La mappa aggiornata del DNA umano cattura la diversità della vita

Una versione di questa storia è apparsa nella newsletter scientifica della CNN Theory of Wonder. per riceverlo nella tua casella di posta, Iscriviti gratuitamente qui.

Un team internazionale di scienziati ha mappato ca Intero Il genoma umano per la prima volta in due decenni, rompendo il codice genetico della vita umana.

Lo sforzo globale è stato un enorme lavoro scientifico Questo risultato e questo viaggio di scoperta ha aiutato i ricercatori a decifrare le basi genetiche di malattie complesse come l’Alzheimer, il cancro e la sclerosi multipla.

Il progetto ha anche migliorato la nostra comprensione A Perché gli esseri umani si sono evoluti per avere più forza mentale di altri animali e piante e inaugurare una nuova era della ricerca biomedica.

Ma la cartografia non fu mai completa. Ora, gli scienziati hanno svelato un nuovo grafico che cattura meglio la ricchezza della diversità umana.

Daryl Lega/NHGRI

I ricercatori hanno rilasciato il primo estratto di sesso umano, un riferimento più completo e di alta qualità che aiuterà a rilevare meglio le malattie genetiche.

Il genoma umano originale era principalmente basato su un singolo individuo anonimo, che ha risposto a una chiamata pubblicitaria Per i volontari del progetto apparsi su The Buffalo (New York) Evening News nel marzo 1997.

Il genoma di ogni persona è leggermente diverso – di meno di un punto percentuale da quello successivo – ma molte varianti genetiche rimangono nascoste ai ricercatori a causa della dipendenza da un singolo genoma di riferimento.

UN Il nuovo “pangenoma” include il DNA di 47 individui da Tutti i continenti tranne l’Antartide e l’Oceania. Gli studiosi interessati hanno detto l’aggiornamento Migliorerà la nostra capacità di diagnosticare malattie e comprendere le varianti genetiche che portano a problemi di salute, Tra gli altri sviluppi.

READ  Le morti infantili improvvise inaspettate tra i bambini neri sono aumentate nel 2020

Ottenere un buon riposo notturno può fare la differenza. La NASA richiede che gli astronauti dormano 8 ore e mezza ogni notte durante le missioni per evitare la perdita di sonno a lungo termine e gli errori causati da affaticamento e complicazioni di salute.

Dormire correttamente a gravità zero può essere difficile e gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale soffrono di problemi di sonno proprio come le persone sulla Terra.

Fortunatamente, l’Anti-Stress Actions Lab del NASA Ames Research Center di Mountain View, California, strumenti di evoluzione Aiutare gli astronauti a superare le sfide del sonno.

Guidato dalla dottoressa Erin Flynn Evans, il laboratorio conduce anche missioni spaziali simulate per capire come si comportano i membri dell’equipaggio quando il sonno è limitato mentre vivono su Marte o sulla Luna.

NASA/JPL-Caltech

Il modello di prova Voyager Pro è una replica esatta delle sonde spaziali gemelle Voyager lanciate nel 1977.

La sonda spaziale Voyager è decollata nel 1977. Queste due figure da record sono gli unici oggetti realizzati dall’uomo fuori dalla bolla protettiva del nostro sole, trasmettendo dati inestimabili sullo spazio interstellare.

I loro viaggi cosmici non erano previsti per lunghe distanze: i due veicoli spaziali erano stati originariamente progettati per funzionare per quattro anni. Susan Dodd, responsabile del progetto Voyager presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California, li chiama “vecchietti”.

“In un certo senso li descrivo come una sorella gemella”, ha detto Dowd. “Uno ha perso l’udito, ha bisogno di apparecchi acustici e un altro ha perso il senso del tatto. Quindi, col tempo falliscono in modo diverso. Ma nel complesso, sono abbastanza sani per la loro età”.

READ  La danza delle galassie fuse catturate nella nuova immagine del Webb Telescope

Con cura e monitoraggio, Dowd spera di tenerli comando Missioni operative per gli anni a venire.

Il mondo del volo spaziale privatizzato sta diventando sempre più frenetico e audace.

Virgin Galactic, la società di turismo spaziale suborbitale fondata dal miliardario britannico Richard Branson, si prepara al suo debutto Viaggio ai confini dello spazio In quasi due anni a fine maggio. La società si aspetta che sia il test finale prima che Virgin Galactic possa aprire round ai clienti paganti dopo anni di promesse e scadenze mancate.

Si profila anche la possibilità di a Un pasto stellato Michelin viene servito ai margini dello spazio15,5 miglia (25 chilometri) fuori terra. I “biglietti anticipati” per i prossimi voli in una capsula ristorante pressurizzata, soprannominata Celeste, attaccata a un pallone stratosferico sono già in vendita.

B. Huertas / Fondazione Museo di Storia Naturale

Questo esemplare di Saurona triangula, una specie di farfalla recentemente descritta, è nella collezione del Natural History Museum di Londra.

Lo ha scoperto un team internazionale di scienziati Colpisci le nuove farfalle nella bandiera Nella collezione del Natural History Museum di Londra.

I loro intricati modelli di ali includono puntini in bianco e nero sulle ali posteriori con la punta arancione, che hanno ispirato i ricercatori a nominare il genere Saurona – un cenno all’Occhio di Sauron, un simbolo infuocato per la malvagità nel film di J.R.R. Tolkien Il signore di gli anelli.

Gli scienziati hanno documentato due diverse specie a Sorona, uno dei nove gruppi di farfalle recentemente identificati che hanno descritto in un recente studio.

Identificazione di nuove specie candidate Non sempre direttoGli scienziati hanno discusso su come classificare la vasta biodiversità della Terra sin dai primi giorni della biologia.

READ  Il governatore della California dichiara lo stato di emergenza per il vaiolo delle scimmie

Prima di andare, concediti queste fantastiche letture.

– Ho raccolto giganteschi palloni ad energia solare dotati di microfoni inviati nella stratosfera terrestre Qualche brontolio inaspettato.

– Scopri com’è la psilocibina Un narcotico nei funghi magiciPuò ricablare il cervello per aiutare con condizioni di salute mentale.

Gli scienziati hanno rivelato come sono sopravvissute le enormi “bestie del tuono” conosciute come brontotheres evoluti in giganti.

Gli astronomi hanno utilizzato il James Webb Space Telescope per osservare La prima cintura di asteroidi vista al di fuori del nostro sistema solare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *