La Premier League userà la carota, non il bastone, per convincere più giocatori a passare

La nuova campagna per persuadere il 16% degli scettici sui vaccini della Premier League vedrà nuove regole nel 2022 per stimolare le buone pratiche, in modo che le élite siano almeno meglio preparate quando arriverà la prossima alternativa per interrompere il programma.

Con la partita del Liverpool contro Leeds e Wolves contro Watford ed Everton rinviata a Burnley domenica e teme che ulteriori ritardi potrebbero mettere a repentaglio le partite di questa settimana e il terzo turno di FA Cup, che alla fine potrebbero mettere a repentaglio la stagione, la Premier League sta cercando di premiare il primi rappresentanti che hanno fatto. Hanno completato un ciclo di tripla vaccinazione invece di punire gli anti-vaccinatori.

L’incontro di lunedì scorso della Premier League, in cui i club con buoni tassi di vaccinazione tra i loro giocatori hanno espresso preoccupazione e frustrazione per quei club i cui giocatori stanno ancora reagendo, ha incaricato la lega di esaminare nuove regole per incoraggiare il 16%.

Si ritiene che la lega sia desiderosa di inquadrare eventuali nuove regole come incentivo per essere contestati piuttosto che come punizione per non essere stati vaccinati. Pertanto, se le regole si applicano, verranno assegnati vantaggi aggiuntivi alle squadre con tassi di vaccinazione più elevati e ai giocatori che sono stati potenziati.

La Premier League spera di convincere gli scettici della massima serie a ottenere il vaccino

L’attuale limite di 15 minuti per le riunioni nei campi di allenamento può essere esteso, se tutti i partecipanti sono vaccinati con un richiamo.

Se non sei stato accoltellato tre volte, i tempi dei pasti post-allenamento potrebbero dover essere allontanati socialmente, il che significa effettivamente una rottura.

Alcuni club hanno persino suggerito autobus separati per i non vaccinati quando si tratta di viaggiare. Ne è seguito un avvertimento dal boss del Liverpool Jurgen Klopp, come riportato nella posta di domenica, che i giocatori non vaccinati potrebbero trovarsi messi da parte nei club.

Klopp ha riportato un alto tasso di vaccinazione tra la sua squadra. Gli ultimi numeri della lega hanno mostrato che il 16% dei giocatori ha resistito a ricevere qualsiasi vaccino, mentre il 77% ne ha ricevuti due. Molti di questi sono stati potenziati la scorsa settimana, poiché la tripla vaccinazione è la difesa più forte contro la variante Omicron Covid.

READ  La Ferrari omaggia le auto da corsa degli anni '60 con la Daytona SP3

L’incontro di lunedì ha visto anche i club discutere le misure per evitare ridicoli ritardi nelle partite, che hanno portato alla cancellazione della partita Burnley-Watford-Aston Villa contro il Burnley appena due ore prima del calcio d’inizio. Villa ha riportato un nuovo lotto di test PCR Covid positivi alle 10 di sabato. Mentre i club sono spesso nelle mani dei laboratori, la lega sta cercando di ottenere risultati più velocemente e assicurarsi che facciano i test PCR nelle prime ore del giorno per assicurarsi che tornino entro il tardo pomeriggio del giorno prima della partita.

Ciò darebbe almeno una ragionevole valutazione sulla probabilità che la partita continui la notte prima della partita, il che eviterebbe la farsa della cancellazione tardiva e consentirebbe ai fan di adeguare i piani.

Jurgen Klopp ha avvertito che i giocatori non vaccinati potrebbero trovarsi fuori dai club

Jurgen Klopp ha avvertito che i giocatori non vaccinati potrebbero trovarsi fuori dai club

Tra i giocatori della Premier League, il 25% si è dimostrato inalterato da tutte le prove che un vaccino è fondamentale per superare la pandemia e quindi vitale per la salute economica del calcio. Secondo il CEO di QPR Lee Hoos, alcuni di questi giocatori non andranno mai in giro.

“Sfortunatamente ci sono alcune persone che sostengono teorie cospirative selvagge e il modo in cui l’analisi funziona con Google rafforza costantemente questa convinzione perché ti invia a siti che ti supportano perché è quello che vuoi leggere”, ha detto. “È davvero difficile combatterlo.

Sono molto contento della percentuale di giocatori vaccinati in QPR perché la stragrande maggioranza di loro è stata vaccinata.

Ma come un paese, è quella minoranza che sta causando un problema, sia che si tratti del calcio o della società nel suo insieme. Tutto ciò che possiamo fare è continuare a spingere il messaggio e dire: “Per favore, guarda i fatti, non credere a tutte queste sciocchezze. Guarda i fatti”.

READ  Una famiglia italiana incoraggia i rivoluzionari in tutta l'Irlanda

“Siamo fortunati ad avere un medico del club davvero bravo che può convincere le persone e ha cambiato alcune opinioni nella squadra, il che è stato molto utile, ma ovviamente non tutti”.

Due partite QPR sono state rinviate a causa dell’epidemia di Covid e Hoos ha spiegato come le regole sull’isolamento per le squadre non vaccinate significano che è probabile che le squadre con sospetti di vaccinazione vengano annullate.

Anche se sei stato a stretto contatto con un giocatore che è risultato positivo, se sei completamente vaccinato – il che significa due colpi al momento – non ti sarà richiesto di isolarti se ottieni un test di flusso laterale negativo. Tuttavia, le persone precedentemente non vaccinate dovevano isolarsi per 10 giorni, ora sono scese a sette giorni, anche se è risultata negativa.

L'attaccante dei lupi Adama Traore ha ricevuto un vaccino di richiamo contro il Covid la scorsa settimana

L’attaccante dei lupi Adama Traore ha ricevuto un vaccino di richiamo contro il Covid la scorsa settimana

Il comandante del lupo Connor Cody alza i pollici mentre riceve la vaccinazione di richiamo

Il comandante del lupo Connor Cody alza i pollici mentre riceve la vaccinazione di richiamo

“Alcuni giocatori che hanno cambiato idea non sono stati considerati completamente vaccinati perché avevano solo un’iniezione”, ha detto Hoos. “Una volta che hanno ricevuto la seconda iniezione e dopo un periodo di 14 giorni successivi, sono considerati completamente vaccinati e non avranno essere isolati in futuro se sono in stretto contatto”.

Alla domanda se gli scettici sui vaccini si stiano avvicinando ora che l’intera portata dell’interruzione causata dalla loro scelta è chiara, Hoos ha detto: “Alcuni lo faranno, ma alcuni non cambieranno mai idea”.

Con il calcio che fissa ancora una volta il cratere delle partite chiuse, il manager del West Ham David Moyes ha espresso la speranza che le vaccinazioni nella popolazione mantengano le persone al sicuro.

“Mio padre viene alle partite e spero davvero che tutti coloro che sono seduti intorno a lui vengano vaccinati”, ha detto.

“Allo stesso tempo, vorrei che i tifosi rimanessero nelle partite perché non voglio andare come è stato. Onestamente non lo vogliamo e non credo che la società lo voglia.

READ  In questo giorno nel 2007: Fabio Capello è stato nominato allenatore della nazionale inglese

I problemi dei vaccini per il calcio inglese sono ben lontani dallo sport professionistico. Secondo il quotidiano italiano La Repubblica, il 98 percento dei giocatori di Serie A è stato vaccinato. La Bundesliga ha affermato che il 92% dei giocatori è stato vaccinato e The Mail on Sunday ha appreso che il 92% è stato completamente vaccinato nella Liga.

Negli Stati Uniti, dove c’è più scetticismo sui vaccini tra la popolazione generale, vengono vaccinati il ​​94,6% dei giocatori della NFL e quasi il 100% dei dipendenti della NFL. Il tasso di vaccinazione per 30 dei 32 club del campionato è del 95 per cento. Il 97 percento dei giocatori della NBA è stato vaccinato e non si è scusato per aver penalizzato gli scettici sui vaccini.

Le nuove regole in vigore dalla Premier League 2022 cercheranno di incentivare le buone pratiche

Le nuove regole in vigore dalla Premier League 2022 cercheranno di incentivare le buone pratiche

All’inizio di questo mese, ESPN ha rivelato che i giocatori NBA che non sono stati vaccinati non potranno giocare nella città canadese di Toronto. Una nota interna della NBA ha rivelato che un giocatore che non è stato vaccinato e sceglie di lasciare il paese ora “non potrà rientrare negli Stati Uniti”.

Nessuno di questi sport ha salvato il caos del rinvio dell’inverno, ma i vaccini e i richiami sono chiaramente la via d’uscita dalla pandemia.

Il commissario NBA Adam Silver ha dichiarato a Sports Illustrated che, nonostante un picco di casi positivi a causa di Omicron, sono stati registrati pochissimi nuovi casi tra i giocatori potenziati.

“Solo pochissimi giocatori potenziati hanno visto scoperte in cui sono diventati positivi”, ha detto.

Il focus è sui rinforzi per il 97 per cento dei giocatori vaccinati. C’è un periodo di attesa dopo il secondo colpo, ma tra coloro che hanno diritto al boost, siamo circa al 65 percento, e idealmente mi piacerebbe vedere anche quel numero salire al 97 percento.

Il calcio sembra pronto ad adattarsi a questo periodo festivo. Ma è chiaro che se vogliono evitare ulteriore caos, la minoranza di scettici sui vaccini sarà sottoposta a crescenti pressioni per concordare.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il Galaxy S22 Ultra potrebbe dare una marcia in più agli eroi della fotografia al computer
Next Post I pazienti affetti da leucemia possono beneficiare dei rivoluzionari “anticorpi antitumorali” trovati nella nuova chemioterapia