La NASA guarda all’energia solare per alimentare una nuova generazione di veicoli spaziali

L’agenzia spaziale statunitense NASA ha recentemente lanciato un programma DART astronave Per testare un modo per difendere la Terra dalla minaccia asteroidi.

La NASA dice dardo Spedizione Testa anche molte nuove tecnologie. Uno di essi è pagando Un sistema che ottiene energia dal sole. Questa tecnologia è chiamata propulsione elettrica solare.

Poiché il sistema utilizza l’energia solare anziché i motori basati sul carburante, non richiede serbatoi di carburante grandi e pesanti. Se la tecnologia funziona, potrebbe aiutare ad alimentare una nuova generazione di veicoli spaziali.

Funzionari della NASA hanno affermato che la propulsione elettrica solare potrebbe essere importante per i piani dell’agenzia per l’esplorazione futura. Ciò potrebbe includere missioni pianificate per portare gli astronauti sulla Luna e su Marte.

Il sistema a energia solare incluso nella missione DART è noto come NEXT-C. È stato sviluppato dal Glenn Research Center della NASA in Ohio e costruito dal produttore di razzi Aerojet Rocketdyne.

L’illustrazione di questo artista raffigura la navicella spaziale DART della NASA, che verrà lanciata per schiantarsi contro un asteroide per vedere come la collisione influisce sulla traiettoria di un oggetto spaziale. (Credito immagine: NASA / Johns Hopkins APL)

Questa tecnologia si basa sui sistemi utilizzati in passato sui veicoli spaziali della NASA che effettuavano missioni di esplorazione di asteroidi. Gli scienziati stanno lavorando su NEXT-C. sviluppo Ha detto che il nuovo sistema dovrebbe essere “tre volte più potente” del sistema utilizzato in passato.

La maggior parte dei sistemi di propulsione utilizza combustibili per produrre reazioni chimiche per fornire spinta e spostare il veicolo spaziale. NEXT-C è un sistema di propulsione che utilizza l’elettricità per convertire il gas xeno in ioni xeno. Quando gli ioni vengono rilasciati, forniscono la forza per spostare il veicolo spaziale. I grandi collettori solari producono elettricità dalla luce solare.

Il NEXT-C non è il sistema di propulsione principale di DART. È stato incluso nella missione per testarne l’efficacia. Tuttavia, la tecnologia sarà il principale sistema di propulsione per la prossima missione della NASA chiamata Psyche.

Il Astronave psicologica Viaggerà verso un asteroide metallico in orbita attorno al sole tra Marte e Giove. NASA Lui dice Aspettati che Psyche uscirà ad agosto. La navicella dovrebbe percorrere circa 2,4 miliardi di chilometri in tre anni e mezzo per raggiungere l’asteroide.

Una volta in orbita, il team della missione esaminerà i dati raccolti dagli strumenti scientifici di Psyche. Gli scienziati ritengono che l’asteroide possa far parte del metallo essenza per un pianeta primordiale. Dicono che l’asteroide potrebbe essersi separato durante le violente collisioni avvenute durante la prima formazione del nostro sistema solare.

In questa immagine, scattata nel novembre 2020, i tecnici gestiscono per la prima volta il corpo principale della navicella spaziale Psyche della NASA, chiamata struttura a propulsione elettrica solare (SEP), in una camera bianca presso Maxar Technologies a Palo Alto, in California.  (Credito immagine:

In questa immagine, scattata nel novembre 2020, i tecnici gestiscono per la prima volta il corpo principale della navicella spaziale Psyche della NASA, chiamata struttura a propulsione elettrica solare (SEP), in una camera bianca presso Maxar Technologies a Palo Alto, in California. (Credito immagine:

La NASA afferma che una volta che Psyche si staccherà dal suo veicolo di lancio, farà affidamento sulla propulsione elettrica solare per raggiungere il suo obiettivo. Si prevede inoltre che la navicella riceva una spinta gravitazionale quando passa vicino a Marte.

agenzia spaziale Lui dice Psiche sarà la prima navicella spaziale ad utilizzare propulsori solari al di fuori dell’orbita lunare. La NASA descrive la tendenza come “BelloMa è abbastanza potente da spingere la navicella nel suo lungo viaggio.

La NASA ha affermato che i test hanno dimostrato che il sistema è molto efficace. Gli scienziati stimano che i propulsori Psyche “possono funzionare per anni senza rimanere senza carburante”.

Lindy Elkins Tanton, dell’Arizona State University, è una ricercatrice della NASA che guida la missione Psyche. “Anche all’inizio, quando stavamo progettando la missione per la prima volta nel 2012, stavamo parlando della propulsione elettrica solare come parte del piano”, ha affermato in una nota. “Senza di lei, non avremmo il compito di noi stessi.”

Paolo Lozano dirige lo Space Propulsion Laboratory del Massachusetts Institute of Technology (MIT). lui è Raccontare Revisione della tecnologia del MIT Crede che Psiche possa aiutare a creare un percorso per l’esplorazione dello spazio utilizzando l’energia solare. La tecnologia potrebbe consentire missioni più lunghe e meno costose. “In realtà apre le porte alla possibilità di esplorazione e riflessione marketing Lozano ha detto.

Sono Brian Lynn.

Brian Lane ha scritto questa storia basandosi sui rapporti della NASA e del MIT Technology Review. Mario Ritter Jr. era l’editore.

Vogliamo sentire da voi. Scrivici nella sezione commenti, e Visita la nostra pagina Facebook.

Test: la NASA guarda all’energia solare per alimentare una nuova generazione di veicoli spaziali

Test: la NASA guarda all'energia solare per alimentare una nuova generazione di veicoli spaziali

Inizia il quiz per scoprire la risposta

__________________________________________________

Le parole di questa storia

asteroide – n. Un corpo roccioso che ruota intorno al sole come un pianeta

Spedizione – n. Un progetto o un viaggio importante, soprattutto in relazione ai viaggi nello spazio

pagando – n. La forza generata da un sistema per muovere o spingere un veicolo

Paga – n. spinta o forza verso l’alto

essenza – n. La parte centrale di un pianeta

Bello Non forte o grave

marketing – Quinto. Organizzare qualcosa con l’obiettivo di realizzare un profitto

READ  Ascolta il "suono" della luna di Giove Ganimede grazie alla sonda Juno
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Sports Digest: Cement Samantha McGrath di Kennebunk High Miss Maine Field Hockey
Next Post L’età e il patrimonio netto di Simon Guobadia esplorati da Porsha’s Family Matters