La navicella spaziale DART della NASA colpisce un asteroide bersaglio nel primo test di difesa planetaria

26 settembre (Reuters) – La navicella spaziale DART della NASA si è scontrata con successo con un distante asteroide a velocità supersonica lunedì nel primo test al mondo di un sistema di difesa planetario progettato per prevenire una potenziale collisione di meteoriti con la Terra.

Il primo tentativo umano di alterare il movimento di un asteroide o di un altro corpo celeste è apparso in un webcast della NASA dal Mission Operations Center fuori Washington, DC, 10 mesi dopo il lancio di DART.

La trasmissione in diretta ha mostrato le immagini catturate dalla telecamera DART come un’imbarcazione “spezzata” a forma di cubo, non più grande di un distributore automatico con due pannelli solari rettangolari, che progettava l’asteroide Demorphos, le dimensioni di un campo da calcio, alle 19:14. EDT. (2314 GMT) è a 6,8 milioni di miglia (11 milioni di km) dalla Terra.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La missione da 330 milioni di dollari, che ha richiesto circa sette anni per essere sviluppata, è progettata per determinare se il veicolo spaziale è in grado di alterare il percorso di un asteroide attraverso la pura forza cinetica, spingendolo fuori rotta abbastanza da mettere la Terra fuori pericolo.

Non si saprà se l’esperimento ha avuto successo dopo che l’effetto previsto è stato raggiunto fino a quando il mese prossimo non verranno effettuate ulteriori osservazioni dell’asteroide con un telescopio terrestre. Ma i funzionari della NASA hanno elogiato il risultato immediato del test di lunedì, dicendo che il veicolo spaziale ha raggiunto il suo scopo.

“La NASA lavora per il bene dell’umanità, quindi per noi è il risultato finale della nostra missione fare qualcosa del genere: una dimostrazione tecnologica che, chissà, potrebbe salvare la nostra casa un giorno”, ha affermato il vicedirettore della NASA Pam Melroy, astronauta in pensione , ha detto pochi minuti dopo la collisione.

READ  Gli scienziati creano cristalli che generano elettricità dal calore

DART, lanciato da un razzo SpaceX nel novembre 2021, ha effettuato la maggior parte del suo volo sotto la supervisione dei gestori di volo della NASA, con il controllo passato a un sistema di navigazione di bordo indipendente nelle ultime ore di volo.

L’effetto dell’occhio del bersaglio è stato monitorato lunedì sera quasi in tempo reale dal centro operativo della missione presso il laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University a Laurel, nel Maryland.

Gli applausi risuonarono dalla sala di controllo quando le immagini secondo per secondo dell’asteroide bersaglio, catturate dalla telecamera DART di bordo, alla fine riempirono lo schermo TV per il webcast in diretta della NASA appena prima che il segnale andasse perso, confermando che la navicella spaziale si era schiantata contro Dimorphos.

L’obiettivo celeste di DART era un asteroide rettangolare di circa 560 piedi (170 metri) di diametro in orbita attorno a un asteroide cinque volte più grande chiamato Didymos come parte di una coppia binaria con lo stesso nome, la parola greca per gemello.

Nessuno dei due oggetti rappresenta una vera minaccia per la Terra e gli scienziati della NASA hanno affermato che il test DART non potrebbe creare accidentalmente un nuovo pericolo.

Demorphos e Didymus sono entrambi molto piccoli rispetto al cataclismatico asteroide Chicxulub che colpì la Terra circa 66 milioni di anni fa, spazzando via circa tre quarti delle specie animali e vegetali del mondo, compresi i dinosauri.

Secondo gli scienziati della NASA e gli esperti di difesa planetaria, gli asteroidi più piccoli sono più comuni e di maggiore interesse teorico a breve termine, il che rende la coppia di Didymos adatta per i test per le loro dimensioni. Un asteroide delle dimensioni di Dimorphos, sebbene incapace di rappresentare una minaccia planetaria, potrebbe minacciare una grande città con un colpo diretto.

Inoltre, la relativa vicinanza alla Terra dei due asteroidi e la loro doppia configurazione li rendono ideali per la prima missione DART proof-of-concept, abbreviazione di Double Asteroid Redirection Test.

Missione suicida robotica

La missione ha rappresentato un raro caso in cui una navicella spaziale della NASA ha dovuto schiantarsi per avere successo. DART è volato direttamente in Dimorphos a 15.000 mph (24.000 km/h), creando la forza che gli scienziati sperano sia sufficiente per deviare il suo percorso orbitale vicino all’asteroide genitore.

Gli ingegneri dell’APL hanno affermato che la navicella spaziale probabilmente si è frantumata in piccoli pezzi, lasciando un piccolo cratere da impatto sulla superficie disseminata di rocce dell’asteroide.

Il team DART ha affermato che prevede di ridurre la traiettoria orbitale del Dimorphos di 10 minuti, ma che sarebbe considerato un successo di almeno 73 secondi, dimostrando che l’esercizio è una tecnica praticabile per deviare un asteroide in rotta di collisione con la Terra. se mai viene rilevato.

Un avviso per un asteroide con milioni di miglia di anticipo potrebbe essere sufficiente per reindirizzarlo in sicurezza.

I precedenti calcoli della posizione iniziale e del periodo orbitale di Dimorphos sono stati effettuati durante il periodo di osservazione di sei giorni a luglio e saranno confrontati con le misurazioni post-impatto effettuate a ottobre per determinare se e quanto si è mosso l’asteroide.

READ  Gli astronomi scoprono un possibile esopianeta "mondo acquatico" vicino alla Terra che potrebbe supportare la vita

Il test di lunedì è stato anche monitorato da una telecamera montata su una piccola navicella spaziale lanciata prima dei giorni di DART, nonché da osservatori a terra e dai telescopi spaziali Hubble e Webb, ma le immagini di questi non erano immediatamente disponibili.

DART è l’ultima di numerose missioni della NASA negli ultimi anni per esplorare e interagire con asteroidi e resti rocciosi primordiali dalla formazione del Sistema Solare più di 4,5 miliardi di anni fa.

L’anno scorso, la NASA ha lanciato una sonda durante un viaggio negli ammassi di asteroidi troiani in orbita vicino a Giove, mentre la navicella spaziale OSIRIS-REx era in viaggio verso la Terra con un campione raccolto nell’ottobre 2020 dall’asteroide Bennu.

La luna Dimorphos è uno degli oggetti astronomici più piccoli ad aver ricevuto un nome permanente ed è uno dei 27.500 asteroidi vicini alla Terra conosciuti di tutte le dimensioni monitorati dalla NASA. Sebbene nessuno di loro sia noto per rappresentare un potenziale pericolo per l’umanità, la NASA stima che molti asteroidi rimangano sconosciuti nelle vicinanze della Terra.

(Questa storia corregge il nome nel paragrafo 6 a Pam di Palm)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Copertura di Steve Gorman a Los Angeles). Segnalazioni aggiuntive di Joey Rowlett a Los Angeles. Montaggio di Sandra Mahler e Stephen Coates

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post La società di trasmissione sportiva DAZN ha accettato di acquistare la rivale ELEVEN
Next Post Il vicepresidente della Banca centrale europea è fiducioso che la vittoria di Meloni non cambierà la politica economica italiana – EURACTIV.com