La minaccia in corso di catastrofiche eruzioni supervulcaniche è stata rivelata

Gli scienziati di Curtin fanno parte di un team di ricerca internazionale che ha studiato un antico supervulcano in Indonesia e ha scoperto che tali vulcani sono rimasti attivi e pericolosi per migliaia di anni dopo la super eruzione, spingendo a ripensare a come prevedere questi eventi potenzialmente catastrofici.

I supervulcani spesso eruttano più volte a intervalli di decine di migliaia di anni tra le grandi eruzioni, ha affermato il professor Martin Danichek, autore principale australiano del John de Leiter Center della Curtin University.

“Comprendere i lunghi periodi di riposo determinerà cosa cerchiamo nei supervulcani attivi per aiutarci a prevedere le eruzioni future”, ha detto il professor Daneshek.

“Le super eruzioni sono tra gli eventi più catastrofici nella storia della Terra, emettendo enormi quantità di magma quasi istantaneamente. Possono influenzare il clima globale al punto da trasformare la Terra in un ‘inverno vulcanico’, un periodo anormalmente freddo che potrebbe portare a diffuse carestia e disordini demografici.

“Imparare come funzionano i vulcani giganti è importante per comprendere la futura minaccia di un’inevitabile eruzione, che si verifica una volta ogni 17.000 anni”.

L’assistente professore Danisek ha affermato che il team ha studiato il destino del magma rimasto dalla super eruzione di Toba 75.000 anni fa, utilizzando i minerali feldspato e zircone, che contengono registrazioni temporali indipendenti basate sull’accumulo di gas argon ed elio come capsule temporali nelle rocce vulcaniche.

“Utilizzando questi dati geologici temporali, l’inferenza statistica e la modellazione termica, abbiamo dimostrato che il magma ha continuato a trasudare nella caldera, o profonda depressione causata dall’eruzione del magma, da 5.000 a 13.000 anni dopo la super-eruzione, quindi schermare il rimanente magma solido verso l’alto come un gigantesco guscio di tartaruga.”

READ  Una nuova specie di lucertola esotica estinta - così strana che è stata identificata come un dinosauro delle dimensioni di un colibrì

“I risultati sfidano le attuali conoscenze e lo studio delle eruzioni, che in genere comporta la ricerca di magma liquido sotto il vulcano per valutare i rischi futuri. Ora dobbiamo considerare che le eruzioni possono verificarsi anche se non si trova magma liquido sotto il vulcano: il concetto di ciò che è ‘esplosivo’ deve essere rivalutato.

“Mentre una super eruzione può avere un impatto regionale e globale e la ripresa può richiedere decenni o addirittura secoli, i nostri risultati mostrano che il pericolo non è terminato con la massiccia eruzione e che la minaccia di ulteriori pericoli è esistita per migliaia di anni dopo.

“Imparare quando e come si accumula il magma eruttivo e in quale stato si è formato prima e dopo queste eruzioni, è fondamentale per comprendere i supervulcani”.

Lo studio è stato condotto da ricercatori dell’Oregon State University e co-autore di ricercatori dell’Università di Heidelberg, dell’Agenzia geologica indonesiana e del dott.

Riferimento: “Iniziazione ed eruzione subsolida dello scudo freddo del magma caldo nella caldera di Toba, Sumatra” di Adonara E. Mucek, Martin Danišík, Shanaka L. de Silva, Daniel P. Meggins, Axel K. Schmitt, Indyo Pratomo , Anthony Koppers e Jack Gillespie , 3 settembre 2021, Scienze della Terra e dell’Ambiente.
DOI: 10.1038 / s43247-021-00260-1

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Berrettini ha superato un test di cinque set per raggiungere il quarto turno degli US Open
Next Post Angelina Jolie nei panni di Harvey Weinstein e Brad Pitt che lavorano insieme