La nebulosa dei gamberetti, l’immagine straordinaria della Via Lattea, la galassia della NASA Hubble Telescope

fonte immagine: NASA

Hubble cattura un’immagine straordinaria della Nebulosa Gambero costellata di stelle

Mette in risalto

  • La nebulosa emette principalmente luce a lunghezze d’onda che l’occhio umano non può rilevare.
  • La radiazione di queste stelle massicce rimuove gli elettroni dagli atomi di idrogeno nella nebulosa.
  • L’immagine è stata presa come parte del sondaggio “protostella” di medie e grandi dimensioni.

Il telescopio spaziale Hubble ha catturato una vista mozzafiato della nebulosa dei gamberetti che galleggia nello spazio profondo. La Nebulosa del Gambero è un enorme vivaio stellare situato nella costellazione dello Scorpione, a circa 6000 anni luce dalla Terra.

Sebbene la nebulosa si estenda per 250 anni luce e copra un’area quattro volte più grande di una luna piena, emette principalmente luce a lunghezze d’onda che l’occhio umano non può rilevare, rendendola molto debole per gli spettatori sulla Terra.

“La vista di Hubble mostra una piccola sezione della nebulosa alla luce infrarossa visibile e invisibile, catturando dettagli abbaglianti della struttura della nebulosa, comprese le regioni luminose di gas incandescente”, ha detto la NASA in una nota.

La Nebulosa Gambero, nota anche come IC 4628, è una nebulosa a emissione, il che significa che il suo gas è stato attivato o ionizzato dalla radiazione delle stelle vicine.

La radiazione di queste stelle massicce rimuove gli elettroni dagli atomi di idrogeno nella nebulosa. Quando gli elettroni eccitati ritornano da uno stato energetico superiore a uno stato energetico inferiore ricombinandosi con nuclei di idrogeno, emettono energia sotto forma di luce, facendo risplendere il gas della nebulosa.

L’immagine del telescopio spaziale Hubble è stata presa come parte di un’indagine su “protostelle” massicce e di medie dimensioni o stelle di nuova formazione.

READ  La nuova app per la privacy di AMD va ben oltre per mantenere il tuo schermo al sicuro

Gli astronomi hanno utilizzato la sensibilità agli infrarossi della Wide Field Camera 3 di Hubble per cercare l’idrogeno ionizzato nell’ultravioletto nelle protostelle, nei getti delle stelle e in altre caratteristiche.

Leggi anche: La NASA ha lanciato la navicella spaziale DART che si scontrerà deliberatamente con un asteroide. Ecco perché

Leggi anche: La NASA cerca idee per un reattore nucleare sulla luna

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La Cina potrebbe registrare più di 6,3 lakh di casi di Covid giornalieri, avverte lo studio
Next Post La Ferrari F40 è stata modificata digitalmente per diventare immediatamente un possibile nuovo classico