La nebbia cerebrale del virus Covid potrebbe essere causata dal cambiamento del virus nel liquido spinale dei pazienti

** Per ulteriori informazioni su COVID in Ohio, guarda di seguito.

San Francisco, California (StudyFinds.org) – casi di “nebbia cerebrale” tra pazienti covid Stanno diventando più comuni, anche tra le persone che si stanno riprendendo da una lieve infezione. Ora, una nuova ricerca offre finalmente alcune potenziali risposte sul motivo per cui è così difficile concentrarsi, pensare chiaramente e completare le facili attività quotidiane dopo aver combattuto contro il COVID. La nebbia cerebrale può derivare da come il virus altera il liquido spinale di una persona, proprio come altre malattie che attaccano il cervello, ha affermato un team dell’Università della California a San Francisco.

Il loro studio rileva che alcuni pazienti che sviluppano sintomi cognitivi dopo un caso lieve di COVID-19 mostrano anomalie del liquido cerebrospinale, simili ai tipi osservati nei pazienti con le malattie. Come il morbo di Alzheimer. Anche se questo è solo l’inizio, gli autori dello studio sono ottimisti sul fatto che questo lavoro rappresenti un primo passo importante verso la comprensione di ciò che SARS-CoV-2 può fare al cervello umano.

Joanna Hellmuth, autrice principale dello studio, spiega Joanna Hellmuth, MD, dell’Università della California, San Francisco Center for Memory and Aging, un Rilascio universitario.

Nebbia cerebrale dopo COVID Probabilmente è più comune di quanto la maggior parte delle persone pensi. Uno studio pubblicato di recente incentrato su una clinica post-COVID a New York ha rilevato che il 67% dei 156 pazienti guariti dal COVID-19 ha sperimentato una qualche forma di nebbia cerebrale.

READ  Il rover Curiosity della NASA è stato progettato per strappare le proprie ruote

I pazienti con nebbia cerebrale hanno più encefalite

Questa ultima ricerca ha incluso 32 adulti. Tutti i partecipanti si sono ripresi da a Infezione da covid-19 Ma non ha richiesto il ricovero. Ventidue hanno mostrato veri sintomi cognitivi, mentre il resto è servito come gruppo di controllo sano.

Dell’intero gruppo, 17 persone (di cui 13 con sintomi di nebbia cerebrale) hanno accettato di sottoporsi all’analisi del liquido cerebrospinale. Gli scienziati hanno estratto il fluido dalla parte bassa della schiena, in media, circa 10 mesi dopo la comparsa dei primi sintomi di COVID di ciascun paziente.

Quei test hanno mostrato che 10 dei 13 partecipanti con sintomi cognitivi avevano anomalie all’interno del liquido cerebrospinale. È importante sottolineare che gli altri quattro campioni di liquido cerebrospinale raccolti da persone senza nebbia cerebrale non hanno mostrato alcuna anomalia. partecipanti Hai problemi cognitivi? Tendevano ad essere più anziani con una media di 48 anni, mentre l’età media del gruppo di controllo era più giovane: 39 anni.

Tutti i pazienti provengono da Impatto a lungo termine dell’infezione con il coronavirus emergente (LIINC) Lo studio, che tiene traccia e valuta gli adulti che si stanno riprendendo da SARS-CoV-2.

Ulteriori analisi di campioni di liquido cerebrospinale hanno mostrato livelli proteici superiori al normale e la presenza di alcuni anticorpi inaspettati normalmente presenti in un sistema immunitario attivato. I ricercatori affermano che queste osservazioni indicano a Alto livello di infiammazione. Alcuni di questi anticorpi sono stati osservati nel sangue e nel liquido cerebrospinale, il che è indicativo di una risposta infiammatoria sistemica. Tuttavia, alcuni degli anticorpi erano unici per il liquido cerebrospinale, indicando specificamente l’encefalite.

READ  L'epidemia di Covid a Provincetown mostra che "non è ancora finita"

Gli autori dello studio non conoscono ancora il bersaglio previsto di questi anticorpi, ma in teoria potrebbero attaccare il corpo stesso, come nelle malattie autoimmuni.

“È possibile che il sistema immunitario, stimolato dal virus, operi in modo patologico non intenzionale”, spiega il dottor Hellmuth, ricercatore principale dello studio neurocognitivo sul coronavirus dell’UCSF. Questo sarebbe il caso anche se le persone non avevano il virus nei loro corpi.

Le condizioni preesistenti aumentano il rischio di nebbia cerebrale da coronavirus

In particolare, i pazienti con sintomi di nebbia cerebrale avevano una media di 2,5 fattori di rischio cognitivo, come diabete, ipertensione o una storia di ADHD, rispetto a una media di un fattore di rischio inferiore alla media per i partecipanti senza sintomi di nebbia cerebrale.

queste Fattori di rischio cognitivo Rilevante perché può aumentare il rischio individuale di ictus, decadimento cognitivo lieve e demenza vascolare e, in generale, rendere la mente più suscettibile a problemi con il funzionamento esecutivo. Ulteriori fattori di rischio includono abuso di sostanze, difficoltà di apprendimento, ansia e depressione.

Inoltre, tutti i partecipanti sono stati sottoposti a una serie di test cognitivi con un neuropsicologo simili ai criteri utilizzati Disturbo neurocognitivo correlato all’HIV (Palma). Con sorpresa del team di ricerca, il 59% dei pazienti che si occupano di nebbia cerebrale ha soddisfatto i criteri HAND, mentre il 70% dei soggetti di controllo ha fatto lo stesso.

Il Dr. Hellmuth conclude: “Il confronto delle prestazioni cognitive con i riferimenti standard potrebbe non identificare i veri cambiamenti, in particolare in quelli con una linea di base pre-COVID elevata, che potrebbero aver subito un declino significativo ma rientrare comunque nei limiti normali”. “Se diciamo alle persone che hanno Nuovi problemi di pensiero e memoriaPenso che dovremmo crederci piuttosto che richiedere loro di soddisfare determinati criteri di rischio”.

READ  Il rover Curiosity della NASA ha praticato dei buchi su Marte e ha trovato qualcosa di molto strano

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Annali di neuroscienze cliniche e traslazionali.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il Tottenham ha chiesto a Milan Kessie a gennaio e Adama Traore ha indagato su Tanguy Ndombele per tenere colloqui con il PSG | notizie di calcio
Next Post Seth Rogen spiega perché i ragazzi non si stanno trasformando in un film