La guerra dovrebbe scoppiare in Afghanistan?

I combattenti talebani hanno brandito Kalashnikov e agitato i pugni in aria dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre, sfidando gli avvertimenti statunitensi che se non avessero consegnato Osama bin Laden, il loro paese sarebbe stato bombardato a brandelli.

La spavalderia svanì non appena le bombe americane iniziarono a cadere. Nel giro di poche settimane, molti elementi talebani sono fuggiti dalla capitale afghana, spaventati dal debole lamento di avvicinarsi a un B-52. Ben presto divennero una forza esausta, in fuga attraverso le aride pendici montuose dell’Afghanistan. Come uno dei giornalisti che hanno seguito i primi giorni della guerra, ho visto in prima persona l’incertezza e la perdita di controllo.

Negli ultimi giorni di novembre 2001, i leader talebani hanno iniziato a contattare Hamid Karzai, che presto sarebbe diventato il presidente ad interim dell’Afghanistan: volevano fare un accordo.

“I talebani sono stati completamente sconfitti e non avevano alcuna richiesta se non un’amnistia”, ricorda Barnett Rubin, che all’epoca lavorava con la squadra politica delle Nazioni Unite in Afghanistan.

I talebani pregano con le persone a Kabul, Afghanistan, 22 agosto 2021 (Victor J. Blue/The New York Times)

I corrieri fanno la spola avanti e indietro tra Karzai e il quartier generale del leader talebano Mullah Muhammad Omar a Kandahar. Karzai prevedeva una resa talebana che avrebbe impedito ai militanti di svolgere un ruolo significativo nel futuro del paese.

Ma Washington, fiduciosa che i talebani sarebbero stati eliminati per sempre, non era dell’umore giusto per un accordo.

“Non stiamo negoziando una resa”, ha detto il segretario di Stato Donald Rumsfeld in una conferenza stampa all’epoca, aggiungendo che gli americani non erano interessati a lasciare che Omar vivesse le sue giornate in qualsiasi parte dell’Afghanistan. Gli Stati Uniti lo volevano arrestato o ucciso.

Quasi 20 anni dopo, gli Stati Uniti avevano già negoziato un accordo per porre fine alla guerra in Afghanistan, ma allora l’equilibrio di potere era molto diverso: favoriva i talebani.

Per i diplomatici che hanno passato anni a cercare di sostenere la missione USA-NATO in Afghanistan è l’accordo che l’ex presidente Donald Trump ha stretto con i talebani nel febbraio 2020 per ritirare le truppe statunitensi, un accordo che il presidente Joe Biden ha deciso di sostenere poco dopo il suo insediamento. Generale – Mi sono sentito tradito.

Ora, con i talebani tornati al potere, alcuni di questi diplomatici guardano a un’occasione mancata dagli Stati Uniti, tanti anni fa, per perseguire una resa talebana che avrebbe potuto fermare, o notevolmente abbreviare, la più lunga guerra americana nella sua infanzia. , che salva molte vite.

Per alcuni veterani del coinvolgimento americano in Afghanistan, è difficile immaginare che i colloqui con i talebani nel 2001 avrebbero portato a un risultato peggiore di quello che alla fine hanno ottenuto gli Stati Uniti.

READ  Il sondaggio ha mostrato che più di un quarto degli adulti nell'Unione europea rifiuterebbe il vaccino COVID-19

“Uno degli errori è stato che abbiamo rifiutato il tentativo dei talebani di negoziare”, ha detto Carter Malcasian, ex consigliere anziano del generale Joseph Dunford, che era presidente dei capi di stato maggiore congiunti durante parti delle amministrazioni Obama e Trump. La decisione di non discutere la resa dei talebani per quasi 20 anni.

Membri talebani a Kabul, Afghanistan, 22 agosto 2021 (Victor J. Blue/The New York Times)

“Eravamo così troppo sicuri nel 2001, pensavamo che i talebani se ne fossero andati e che non sarebbero tornati”, ha detto. “Volevamo anche vendetta, quindi abbiamo commesso molti errori che non avremmo dovuto fare”.

Poco più di un anno dopo, gli Stati Uniti avrebbero portato la stessa atmosfera di fiducia e riluttanza a negoziare per la loro invasione dell’Iraq, aprendo un’altra guerra che si sarebbe estesa ben oltre le aspettative americane.

Quando l’amministrazione Trump raggiunse un accordo con i talebani, gli Stati Uniti erano stremati dalla guerra, con poca influenza dato che avevano annunciato l’intenzione di lasciare l’Afghanistan. Quasi 2.500 americani sono morti combattendo sul suolo afghano, insieme a quasi 1.000 soldati di alleati come Gran Bretagna e Canada.

Il bilancio delle vittime afghane è stato molto più alto: almeno 240.000 afgani sono morti, molti dei quali civili, secondo il Watson Institute della Brown University. Secondo alcune stime, i contribuenti statunitensi hanno speso quasi 2 trilioni di dollari in questo sforzo, con poche garanzie di ciò che verrà mostrato.

Al contrario, i talebani sono entrati nei negoziati molto più forti di prima. Il loro rifugio sicuro in Pakistan, dove sono fuggiti nel 2001, si è trasformato in una linea di rifornimento. Anche al culmine della presenza delle truppe americane, gli insorti furono in grado di mantenere un crescente afflusso di reclute dall’Afghanistan e dal Pakistan, stimolati in parte dall’aumento dei profitti dal commercio dell’oppio.

Alla fine presero il controllo di gran parte dell’Afghanistan, spostandosi prima nelle aree rurali e poi nelle città, a volte controllando le strade per alcuni giorni e poi svanendo di nuovo nelle campagne. Il bilancio delle vittime tra le forze di sicurezza afghane è aumentato, a volte fino a centinaia in una settimana.

“Quando ho sentito che gli Stati Uniti si sarebbero incontrati a Doha con i talebani e senza il governo afghano, ho detto: questi non sono negoziati di pace, sono colloqui di resa”, ha detto Ryan Crocker, ex ambasciatore in Afghanistan.

“Quindi i colloqui ora riguardano il nostro ritiro senza che i talebani ci sparassero addosso mentre eravamo via, e non abbiamo ottenuto nulla in cambio”, ha aggiunto Crocker.

READ  Niente più resistenza? Il Panjshir cade nelle mani dei talebani con l'uccisione di alti comandanti e Amrullah Saleh in una località sconosciuta dopo l'attentato

L’accordo raggiunto dall’amministrazione Trump non sanciva i diritti delle donne, né garantiva che le conquiste che gli Stati Uniti avevano fatto per molti anni e le vite che stavano cercando di inculcare, sarebbero state preservate. Né ha impedito ai talebani di lanciare un’offensiva militare globale per conquistare il paese.

Non era nemmeno un accordo di pace. Invece, ha estorto una promessa un po’ vaga dai talebani per prevenire futuri attacchi contro gli Stati Uniti e i suoi alleati. Anche quella lingua è stata messa in discussione: nell’accordo, i talebani si sono rifiutati di accettare la parola “terrorista” per descrivere al-Qaeda.

Uomini vendono bandiere talebane fuori dall’ambasciata degli Stati Uniti a Kabul, Afghanistan, 22 agosto 2021 (Jim Huylebroek/The New York Times)

Ora, i talebani hanno di nuovo il controllo del paese, dando la caccia agli afgani che hanno lavorato o combattuto al fianco degli Stati Uniti, reprimendo violentemente le proteste e, anche se promettono di consentire alle donne di partecipare alla società, stanno ricominciando a limitare i ruoli delle donne al di fuori degli Stati Uniti. casa in alcune parti del paese.

In breve, molto di ciò che gli Stati Uniti hanno cercato di attuare è già in pericolo di essere cancellato.

Alcuni ex diplomatici sottolineano che la guerra ha già portato miglioramenti tangibili. Le forze per le operazioni speciali statunitensi hanno usato l’Afghanistan come trampolino di lancio per prendere di mira bin Laden, portandolo alla morte in Pakistan nel 2011. Dal lato civile, lo sforzo guidato dagli Stati Uniti ha portato l’istruzione a milioni di ragazzi afgani e in modo vitale a molte ragazze. Gli afgani si sono impossessati dei telefoni cellulari e hanno abbracciato i social media, consentendo a molti di loro di vedere e connettersi con il resto del mondo.

Ma dal punto di vista della sicurezza nazionale, una volta morto bin Laden, la ragione strategica per la permanenza degli Stati Uniti nel paese è stata notevolmente ridotta, un punto raro nella politica su cui hanno fatto affidamento i precedenti presidenti. Barack Obama Trump ha accettato.

Ci sono stati certamente altri ostacoli ai colloqui di pace 20 anni fa. A quel tempo, il Pentagono era in fiamme giorni dopo che gli attentatori dell’11 settembre hanno fatto schiantare il loro aereo sul lato ovest dell’edificio e il World Trade Center era in rovina, un enorme mucchio di metallo contorto e cemento. Un senso di dolore nazionale, umiliazione e rabbia era palpabile, portando una passione per la vendetta che potrebbe aver anche accecato molti funzionari americani alla lunga storia di invasioni e occupazioni fallite in Afghanistan.

READ  I talebani nominano il capo della banca centrale in carica mentre le turbolenze economiche aumentano

L’11 settembre 2001, Richard Armitage, l’allora numero due del Dipartimento di Stato, disse al capo dell’agenzia di intelligence militare pakistana che il Pakistan o era dalla parte dell’America o sarebbe stato considerato un nemico: “È bianco o nero”.

Armitage ha detto che il generale Mahmud Ahmed, allora capo della CIA, ha iniziato a spiegare come sono nati i talebani, la loro storia e le connessioni in Afghanistan, compresi molti che hanno contribuito a resistere all’occupazione sovietica con l’aiuto degli Stati Uniti. Armitage lo interruppe: “Ho detto: no, la storia comincia oggi”.

Appena due settimane dopo che Rumsfeld aveva silurato gli sforzi di Karzai per trovare una fine negoziata ai combattimenti, è iniziata una conferenza a Bonn, in Germania, per pianificare un governo successore in Afghanistan, senza i talebani.

Questo processo ha ulteriormente enfatizzato il ruolo dei talebani come attori esterni, tranne per garantire che ogni tentativo di raggiungere un accordo con loro venga respinto. La maggior parte degli invitati alla conferenza erano espatriati o rappresentanti dei signori della guerra i cui abusi contro i civili afghani negli anni ’90 hanno portato i talebani a conquistare il paese in primo luogo.

“All’epoca, non si discuteva sull’inclusione dei talebani”, ha detto James Dobbins, uno dei diplomatici statunitensi all’incontro.

“Onestamente, se i talebani fossero stati invitati, nessun altro sarebbe venuto”, ha detto, aggiungendo, in seguito, “avremmo dovuto includere i talebani nel conto”.

Lakhdar Brahimi, l’inviato speciale delle Nazioni Unite per l’Afghanistan, insisteva sul fatto che, sebbene i talebani fossero stati esclusi da Bonn, avrebbero dovuto almeno essere inclusi nella fase successiva della formazione di un governo di transizione: la Loya Jirga, che riunisce le tribù e le sottotribù . E altri gruppi per determinare la via da seguire del paese.

Alcune persone che erano ideologicamente vicine ai talebani, ma non facevano parte del gruppo, hanno portato i file con i CV dei loro candidati all’ufficio delle Nazioni Unite dove i leader afghani in ascesa stavano esaminando potenziali rappresentanti. Ma Rubin ha detto che alcuni dei potenziali attori sono stati licenziati come terroristi e successivamente arrestati, e uno di loro è stato trasferito nel campo di detenzione americano di Guantanamo Bay, dove ha trascorso più di sei anni anche se non ha mai sostenuto i talebani.

“Un certo numero di afgani con i talebani si sono offerti di arrendersi, e quando lo hanno fatto, li abbiamo messi in prigione, a Bagram e Guantanamo, e non si è discusso se fosse una buona idea”, ricorda Dobbins, che ha lavorato con la transizione . governo afghano.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Che fine ha fatto il web dei rapper?
Next Post Il rover cinese Zhurong supera di tre mesi l’aspettativa di vita su Marte, Pechino estende il servizio