La NASA difende debolmente l’astronauta dopo le accuse dei media russi di sabotare la Stazione Spaziale Internazionale

Una vista dalla Stazione Spaziale Internazionale il 7 ottobre 2018, durante la spedizione 56/57.

Una vista dalla Stazione Spaziale Internazionale il 7 ottobre 2018, durante la spedizione 56/57.
immagine: NASA Johnson

Ancora scattante dall’ultima Stazione Spaziale Internazionale incidente d’uscita, l’agenzia di stampa statale russa TASS afferma che un astronauta della NASA ha danneggiato intenzionalmente una navicella spaziale Soyuz ormeggiata allo scopo di facilitare un ritorno immediato sulla Terra, in un incidente risalente al 2018. Questa affermazione è infondata e scandalosa, ma non lo faresti lo so dalla tiepida risposta della Nasa.

TASS accusa l’astronauta della NASA Serena Onion Cancelliere, che ha servito come membro di Equipaggio missione 56/57, insieme ad Alexander Gerst dell’Agenzia spaziale europea e Sergey Prokopyev di Roscosmos, dal 6 giugno 2018 al 20 dicembre 2018. TASS afferma che Una fonte anonima ha riferito all’agenzia di stampa che Onion Chancellor aveva subito una trombosi venosa profonda mentre era in orbita, una condizione che, secondo la fonte, avrebbe potuto renderla mentalmente instabile, spingendola a scavare una buca nella navicella spaziale Soyuz per accelerare il tornare sulla Terra.

Questa affermazione è assurda e terribilmente offensiva, e la tiepida reazione della NASA all’accusa lascia molto a desiderare.

Otto fori sono stati praticati nella navicella spaziale Soyuz, ma solo un foro è penetrato nello scafo.

Otto fori sono stati praticati nella navicella spaziale Soyuz, ma solo un foro è penetrato nello scafo.
immagine: NASA

Pensavo avessimo finito con questa stupida storia, ma a quanto pare non era così. Tutto è iniziato il 29 agosto 2018, quando I Leggera perdita di pressione dell’aria sulla Stazione Spaziale Internazionale. La perdita è stata fatta risalire alla navicella spaziale Soyuz MS-09 lanciata sulla Stazione Spaziale Internazionale il 6 giugno 2018. I membri dell’equipaggio hanno temporaneamente rattoppato il foro di 2 millimetri con nastro Kapton e successivamente con un sigillante epossidico. Il problema è stato risolto.

I funzionari russi sono stati rapidi nell’identificare una causa. La speculazione iniziale era che un piccolo meteorite avesse causato la frattura. Questa teoria è stata infine respinta quando è diventato evidente che il buco è stato creato dall’interno. Di conseguenza, l’agenzia spaziale russa Roscosmos ha sostenuto Che la foratura è stata causata da “una mano inciampata”, cioè un errore umano durante la fabbricazione, o “danno deliberato” in riferimento ad atti vandalici. I media russi sono andati oltre, reclamo Che un astronauta della NASA malato abbia fatto intenzionalmente il buco per accelerare un rapido ritorno in superficie. Tuttavia, il cosmonauta russo Sergei Prokopyev insistere su Che il buco non è stato scavato da un membro dell’equipaggio.

La navicella spaziale alla fine è tornata sulla Terra il 20 dicembre 2018 senza incidenti, ma l’agenzia spaziale russa (Roscosmos) non ha mai rivelato una ragione ufficiale per il buco. I media russi stanno ora riconsiderando questa teoria sulla scia di incidente di nukka, dove un’unità appena arrivata ha inavvertitamente attivato i suoi propulsori, facendo eseguire alla ISS 1,5 capovolgimenti all’indietro prima di riprendere il controllo. In risposta alle conseguenti critiche dei media statunitensi, la TASS statale ha operato posta Il 12 agosto per affrontare 12 rivendicazioni americane contro Roscosmos.

Il post affrontava affermazioni come “La Russia non può mantenere in buona forma l’infrastruttura spaziale ereditata dall’Unione Sovietica” e “La Russia progetta bene navi e unità, ma le costruisce e le gestisce male”, ma la risposta all’affermazione che lo spazio della Russia Il programma è ora pieno di problemi, da una perdita d’aria attraverso la Nauka, che colpisce la strada sotto la cintura.

L’autore del rapporto TASS, Mikhail Kotov, afferma di aver ricevuto informazioni da un anonimo funzionario di alto rango dell’industria spaziale russa. Il giornalista scientifico Ars Technica Eric Berger i sospetti La fonte è Dmitry Rogozin, direttore generale di Roscosmos, e probabilmente non si sbagliava.

Non è stato possibile praticare il foro mentre la navicella era ancora sulla Terra, perché “se ci sono dei buchi, la pressione in questa nave diminuirà immediatamente e non supererà i test appropriati”, afferma la fonte TASS (traduzione dal russo all’inglese fornito da Google). Onion Cancelliere, avendo sviluppato il primo caso noto di TVP orbitale (trombosi che si verifica quando si forma un coagulo in una o più vene profonde, causando dolore e gonfiore alle gambe), ha innescato una “crisi psicologica acuta”, costringendola a escogitare una strategia “per accelerare il suo ritorno sul pianeta”, ipotizza una fonte TASS.

Documento scientifico del 2019 menzionato Uno degli astronauti ha sviluppato la condizione a seguito di un’esposizione prolungata a condizioni di microgravità, ma l’identità dell’astronauta non è stata rivelata.

Altre presunte prove includevano una videocamera rotta all’incrocio tra le clip russe e americane e il rifiuto americano di far eseguire ai cosmonauti un test del poligrafo, mentre i cosmonauti russi accettavano di fare un cosiddetto test del poligrafo. L’articolo della TASS afferma inoltre: “La Federazione Russa non ha avuto l’opportunità di esaminare gli strumenti e le esercitazioni sulla Stazione Spaziale Internazionale per la presenza di trucioli di metallo di scarto dallo scafo della cabina di casa della nostra nave”. Sette degli otto fori scoperti nel veicolo spaziale (solo uno attraverso lo scafo) sono stati praticati “come con un trapano rimbalzante, che parla di perforare proprio in condizioni di gravità zero senza il necessario supporto”. Infine, la posizione casuale delle prese d’aria suggerisce che sia stato fatto da qualcuno che non ha familiarità con la costruzione della navicella spaziale Soyuz, conferma l’articolo.

Scrivendo a NASA Watch, Keith Cowing, un ex dipendente della NASA, Lei disse Lo scenario suggerito nell’articolo di TASS “sembra una di quelle stupide trame cinematografiche che la Russia sembra voler sempre filmare sulla Stazione Spaziale Internazionale”. Ha descritto l’articolo come “infantile, difensivo e non del tipo che una grande nazione spaziale dovrebbe offrire per spiegare i suoi problemi”.

La mucca ha anche spiegato in modo eccellente come Auñón-Cancelliere abbia sperimentato una trombosi venosa profonda. Questo è un grosso problema che non impedisce, perché è una violazione del Codice di condotta della Stazione Spaziale Internazionale firmato dalla Russia e da altri partner. come un simbolo stati: “Tutte le informazioni mediche personali, derivate da sorveglianza medica, indagini o eventi medici di emergenza, devono essere trattate come informazioni mediche private e devono essere trasmesse in modo privato e sicuro in conformità con le procedure specificate. [Multilateral Medical Operations Panel]. “

Attraverso Non collegato In una teleconferenza venerdì 13 agosto, Kathy Lueders, amministratore associato della NASA per l’esplorazione umana e le operazioni, ha espresso la sua opinione quando gli è stato chiesto di commentare l’articolo di TASS.

“Serena è un membro dell’equipaggio molto rispettato che ha servito il suo paese e ha dato contributi inestimabili all’agenzia”, ​​ha detto Luders. “E io sostengo Serena, sosteniamo Serena e la sua condotta professionale, e non ho trovato credibile quell’accusa”.

Caricatori Appuntamento La sua posizione su Twitter, con il senatore Bill Nelson che conferma la sua posizione il supporto.

Ufficiale della NASA statisticaun oggetto Su questo punto è alquanto deludente, in quanto omette espressamente di respingere l’accusa formulata nell’articolo TASS:

Tutti i partner ISS sono impegnati nella sicurezza della missione e nel benessere dell’equipaggio. Tutti i partner ISS partecipano a più revisioni prima di ogni attività principale della stazione per valutare e garantire la sicurezza di tutti i membri dell’equipaggio. Il buco scoperto dall’equipaggio della stazione spaziale alla fine di agosto 2018 è stato rapidamente tappato, riportando la pressione ermetica alla stazione. I cosmonauti russi hanno condotto una passeggiata nello spazio a dicembre per raccogliere ulteriori dati ingegneristici per gli specialisti russi sul campo e per guardare all’esterno l’efficacia della riforma interna. La navicella spaziale Soyuz è stata esaminata a fondo e considerata sicura per il ritorno dell’equipaggio sulla Terra, avvenuto il 20 dicembre 2018.

Per proteggere la loro privacy, l’agenzia non discuterà le informazioni mediche relative ai membri dell’equipaggio.

come un hamburger conferma, “Gli addetti alle pubbliche relazioni della NASA sembrano bilanciare se dovrebbero difendere il loro astronauta e rispondere a qualcosa di ridicolo o, per motivi di convenienza, evitare di litigare con Roscosmos.” Ha scritto che l’agenzia spaziale, a quanto pare, “ha scelto quest’ultimo”.

Questo approccio è comprensibile ma anche irritante. Parole più forti nel condannare questa accusa e il pieno sostegno all’astronauta della NASA erano assolutamente giustificate come ingiuste secondo me. Inoltre, la dichiarazione della NASA, per quanto ne so, non appare da nessuna parte sul sito web dell’agenzia. A meno che non ci manchi un contesto, sembra che la NASA potrebbe fare di più per difendere l’astronauta da questo attacco.

READ  La superficie della luna di Giove Europa è influenzata da piccoli impatti: le sue condizioni potrebbero attualmente essere adatte alla vita
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La Serie A trasmetterà le partite in streaming su YouTube nella regione MENA
Next Post Grey’s Anatomy di Kelly McCreary è incinta del suo primo figlio