La Marina Militare Italiana e il provider di telecomunicazioni collaborano per scoraggiare gli attacchi ai cavi sottomarini

ROMA – I sottomarini italiani intendono monitorare e scoraggiare gli attacchi ai cavi internet sottomarini nel Mediterraneo nell’ambito di un nuovo accordo tra la Marina Militare Italiana e il più grande fornitore privato di cavi del Paese.

Tra i timori di una minaccia di sabotaggio ai cavi dei sottomarini che trasportano la maggior parte del traffico Internet mondiale, la Marina sta collaborando con Sparkle per monitorare i suoi pacchetti in fibra ottica.

“Oggi le moderne tecnologie consentono un facile accesso alla dimensione sottomarina”, ha affermato l’ammiraglio Vito La Sirenza, comandante della flotta sottomarina della Marina.

“Anche gli yacht possono schierare sottomarini o droni sotto il mare, quindi c’è un bisogno crescente di una consapevolezza situazionale più accurata nell’ambiente sottomarino per monitorare e proteggere infrastrutture critiche come questi cavi, che trasportano oltre il 95% di Internet nel mondo”, ha affermato. detto. . Notizie sulla difesa.

La Marina e Sparkle hanno dichiarato in una dichiarazione che avrebbero svolto “attività di ricognizione e monitoraggio congiunte per i cavi dei sottomarini di proprietà di Sparkle e le aree adiacenti”, aggiungendo che il servizio “fornirà anche supporto per la mappatura del fondale marino pertinente e assisterà in caso di emergenza operazioni”.

La Sirenza ha detto che la Marina avrebbe “scambiato informazioni” con la compagnia.

“I loro dati ci daranno una migliore consapevolezza della rete e dei suoi aspetti critici per aiutarci a monitorarla meglio”, ha affermato. Scopri dove sono questi cavi [are] Significa che possiamo fornire un monitoraggio migliore con i sensori sottomarini.

Le crisi nel Mediterraneo hanno accresciuto l’attenzione che prestiamo a questa infrastruttura. Quello che stiamo imparando è che la sfera sottomarina è importante quanto lo spazio quando si tratta di proteggere le economie nazionali”.

READ  Grande cerimonia di riapertura e taglio del nastro all'Italian Ice and Frozen Custard di Rita a Hellertown | Ledger Valley

I ministri della NATO nel 2020 hanno discusso del rischio che i sottomarini russi tagliassero o intercettassero cavi Internet sottomarini e il Regno Unito ha annunciato l’anno scorso che avrebbe costruito una nuova nave di sorveglianza per proteggere i cavi. All’epoca, il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace disse che “le luci potrebbero spegnersi” se fossero attaccati cavi sottomarini “molto importanti”, osservando in particolare che la Russia “si è interessata molto” ai cavi.

Negli ultimi anni, un numero crescente di cavi è stato posato nell’Oceano Atlantico, con alcuni che entrano nel Mediterraneo attraverso lo Stretto di Gibilterra ed escono attraverso il Canale di Suez per raggiungere l’Asia e il Medio Oriente. Alcuni sbarcano anche a cassette di derivazione in Sicilia.

Oltre ai quattro sottomarini U212A, la Marina Militare Italiana sta ora costruendo quattro versioni aggiornate dell’NFS – o prossime al futuro sottomarino – per sostituire le vecchie navi di classe Sauro.

“I sottomarini NFS saranno in grado di comunicare meglio con i sensori su altre piattaforme, oltre a utilizzare droni sottomarini, il che li renderà abili nel monitoraggio dei cavi”, ha affermato La Sirenza.

Ha anche suggerito che i cavi stessi potrebbero fungere da sensori mentre registrano i cambiamenti di pressione nelle vicinanze, fornendo alla Marina l’accesso a una rete inaspettata di sensori che si estende sul fondo del mare.

“Stiamo esaminando questo ora”, ha detto.

Tom Kington è il giornalista italiano di Defense News.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Quordle Answer 15 luglio: Suggerimenti per le parole di Quordle e risposta di oggi
Next Post In Koffee With Karan, Sara Ali Khan ammette di non aver mai avuto “vibrazioni da papà sicure” crescendo: “Mio padre lo vedrà e non vuole dire niente di diverso”