La presidente iraniana Raisi annulla un’intervista dopo essersi rifiutata di indossare il velo: Christiane Amanpour della CNN

La conduttrice della CNN Christiane Amanpour ha affermato di non poter incontrare il presidente iraniano Ebrahim Raisi poiché il suo aiutante ha insistito per indossare l’hijab prima di Raisi.

Per inciso, il Paese sta assistendo a proteste incessanti per la morte di una giovane donna che è stata detenuta dalla polizia iraniana per la moralità e presumibilmente torturata in custodia per aver indossato “abiti inappropriati”. Almeno 31 civili sono stati uccisi Lo ha riferito l’Agence France-Presse, dallo scoppio di violenti scontri.

Amanpour dovrebbe intervistare Raisi giovedì a New York, la sua prima sul suolo statunitense, mentre il leader stava visitando la città per la sessione in corso dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Dopo settimane di pianificazione e otto ore di installazione di apparecchiature di traduzione, luci e telecamere, eravamo pronti. Ma ha detto in una serie di tweet.

Meno di un’ora dopo l’intervista programmata, l’assistente di Raisi si è avvicinata ad Amanpour con il suggerimento del presidente che l’annunciatrice indossasse un velo per il proseguimento dei mesi sacri a Muharram e Sagar, richiesta che lei “ha cortesemente rifiutato”. Ha affermato che un assistente principale ha affermato che il colloquio non si sarebbe svolto se la condizione non fosse stata soddisfatta così com’è Era una “questione di rispetto” e ha fatto riferimento alla “situazione in Iran”, riferendosi alle proteste in corso per la morte di una donna dopo il suo arresto da parte della polizia morale.

L’intervista con Raisi sarebbe arrivata una settimana dopo che la polizia morale aveva arrestato la 22enne Mahsa Amini, dicendo che non si era coperta adeguatamente i capelli con il velo islamico, noto come hijab, obbligatorio per le donne iraniane. Amini è crollato in una stazione di polizia ed è morto tre giorni dopo.

La morte di Amini ha spinto gli iraniani a scendere in piazza a Teheran e in altre parti del Paese. Molti iraniani, in particolare i giovani, hanno visto la sua morte come parte della dura politica di dissenso della Repubblica islamica e del trattamento sempre più violento delle giovani donne da parte della polizia morale.

La polizia dice che è morta per un infarto e nega di essere stata maltrattata. Il governo ha rilasciato un video che pretendeva di mostrare il momento del suo crollo. La sua famiglia dice che non ha problemi cardiaci e la sua morte durante la custodia della polizia ha scatenato audaci dimostrazioni di sfida da parte dei manifestanti, di fronte a percosse e possibili arresti.

Giovedì, il governo degli Stati Uniti ha imposto sanzioni alla polizia iraniana della moralità e ai leader di altre agenzie governative dopo la morte di Amini.

(con il contributo delle agenzie)

READ  L'agente di Salman Rushdie potrebbe perdere l'occhio mentre è su un ventilatore
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Uno studio ha scoperto che fare un vaccino antinfluenzale può ridurre il rischio di ictus
Next Post italia golf italiano aperto | sport nazionale