La polizia cerca di arrestare un intermediario italiano in un affare di proprietà del Vaticano

Scritto da Philip Pullella

ROMA (Reuters) – I giudici italiani hanno emesso un mandato d’arresto per Gianluigi Turzi, un intermediario finanziario coinvolto in uno scandalo che ha coinvolto l’acquisto da parte del Vaticano di un edificio in una zona esclusiva di Londra, ha detto lunedì la polizia.

La Guardia di Finanza ha dichiarato in un comunicato che stanno cercando Turzi e tre dei suoi partner italiani per sospetto di pratiche fraudolente di fatturazione e frode fiscale. Turzi è stato anche accusato di riciclaggio di denaro.

Un portavoce della Guardia di Finanza ha affermato di non poter dare esecuzione al mandato di cattura nei confronti di Turzi perché attualmente si trova in Gran Bretagna. Turzi, un avvocato con sede a Londra, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento lasciando il suo ufficio.

La polizia l’ha chiamata “Operazione Broking Bad”, apparentemente una commedia nella serie TV Breaking Bad.

Un mandato d’arresto separato di 14 pagine visto dalla Reuters ha detto che Turzi aveva emesso fatture al Vaticano per un totale di 15 milioni di euro per lavori che il giudice italiano ha detto non è mai stato eseguito.

Turzi è stato uno degli intermediari in un complicato accordo della Segreteria di Stato del Vaticano per acquistare un edificio a Chelsea con i soldi della chiesa.

Ha negato qualsiasi illecito nell’Accordo Vaticano.

Il memorandum, firmato dal giudice di Roma Corrado Capello, elenca anche altri reati finanziari sospettati di essere stati commessi da Turzi e dai suoi collaboratori in operazioni non legate all’affare vaticano.

Il Vaticano ha affittato Torzi nel 2018 per negoziare l’acquisto finale dell’edificio su 60 Sloane Avenue e porre fine al suo rapporto con Raffaele Mincione, un altro intermediario italiano precedentemente utilizzato per l’affare.

READ  "Mentalmente è molto difficile smettere."

Turzi ha trascorso 10 giorni in una prigione vaticana lo scorso anno. Il Vaticano lo ha accusato di estorsione, appropriazione indebita, frode aggravata e riciclaggio di denaro sporco associati a un accordo immobiliare a Londra.

Cinque dipendenti vaticani hanno perso il lavoro nel 2019 a causa dell’accordo. Loro, Turzi e altri, sono ancora indagati dai giudici vaticani. La Città del Vaticano è uno stato sovrano con un proprio sistema giudiziario.

Non era chiaro se le autorità giudiziarie italiane che hanno emesso il mandato d’arresto avrebbero tentato di emettere un mandato internazionale per l’arresto di Turzi.

Il mese scorso, un tribunale britannico in Vaticano ha lanciato una grave sconfitta in un caso relativo a un accordo reale a Londra, in una sentenza che ha rivelato alcuni dei meccanismi interni della Santa Sede e si è scoperto che aveva fatto “orribili” false dichiarazioni.

La Southwark Crown Court ha revocato un precedente ordine di congelamento dei fondi di Tursey.

I pubblici ministeri vaticani hanno affermato che Turzi faceva parte di un complotto per frodare la Segreteria di Stato, la sezione più importante del Vaticano, ed estorcerle milioni di euro, in parte attraverso compensi che il Vaticano ha definito proibitivi.

(Co-reportage di Emilio Parudi a Milano, a cura di William Maclean)

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post PUBG: New State supera i 10 milioni di pre-registrazioni su Google Play
Next Post SpaceX può assemblare l’astronave su un Super Heavy usando “bracci meccanici”