La nuova società vuole far rivivere i mammut lanosi usando il legame del DNA: NPR

Rappresentazione artistica di un mammut lanoso in un ambiente innevato.

Lionel Calveti / Stocktrek Images / Getty Images / Stocktrek Images


Nascondi didascalia

Cambio didascalia

Lionel Calveti / Stocktrek Images / Getty Images / Stocktrek Images

Rappresentazione artistica di un mammut lanoso in un ambiente innevato.

Lionel Calveti / Stocktrek Images / Getty Images / Stocktrek Images

Usare il DNA recuperato per “rianimare specie geneticamente estinte” – l’idea centrale alla base Jurassic Park The Movies – Potrebbe avvicinarsi alla realtà con la creazione di una nuova compagnia questa settimana che mira a riportare in vita i mammut lanosi migliaia di anni dopo la scomparsa degli ultimi giganti dalla tundra artica.

a filo b Iniettati 15 milioni di dollari in finanziamentiGeorge Church, professore di genetica all’Università di Harvard, George Church, noto per il suo lavoro pionieristico nel sequenziamento del genoma e nel collegamento genetico, spera che l’azienda, con parole audaci nel suo comunicato stampa, possa inaugurare un’era in cui “i mammut camminano nella tundra artica ancora.” Lui e altri ricercatori sperano che la specie rianimata svolgerà un ruolo nella lotta contro il cambiamento climatico.

A dire il vero, qual è la compagnia della Chiesa, enorme, suggerisce che sarà in effetti un ibrido creato con uno strumento di modifica genetica noto come CRISPR-Cas9 Per dividere i frammenti di DNA recuperati da campioni di mammut congelati in quelli dell’elefante asiatico, il mammut quartiere più vicino. L’animale risultante – noto come “mammofant” – sembrerà, e dovrebbe agire, come un mammut lanoso.

Alcuni dicono che la riproduzione dei mammut potrebbe aiutare a invertire il cambiamento climatico

Church e altri credono che una rinascita del mammut colmerebbe una lacuna nell’ecosistema lasciata dal suo declino circa 10.000 anni fa (anche se si pensa che alcune popolazioni isolate siano rimaste in Siberia fino a circa 1700 aC). Il mammut più grande si trovava a più di 10 piedi alla spalla e pensava che pesasse Fino a 15 tonnellate.

I mammut una volta raschiavano gli strati di neve in modo che l’aria fresca potesse penetrare nel terreno e preservare il permafrost. Dopo la loro scomparsa, la neve accumulata, con le sue proprietà isolanti, ha fatto sì che il permafrost iniziasse a riscaldarsi, rilasciando gas serra, sottolineano Church et al. Sostengono che il ritorno dei mammut – o almeno degli ibridi che riempirebbero la stessa nicchia ecologica – nell’Artico potrebbe invertire questa tendenza.

Loew Dalen, professore di genetica evolutiva presso il Center for Paleogenetics di Stoccolma, dubita di questa affermazione.

“Personalmente, non penso che questo avrebbe alcun impatto, alcun impatto misurabile, sul tasso di cambiamento climatico in futuro, anche se funzionasse”, ha detto a NPR. “Non ci sono praticamente prove a sostegno dell’ipotesi che schiacciare troppi mammut avrà alcun effetto sui cambiamenti climatici e potrebbe avere un effetto negativo, secondo me, sulle temperature”.

Il corpo di Lyuba, un cucciolo di mammut lanoso vissuto circa 42.000 anni fa nella penisola di Yamal in Siberia, è in mostra a Hong Kong.

South China Morning Post / South China Morning Post tramite Getty Images


Nascondi didascalia

Cambio didascalia

South China Morning Post / South China Morning Post tramite Getty Images

Il corpo di Lyuba, un cucciolo di mammut lanoso vissuto circa 42.000 anni fa nella penisola di Yamal in Siberia, è in mostra a Hong Kong.

South China Morning Post / South China Morning Post tramite Getty Images

Le tecnologie possono essere utilizzate meglio per aiutare le specie in via di estinzione

Ma anche se i ricercatori di Colossal potessero riportare in vita il mammut – non è certo – la domanda ovvia è, dovrebbero?

“Vedo qualche ragione per fare i primi passi in cui stai riparando le linee cellulari e modificando il genoma”, dice Dalin. “Penso che si possa fare molto sviluppo tecnologico [and] Possiamo imparare molto su come vengono modificati i genomi e potrebbe davvero essere utile per le specie in via di estinzione di oggi. “

Joseph Frederickson, un paleontologo vertebrato e direttore del Museo di Scienze della Terra a Menashe, Wisconsin, ha tratto ispirazione quando era un bambino di origine. Jurassic Park Film. Ma anche lui crede che l’obiettivo più importante dovrebbe essere prevenire l’estinzione piuttosto che invertirla.

READ  Per la prima volta, gli astronomi vedono un disco che forma la luna attorno a un esopianeta

“Se riesci a creare un mammut o almeno un elefante che assomigli a una buona versione di un mammut che può sopravvivere in Siberia, puoi fare molto di più per un rinoceronte bianco o un panda gigante”, ha detto a NPR.

Soprattutto per gli animali con “diversità genetica in diminuzione”, afferma Fredrickson, l’aggiunta di geni più vecchi dei reperti fossili o di geni completamente nuovi potrebbe aumentare la salute di queste popolazioni.

Parla con NPR Nel 2015, Beth Shapiro, paleontologa dell’Università della California, Santa Cruz e autrice di Come clonare un mammut: la scienza della de-estinzionee Ha detto con enfasi: “Non voglio vedere il mammut tornare”.

“Non sarà mai possibile creare un tipo identico al 100%”, ha affermato. “Ma se potessimo usare questa tecnologia non per riportare in vita i mammut ma per salvare gli elefanti?”

I mammut possono disturbare gli ecosistemi esistenti

L’obiettivo dichiarato del Colossal di consentire ai mammut lanosi di “camminare di nuovo nella tundra artica” a migliaia solleva anche un’altra preoccupazione etica: sebbene l’estinzione del mammut migliaia di anni fa abbia lasciato un buco nell’ecosistema, si presume che questo ecosistema abbia ora adattato, in minima mancanza, per la loro assenza.

“Una nuova normalità che esiste da migliaia di anni si sta adattando a un clima in continua evoluzione”, afferma Fredrickson. “Riportare indietro qualcosa con tutte le caratteristiche che avrebbe potuto prosperare nel Pleistocene non significa necessariamente che sopravviverà oggi, soprattutto quando si mescolano le incognite di altri geni che operano in un caldo animale tropicale e poi si tenta di trasferirlo in un nuovo ambiente».

“C’erano piante e animali che vivevano accanto ai mammut che ora sono scomparsi da tempo o si sono notevolmente ridotti nel raggio d’azione, e solo riportare indietro i mammut non li riporterà indietro”, dice.

In altre parole, c’è una domanda su come si adatta il mammut.

“La proposta di “de-estinzione” del mammut solleva un enorme problema etico. Il mammut non era solo una raccolta di geni: era un animale sociale, come lo è per il moderno elefante asiatico, ha affermato Matthew Cobb, professore di zoologia presso l’Università di Manchester, Raccontare guardiano, nel 2017. “Cosa accadrà quando nascerà un ibrido elefante-mammut? Come sarà accolto dagli elefanti?”

READ  Il più grande operatore sanitario di New York licenzia 1.400 lavoratori non vaccinati

Il programma di sei anni previsto sarà eccezionalmente breve

Tutto questo, ovviamente, presuppone che sia possibile anche la produzione di un animale Mamofan. Colossal dice che spera di produrre un embrione entro sei anni. Ma con una stima di 1,4 milioni di mutazioni genetiche individuali che separano le antiche creature dagli elefanti asiatici, il compito dello splicing genetico potrebbe rivelarsi monumentale.

Forse l’ostacolo più grande è lo sviluppo di un utero artificiale per trasportare gli embrioni. Anche la chiesa riconoscere Che questo potrebbe non essere così facile.

“Accadrà presto? La risposta non è assoluta”, dice Fredrickson.

Dalin concorda sul fatto che il programma di sei anni è “eccezionalmente breve”. “Sembra molto ambizioso”, dice.

Ma Church ei suoi colleghi non sono soli nella loro ambizione. L’idea di eliminare i mammut dall’estinzione è in circolazione da un po’ di tempo e altri gruppi, come l’organizzazione no-profit Revive & Restore con sede in California, si sono lanciati l’anno scorso. Il primo clone di qualsiasi specie in via di estinzioneMangusta dalle zampe nere un lavoro su un ibrido dal tocco mammut.

La visione scientifica tradizionale è che i nostri antenati cacciassero i mammut fino all’estinzione Le teorie moderne puntano alla distruzione dell’habitat Alla fine dell’ultima era glaciale come un fattore più importante, ma con gli umani che continuano a portare una parte della colpa.

Fredrickson pensa che questo sia uno dei motivi per cui la de-estinzione – alimentata dalla cultura pop e dai progressi scientifici nel mondo reale – è stata sollevata così tanto dai mecenati del museo che dirige. “Penso che, come esseri umani, abbiamo un po’ di colpa in noi, sappiamo ancora che quasi sicuramente abbiamo contribuito a questo evento di estinzione”.

“Questo potrebbe essere un modo per toglierci questo peso dalle spalle”, dice.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La F1 pubblica un video a 360 gradi dell’incidente del GP d’Italia Hamilton-Verstappen per evidenziare la collisione; Orologio
Next Post Il comico Norm MacDonald è morto su SNL all’età di 61 anni