La NASA ritarda il ritorno sulla Terra di SpaceX Crew-1 Astronauts: ecco perché

Gli astronauti della NASA Shannon Walker, Victor Glover, Mike Hopkins e l’astronauta Soishi Noguchi della Japan Aerospace Exploration Agency – che compongono l’equipaggio della Crew Dragon Mission 1 della NASA – all’interno della navicella spaziale Crew Dragon di SpaceX. Credito: SpaceX

NASA‘S SpaceX Crew Mission-1 con gli astronauti della NASA Michael Hopkins, Victor Glover, Shannon Walker e Soichi Noguchi della Japan Aerospace Exploration Agency (JaxaOra punta a tornare sulla Terra alle 11:36 EST di sabato 1 maggio, nel Golfo del Messico al largo della costa della Florida. La navicella spaziale Crew Dragon, chiamata Resilience, partirà dalla Stazione Spaziale Internazionale alle 17:55 di venerdì 30 aprile, per iniziare il viaggio verso casa.

La NASA e SpaceX hanno concordato di spostare l’operazione di separazione e dispiegamento dell’equipaggio 1 a partire da mercoledì 28 aprile, dopo aver esaminato le condizioni meteorologiche previste nelle aree di valanghe al largo della costa della Florida, che attualmente prevedono velocità del vento superiori agli standard di recupero. Le squadre continueranno a monitorare le condizioni meteorologiche per gli schizzi di liquidi prima di annullare l’attracco di venerdì.

Return to Earth – e le attività che portano al ritorno – saranno trasmesse in diretta dalla NASA TV, e Applicazione della NASAE l’agenzia sito web.

Expedition 64 ingegneri di volo e membri dell'equipaggio per SpaceX-1

Nella foto da sinistra sono gli ingegneri aeronautici della spedizione 64 e membri dell’equipaggio SpaceX1 Michael Hopkins, Victor Glover, Shannon Walker e Soichi Noguchi. Credito: NASA

Crew-1 è la prima delle sei missioni con equipaggio della NASA e SpaceX a volare come parte del Commercial Crew Program dell’agenzia, che ha collaborato con l’industria aerospaziale statunitense per rilanciare lanci con astronauti su missili e veicoli spaziali statunitensi dal suolo statunitense.

Prima di partire dalla stazione spaziale, l’astronauta Crew 1 e il comandante della stazione Shannon Walker della NASA consegneranno il comando della stazione all’astronauta JAXA e al secondo membro dell’equipaggio Akihiko Hoshid durante il cambio di comando e l’evento di addio.

The Crew Dragon si separerà in modo indipendente e lascerà la stazione spaziale con la possibilità di lanciarsi in una delle sette zone di atterraggio target nell’Atlantico o nel Golfo del Messico al largo della costa della Florida. La resilienza sarà anche dovuta a ricerche sul campo importanti e sensibili al fattore tempo. Per le normali operazioni di salvataggio e recupero dell’equipaggio, i team della NASA e di SpaceX selezionano due delle sette potenziali posizioni circa due settimane prima del ritorno, con ulteriori decisioni prese prima che l’equipaggio salga a bordo del veicolo spaziale, durante il volo libero e prima dell’equipaggio. Il drago esegue un incendio di deorbit.

La NASA e SpaceX si stanno coordinando strettamente con la Guardia Costiera degli Stati Uniti per creare una zona di sicurezza di 10 miglia nautiche attorno al sito di irrorazione progettato per garantire la sicurezza del pubblico e di coloro che sono coinvolti nelle operazioni di recupero, nonché dell’equipaggio a bordo del veicolo spaziale di ritorno.

La copertura per i resi SpaceX Crew-1 della NASA è la seguente (All Times East):

Martedì 27 aprile

13:25 – Addio al cambio di comando e primo equipaggio a bordo della Stazione Spaziale Internazionale

Venerdì 30 aprile

15:30 – La copertura televisiva della NASA chiude il portello alle 15:50

17:30 – La copertura televisiva della NASA inizia alle 17:55 per annullare l’attracco

Sabato 1 maggio

11:36 – Splashdown (la TV della NASA fornirà una copertura continua dallo sganciamento all’inizio)

13:30 – Conferenza stampa di ritorno sulla Terra presso il Johnson Space Center della NASA a Houston, con i seguenti partecipanti:

  • Cathy Louders, direttore associato, amministrazione della missione per l’esplorazione umana e le operazioni, quartier generale della NASA
  • Steve Stitch, Direttore del Commercial Crew Program, Kennedy Space Center
  • Joel Montalbano, Direttore della Stazione Spaziale Internazionale, Johnson
  • Holly Readings, Direttore di volo, Johnson
  • Hans Koenigsman, Senior Consultant, Aviation Reliability, SpaceX
  • Hiroshi Sasaki, vicepresidente e direttore generale della direzione della tecnologia per i voli spaziali umani della JAXA

Il programma per l’equipaggio commerciale della NASA ha raggiunto il suo obiettivo di trasporto sicuro, affidabile ed economico da e per la Stazione Spaziale Internazionale dagli Stati Uniti attraverso una partnership con l’industria privata americana. Questa partnership sta cambiando l’arco della storia del volo spaziale umano, aprendo l’accesso all’Orbita terrestre bassa e alla Stazione spaziale internazionale a più persone, più scienza e più opportunità commerciali. La stazione spaziale rimane il punto di partenza per il prossimo grande balzo della NASA nell’esplorazione spaziale, comprese le future missioni sulla Luna e, in definitiva, per Marte.

READ  Gli astronomi disegnano una mappa del viaggio dell'asteroide sulla Terra, che ha 22 milioni di anni | Asteroidi
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Queste sono le 10 auto più potenti realizzate da Ringbrothers
Next Post L’Italia ha segnalato 344 morti per coronavirus mercoledì, con 13.385 nuovi casi