La missione della NASA è destinata a lanciarsi e a scontrarsi deliberatamente con un asteroide lunare

Ma il vero test della tecnologia di deflessione degli asteroidi arriverà nel settembre 2022, quando il veicolo spaziale raggiungerà la sua destinazione, per vedere come influenza il movimento di un asteroide vicino alla Terra nello spazio.

L’obiettivo della missione è Dimorphos, una piccola luna in orbita attorno all’asteroide vicino alla Terra Didymos. Questa sarà la prima dimostrazione su larga scala dell’agenzia di questo tipo di tecnologia per conto della difesa planetaria. Sarà anche la prima volta che gli esseri umani hanno alterato le dinamiche del corpo del sistema solare in modo misurabile, secondo l’Agenzia spaziale europea.

I NEO sono asteroidi e comete che hanno orbite che li collocano entro 30 milioni di miglia (48 milioni di km) dalla Terra. Rilevare la minaccia di oggetti vicini alla Terra, o NEO, che possono causare danni significativi è un obiettivo primario della NASA e di altre organizzazioni spaziali in tutto il mondo.

L’asteroide Didymos e la sua luna Demorphos

In greco, Didymos significa “gemello”, un riferimento a come l’asteroide – largo circa mezzo miglio (0,8 km) – forma un sistema binario con l’asteroide più piccolo, o luna – 525 piedi (160 metri) di diametro – che è stato scoperto due decenni prima del tempo. Kleomenis Tsiganis, uno scienziato planetario dell’Università Aristotele di Salonicco e membro del team DART, ha suggerito di chiamare la luna Dimorphos, che significa “due forme”.

È il momento perfetto per svolgere un’attività DART. Didymos e Demorphos saranno relativamente vicini alla Terra – 6.835.083 miglia (11 milioni di chilometri) di distanza – nel settembre 2022. Il veicolo spaziale arriverà a una velocità di circa 15.000 miglia (24.140 chilometri) all’ora, prendendo di mira Demorphos, ha affermato Nancy Chabot, DART. Capo coordinatore del Laboratorio di Fisica Applicata Johns Hopkins a Laurel, Maryland.

Una telecamera sul veicolo spaziale, chiamata DRACO, e un software di navigazione autonomo aiuteranno il veicolo spaziale a rilevare e a scontrarsi con Dimorphos. DRACO è l’acronimo di Didymos Reconnaissance & Asteroid Camera per OpNav.

READ  frantoi per rimorchi come venerdì 13 ma dragon ball

La missione mira a scontrarsi deliberatamente con Demorphos per alterare il movimento dell’asteroide nello spazio, secondo la NASA. Questa collisione sarà registrata da LICIACube, ovvero il Light Italian Asteroid Imaging Cubesat, un satellite cubo compagno fornito dall’Agenzia Spaziale Italiana. È la prima missione nello spazio profondo dell’Agenzia Spaziale Italiana.

Il CubeSat viaggerà delle dimensioni di una valigetta sul DART e quindi si propagherà da esso prima dell’impatto in modo che possa registrare ciò che sta accadendo. Tre minuti dopo l’impatto, il CubeSat verrà pilotato da Dimorphos per catturare foto e video.

Il video della collisione verrà riportato sulla Terra, ha affermato Elena Adams, ingegnere dei sistemi di missione DART presso il Johns Hopkins Laboratory of Applied Physics, che dovrebbe essere “estremamente eccitante”.

“Gli astronomi saranno in grado di confrontare le osservazioni dei telescopi terrestri prima e dopo l’impatto cinetico di DART per determinare quanto è cambiato il periodo orbitale di Demorphos”, ha affermato Tom Statler, scienziato del programma DART presso la sede della NASA, in una nota. “Questa è la misurazione principale che ci dirà come l’asteroide ha risposto al nostro sforzo di deflessione”.

Un asteroide delle dimensioni di una ruota panoramica potrebbe essere un pezzo mancante della luna

A pochi anni dall’impatto, la missione Hera dell’Agenzia spaziale europea condurrà un’indagine per seguire Didymos e Demorphos.

Mentre la missione DART per il Planetary Defense Coordination Office della NASA è stata sviluppata e gestita dal Laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University, il team della missione lavorerà con il team della missione Hera nell’ambito di una collaborazione internazionale nota come Asteroid Impact & Deflection Assessment, o AIDA.

“DART è il primo passo per testare metodi pericolosi di deflessione degli asteroidi”, ha dichiarato in una nota Andrea Riley, responsabile del programma DART presso la sede della NASA. “Gli asteroidi potenzialmente pericolosi sono una preoccupazione globale e siamo entusiasti di lavorare con i nostri colleghi italiani ed europei per raccogliere i dati più accurati possibili da questa dimostrazione di deflessione dell’impatto cinetico”.

READ  PlayStation Insider introduce nuove porte per PC

La missione del primo

I Dimorphos sono stati scelti per questa missione perché la loro dimensione è proporzionale agli asteroidi che potrebbero rappresentare una minaccia per la Terra, ma il doppio sistema di asteroidi in sé non è una minaccia per la Terra.

L’astronave è circa 100 volte più piccola di Demorphos, quindi non spazzerà via l’asteroide.

Il telescopio più potente mai costruito sta per cambiare il modo in cui vediamo l'universo

“Questo non distruggerà l’asteroide, ma piuttosto gli darà una piccola spinta e invertirà il suo corso attorno all’asteroide più grande”, ha detto Chabot. Ciò significa che non c’è possibilità di cambiare la rotta dell’asteroide per renderlo più minaccioso.

Il rapido impatto cambierà solo la velocità di Dimorphos mentre orbita attorno a Didymos dell’1%, il che non sembra molto, ma cambierà il periodo orbitale della luna di più di un minuto. Questo cambiamento può essere osservato e misurato attraverso i telescopi terrestri sulla Terra.

Demorphos completa un’orbita attorno a Didimo ogni 11 ore 55 minuti. Se l’effetto avesse successo, cambierebbe quel periodo di almeno 73 secondi, ha affermato Andy Cheng, capo del team di indagine DART presso il Johns Hopkins Laboratory of Applied Physics.

La misurazione del trasferimento di quantità di moto tra il veicolo spaziale e Demorphos mostrerà quanto è necessario per cambiare il percorso dell’asteroide.

“Se un giorno viene rilevato un asteroide in rotta di collisione con la Terra, avremo un’idea di quanto slancio abbiamo bisogno per far sì che quell’asteroide manchi la Terra”, ha detto Cheng.

Strategie di difesa planetaria

Sebbene attualmente non ci siano asteroidi in un percorso di impatto diretto con la Terra, c’è un gran numero di asteroidi vicini alla Terra – più di 27.000 di tutte le forme e dimensioni.

READ  Gli utenti di PlayStation 5 con un abbonamento a Apple Music ora possono riprodurre musica in streaming direttamente dalla loro console

“La chiave per la difesa planetaria è trovarli molto prima che rappresentino una minaccia di collisione”, ha affermato Lindley Johnson, un ufficiale della difesa planetaria presso il quartier generale della NASA. “Il principio con tutti loro è solo quello di cambiare la velocità orbitale dell’asteroide solo di una piccola quantità. Cambiare la velocità dell’asteroide nella sua orbita cambia la sua orbita, quindi in futuro, non sarà nello stesso posto in cui avrebbe avuto un impatto sulla Terra”.

Il telescopio Webb sta per dare uno sguardo senza precedenti a questi intriganti esopianeti

Tre anni dopo la collisione, Hera arriverà per studiare Dimorphos in dettaglio, misurare le proprietà fisiche della luna e studiare l’effetto di DART e l’orbita della luna.

Può sembrare un lungo periodo di attesa tra l’impatto e il follow-up, ma dipende dalle lezioni apprese in passato.

Nel luglio 2005, la navicella spaziale Deep Impact della NASA ha lanciato un impatto di rame da 815 libbre (370 kg) sulla cometa Temple 1. Ma la navicella spaziale non è stata in grado di vedere il cratere dall’impatto a causa del rilascio di tonnellate di polvere e ghiaccio. Tuttavia, la missione Stardust della NASA nel 2011 è stata in grado di descrivere l’effetto: una ferita lunga 150 metri.

I preziosi dati che DART ed Hera hanno raccolto insieme contribuiranno alle strategie di difesa planetaria, in particolare alla comprensione del tipo di forza necessaria per spostare l’orbita di un asteroide vicino alla Terra che potrebbe entrare in collisione con il nostro pianeta.

“Questa tecnologia farà parte di un toolkit che iniziamo a costruire capacità per deviare il percorso dell’asteroide”, ha detto Johnson dopo aver analizzato i risultati della missione.

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Coronavirus (Covid-19) Aggiornamenti di notizie in diretta dall’India: oltre Rs 21,92 Crore dosi di vaccino Covid-19 ancora disponibili con Stati / UT, afferma il Ministero federale della salute
Next Post Ultime notizie dal Tottenham: £ 18 milioni con “un ottimo passaggio per lui” che potrebbe recuperare sotto Conte