La leadership dell’Unione Europea torna in Tunisia per la seconda volta in un mese

La leadership dell’Unione Europea torna in Tunisia per la seconda volta in un mese

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen torna in Tunisia con i primi ministri di Italia e Olanda, Giorgia Meloni e Mark Rutte.

I tre incontreranno domenica 16 luglio il presidente tunisino Kais Said, il leader autoritario che ha smantellato la democrazia e lanciato espressioni razziste contro gli immigrati dall’Africa sub-sahariana.

Venerdì un portavoce della Commissione europea non ha potuto confermare se von der Leyen solleverà la questione dei diritti umani dei migranti che subiscono maltrattamenti in Tunisia.

Invece, hanno affermato che tali questioni vengono trattate “in altri forum”.

Il loro ritorno in Tunisia, dopo un precedente viaggio avvenuto solo il mese scorso, fa seguito a un’intensa violenza contro i migranti che ha portato alcuni a rischiare pericolosi viaggi in mare verso l’Italia.

L’incontro di giugno con Saied prima del vertice Ue di Bruxelles è arrivato con un accordo preliminare per sostenere la Tunisia con un miliardo di euro di fondi Ue.

Sebbene il denaro proposto faccia parte di un più ampio programma a cinque pilastri che copre questioni come l’energia e l’occupazione, è in gran parte visto come un tentativo da parte dell’Unione europea di arginare l’imbarco di migranti dalle coste tunisine.

Quest’anno sono stati stanziati circa 105 milioni di euro di fondi UE per rafforzare il mare e le frontiere della Tunisia e rimpatriare i migranti indesiderati nei loro paesi di origine.

Ma Said, all’inizio di questo mese, ha affermato che il suo paese “non accetterà di essere custode di confini diversi dal proprio”.

La proposta da 1 miliardo di euro, che attualmente è un memorandum d’intesa, deve ancora essere firmata formalmente.

READ  Dai Schilmer: In tempi di crisi, innovare per prosperare | Notizia

Dana Spinant, portavoce della Commissione europea, ha descritto il MoU come un “ampio documento di partenariato” che non richiederà la ratifica da parte degli Stati membri.

La repressione contro gli africani sub-sahariani si è intensificata, con le autorità tunisine che hanno espulso in massa centinaia di persone, compresi bambini, in remote aree militari lungo il confine con la Libia.

Altri sarebbero stati trasportati in autobus dalla città costiera di Sfax al confine desertico con l’Algeria.

La lotta economica del Paese sta colpendo anche i tunisini, che ora sono tra i cittadini che prendono le barche per raggiungere l’Italia.

Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, nei primi tre mesi di quest’anno sono partiti in barca verso l’Italia oltre 2.000 tunisini.

“Non dovremmo sorprenderci se le persone continuano a lasciare la Tunisia in barca in cerca di protezione efficace altrove”, ha detto in un tweet Vincent Cochetel, inviato speciale dell’UNHCR per il Mediterraneo.

Rutte, la cui coalizione di governo olandese è crollata all’inizio di questa settimana, rimarrà primo ministro provvisorio fino alle elezioni di novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *