics.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Jill Duggar accusa papà Jim Bob di “controllo” e “abuso verbale” in documenti scioccanti del tribunale
Next Post Playoff NBA: il calore scende di 76 punti per avanzare alla finale orientale